<<indietro

«Ho 44 anni e sono sposata: come posso fare per aprire una Casa Famiglia?»

Angela scrive:
«Vi scrivo per una richiesta che potrà sembrare insolita, ma è molto sentita. Ho 44 anni, in coppia con mio marito, con cui ho sempre condiviso la scelta di aprire la nostra famiglia a un bambino venuto da fuori, ho appena  concluso un’esperienza di affido familiare che ci ha lasciato moltissimo dentro. Abbiamo accolto un ragazzo di 12 anni che non ha mai conosciuto il padre. Lo abbiamo tenuto con noi e separarci è stato difficilissimo, lo assicuro. Ma alla fine, da quando lo abbiamo salutato, tra di noi è come se volessimo continuare quest’esperienza senza smettere mai. Forse sembriamo un po’ strani rispetto alla media delle coppie, ma è stato lui a cambiarci. Ci siamo resi conto che ci sono sempre più bambini in Italia che hanno bisogno come lui di una famiglia a cui “fare affidamento” e ora che sappiamo cosa vuol dire, vorremmo farci avanti. Sappiamo che Ai.Bi. ha esperienza di Casa Famiglia e vorremmo capire come poter realizzare il nostro sogno di aprirne una. Come possiamo organizzarci? A chi possiamo fare riferimento?».

Gentilissima Angela,

Innanzitutto La ringrazio per averci contattati.

Ha perfettamente ragione nel dire che sempre più bambini, anche in Italia, hanno bisogno di vivere in un’altra famiglia, dove poter stare per un po’ ed è per questo che l’Associazione Ai.Bi. è sempre alla ricerca di famiglie interessate all’affido familiare o ad aprire una Casa Famiglia.

La Casa Famiglia è un servizio residenziale di accoglienza per minori, soggetta a visite ispettive dell’Asl territoriale. Il modello di Casa Famiglia di Ai.Bi. si fonda su una coppia di coniugi che, avendo già avuto esperienze di affido familiare, dà la disponibilità ad accogliere fino a un massimo di 6 minori (dagli 0 ai 18 anni). I bambini che arrivano all’interno delle nostre strutture sono minori sotto tutela, ciò significa che sono in carico al Servizio Sociale di competenza. Il servizio sociale che ha ricevuto il mandato dall’Autorità Giudiziaria predispone un progetto a tutela del minore.

La maggior parte dei bambini ha vissuto l’allontanamento dalla famiglia d’origine a causa di grosse problematiche come la trascuratezza, l’incapacità genitoriale, il maltrattamento, episodi di violenza o anche tossicodipendenza e alcolismo da parte della famiglia d’origine.

Lo scopo della Casa Famiglia vuol essere quello di accogliere i bambini che ne hanno bisogno, coccolarli, accudirli e far assaporare loro il clima familiare, in modo da poter dare strumenti per poi essere pronti per essere accompagnati verso il loro progetto di vita definitivo, come l’adozione o il rientro a casa. Spesso accompagniamo i bambini verso un nuovo progetto di affido familiare.

A nostro modo di vedere, la Casa Famiglia non è la risposta definitiva per loro, ma viene intesa come un momento di passaggio dove potersi “preparare” al loro progetto di vita.

Ai.Bi. mette a disposizione della coppia di riferimento della Casa Famiglia ogni genere di supporto: un educatore a supporto della famiglia accogliente, il coordinatore che mantiene i contatti con i diversi Servizi Sociali e sviluppa la rete di famiglie, fondamentale per chi compie una scelta di vita così importante; infine anche una psicologa per poter sempre leggere i comportamenti e le reazioni dei bambini accolti.

A livello organizzativo, l’associazione si impegna nella ricerca di un immobile in linea con i requisiti delle normative regionali, nella zona di residenza della coppia, così da rimanere nel territorio di appartenenza della famiglia e in modo da garantirle abitudini, stile di vita, amicizie anche con una volta che la Casa Famiglia è avviata. È l’Associazione che si fa carico della maggior parte delle spese economiche per la struttura e per i minori accolti, grazie alle rette che i servizi pagano per l’inserimento del minore e grazie anche a diversi finanziatori esterni che continuano a sostenerci.

Se desidera segnalare la sua disponibilità come famiglia accogliente, interessata ad intraprendere un percorso di apertura di una Casa Famiglia con la nostra Associazione, la invito a compilare il format sul nostro sito nella sezione “Lavora con noi – candidatura famiglia per casa famiglia” (http://www.aibi.it/ita/lavora-con-noi/italia), oppure chiamando il numero 02/988221 – 2.

Sarà nostra cura ricontattarla per fissare un colloquio di conoscenza e valutare se è possibile intraprendere un percorso insieme.

