Bambini in alto mare
<<indietro

Adozione a Distanza. Jean alla sua sostenitrice: “spero con tutto il cuore che tu venga a trovarmi presto in Marocco”

Quella che segue è la lettera di Jean alla famiglia che lo sostiene a distanza da ormai due anni.
Jean racconta alla sua “famiglia” a distanza oltremare le difficoltà scolastiche, cui fa da sfondo la altrettanto difficile realtà marocchina. Dalla sua lettera traspare comunque un’orgogliosa speranza, che Jean ha riposto non solo in sé stesso ma soprattutto nella famiglia che gli consente di proseguire la sua vita con serenità . Durante il lungo periodo di relazione epistolare, Jean e la sua famiglia hanno ormai un rapporto particolarmente intimo, ed è infatti orgoglioso di potersi rivolgere alla sua “mamma” proprio con questo appellativo.

Questa è la sintesi di un legame che è possibile solo con un’Adozione a Distanza, un legame che, a detta di Jean, prima o poi si consoliderà in un caldo abbraccio.  

Carissima mamma, ti mando i miei cari saluti.

Devo confessarti una cosa: non sono stato promosso quest’anno, perché ho attraversato un periodo un po’ difficile. Mi dispiace molto, per prometto che mi impegnerò affinché quest’anno scolastico vada meglio e raggiungerò non solo questo obiettivo, ma tanti altri.

Ti ringrazio molto per il tuo sostegno, ci sei sempre stata e continui ad esserci. Sei sempre nei miei pensieri, cara mamma, e rappresenti per me una figura molto importante.

Ci tengo a raccontarti che attualmente, nelle ore libere, sto svolgendo un lavoretto presso un internet point per fare una nuova esperienza e mi piace moltissimo.  

Mando i miei saluti a tutti coloro che sono in Italia  e che mi pensano: spero con tutto il cuore che tu venga a trovarmi presto in Marocco, sarebbe un regalo apprezzatissimo.

Un abbraccio e tanti baci!

Il vostro caro figlio

Jean

Seguici:

Articoli correlati