Bambini in alto mare
<<indietro

Family House, con Unicredit fino al 18 gennaio “ilMioDono” è un voto per l’accoglienza

visual-comedonareCi sono ancora due settimane di tempo per dire “no” all’abbandono e “sì” all’accoglienza in collaborazione con Unicredit. Fino al 18 gennaio sarà possibile aderire a “Un voto, 200mila aiuti concreti”, la campagna di solidarietà lanciata dal grande istituto bancario a sostegno del non profit.

Per l’iniziativa, partita il 3 dicembre, Unicredit ha messo a disposizione un importo complessivo di 200mila euro – da qui il nome dell’edizione di quest’anno della campagna – da distribuire, a titolo di donazione, tra le organizzazioni aderenti al servizio www.ilMioDono.it, tra cui Amici dei Bambini.

Unicredit ha realizzato la piazza virtuale www.ilMioDono.it proprio per facilitare l’incontro tra le organizzazioni del Terzo Settore e tutti coloro che vogliono offrire il proprio contributo al mondo del non profit attraverso una donazione. I fondi verranno raccolti attraverso la UniCreditCard Flexia Classic E, una carta di credito che, senza costi aggiuntivi per il titolare, destina una percentuale di ogni spesa effettuata con la carta stessa a un fondo di beneficenza, il Fondo Carta Etica.

Per aiutare le organizzazioni non profit aderenti all’iniziativa è sufficiente quindi votarle sul sito ilMioDono.it.  Quelle che riceveranno almeno 150 voti saranno inserite nella rosa di candidate a ricevere una quota massima di 12mila euro dei 200mila messi a disposizione da Unicredit. La ripartizione avverrà in proporzione ai voti ricevuti.

Esprimere la propria preferenza per Amici dei Bambini è davvero semplice. Basta autenticarsi e accedere al sito www.ilMioDono.it, cercare Ai.Bi. tra le organizzazioni presenti mediante “Ricerca per Iniziativa” o “Ricerca per Organizzazione”, selezionare Ai.Bi. e cliccare sul link di voto, scegliendo la modalità con cui votare tra quelle proposte.

In questo modo si potrà sostenere un grande progetto di Amici dei Bambini: la Family House, ovvero la prima “clinica italiana per la cura dell’abbandono”, ideata per fornire a mamme e bambini accoglienza e attenzioni speciali 24 ore su 24. L’abbandono è un dramma sempre più presente anche nel nostro Paese, dove almeno 3mila bambini, molti dei quali neonati, ogni anno perdono l’affetto dei loro genitori. Per dire “basta” a tutto questo Ai.Bi. ha realizzato la Family House, un complesso di strutture e servizi – comunità mamma-bambino, appartamenti di semi e alta autonomia, consultorio, culla per la vita, centro di formazione – pensati per l’accoglienza di neonati abbandonati, mamme sole e famiglie in difficoltà. Una realtà che fino al 18 gennaio è possibile sostenere attraverso un dono speciale: “Il Mio Dono”.


EMERGENZA SIRIA