Valentina Bresciani, settore Affido e servizi in Italia e coordinatrice Case famiglie di Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini

Condividi questo articolo!
  • Monia Cupellini

    Salve mi chiamo Monia, sono una ragazza di 39 anni e sono un coach e un master in PNL, sono stata a fianco di un fratello tossicodipendente da ben 10 anni e se ho scelto di specializzarmi nel coaching ė stato per poter aiutare mio fratello il quale oggi dopo lunghe terapie e un percorso in comunita mio fratello sta molto bene…ho riscontrato in questi anni che molto spesso i ragazzi/e tossicodipendenti ricadono alla droghe perche non escono ben ristrutturati della propria identita, finito il percorso sia x problemi economici, sia perche non hanno altro posto dove andare sono costretti a ritornare nel loro paese, all’interno delle proprie famigli e inevitabilmente alle vecchie e pericolose amicizie. Ognuno di loro in quel posto non ha piu alcuna credibilita, viene scansato e messo da parte…e quello che si continuera a dire ė esattamente IO SONO UN TOSSICODIPENDENTE ho sperimentato che tutti coloro che non tornano da dove sono andati via hanno la percentualita piu alta di non ricaduta…proprio perche andando “VIA DA” inconsciamente vorrebbero “ANDARE VERSO” sono una donna che per un problema non puo avere figli…voglio aprire una casa famiglia per questi ragazzi e sviluppare le loro pontenzialita nascoste!!! Voglio contribuire a rendere la loro vita straordinaria…Vi chiedo il Vostro aiuto…insieme possiamo fare tanto!!!! Il mio tel 3497364690 Monia grazie per l’attenzione, ora aspetto un Vostro contatto.

    Con il patrocinio del Comune di Roma e con l’Assessorato alle Politiche Sociali e Famiglie abbiamo avviato una serie di importanti sinergie con Aziende,Scuole, Atenei e Centri Sportivi d’eccellenza.  

    Abbiamo pertanto  il piacere di comunicarvi che con la semplice adesione alla nostra Onlus, già il 30 Marzo 2014, avrete la possibilità di partecipare ad una intera  giornata di alta formazione dedicata ai Principi del Coaching Aziendale.

    Per quasi due decenni il nostro presidente, Alessia Mortilla ha costruito il suo marchio sulla base di una cosa: Risultati. 
    Il suo sistema di immersione con il Coaching è straordinario. Oggi, con uno staff di professionisti specificatamente formati per supportare plurime esigenze formative e con il massimo livello di certificazione, siamo pronti ad avviare con voi eccellenti sinergie per il raggiungimento dei vostri obiettivi personali o aziendali. 

    Vi esortiamo per tanto a non lasciarvi scappare questa unica opportunità che vi si offre e di contattarci tempestivamente per un appuntamento con i nostri collaboratori che saranno lieti di rispondere ad ogni vostro quesito in merito.

    In allegato troverete la specifica dei Corsi.

    Sincere Cordialità

    Monia Cupellini 3497364690

    La motivazione è il vero ed unico segreto del successo. I calciatori e gli sportivi di successo sanno cosa vogliono, e soprattutto, si attivano per ottenerlo, compiono delle azioni, giorno per giorno, per raggiungere il loro obiettivo.

  • paolo

    Salve sono Paolo un uomo di 36 anni. la mia richiesta è un po strana lo ammetto e mi scuso sin d’ora. Vorrei ricevere istruzioni per aprire una casa di accoglienza per persone disagiate. Un centro dove si possano garantire anzitutto pasti caldi, bagni per lavarsi e camere da letto. Io sono un disabile con difficolta motorie comunque convinto che ci siano persone più “sfortunate” di me. Eccomi allora con le capacità residue voorei mettermi al servizio del prossimo. Scusate il disturbo e spero comunque in un Vostro cortese riscontro. Un saluto a tutti.

  • annamaria ragusi

    Salve sono una donna di 37 anni separata, con un figlio di 9 anni e mezzo. Sono un educatore professionale e avendo lavorato con i minori di un’educativa domiciliare, e avendo ancora, a mia disposizione un grande villetta a schiera di tre piani più mansarda, e terrazzo di 50mq.mi piacerebbe dare avvio ad un progetto per una casa famiglia. Il mio recapito è 3934551556. In attesa di essere contattata porgo Distinti Saluti Annamaria Ragusi

  • OLGA

    salve siamo una famiglia molto unita,ho 3 figlie,vorremmo aprire una casa famiglia.vogliamo dare tanto amore a questi bambini abbandonati ,orfani ecc,sono felice che esistono associazioni come le vostre,potreste aiutarci in questo progetto? ho una casa di circa 300 mq basterebbe per accogliere dei bambini, quanto costa il tutto? grazie aspetto vostre notizie. cell 392/5673485 fisso.06/9545119 OLGA

  • OLGA

    salve siamo una famiglia molto unita,ho 3 figlie,vorremmo aprire una casa famiglia.vogliamo dare tanto amore a questi bambini abbandonati ,orfani ecc,sono felice che esistono associazioni come le vostre,potreste aiutarci in questo progetto? ho una casa di circa 300 mq basterebbe per accogliere dei bambini, quanto costa il tutto? grazie aspetto vostre notizie. cell 392/5673485 fisso.06/9545119 OLGA AMATO