Volontariato d’impresa

Risorse umane

Per sviluppare un buon clima aziendale, il senso e orgoglio di appartenenza dei dipendenti verso l’azienda, una delle risposte possibili può essere la condivisione di un progetto sociale, nel quale ci si riconosca e si ritrovino valori comuni.

Ecco qualche esempio di modalità di collaborazione in questo senso:

  • il volontariato d’impresa, ossia il coinvolgimento operativo dei dipendenti in attività socialmente utili a favore dell’infanzia, da realizzare in orario di lavoro
  • eventi e iniziative per il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei dipendenti alla causa
  • progetti di payroll giving, ovvero raccolte fondi interne attraverso la trattenuta volontaria di un contributo dalla busta paga

Attraverso il coinvolgimento su un progetto condiviso a favore dei bambini, è possibile rafforzare la relazione tra l’azienda e le sue persone, in termini di:

  • appagamento dei dipendenti attraverso la condivisione dei risultati del progetto
  • accrescimento del loro senso di coesione e di squadra
  • identificazione positiva con l’azienda

La CSR rafforza il rapporto con i dipendenti
Il 67% delle aziende investitrici pensa che la CSR sia tanto un’opportunità di sviluppo quanto uno strumento per incrementare il legame interno all’azienda: chi la pratica la ritiene in genere un obiettivo aziendale al pari degli obiettivi di mercato e vi coinvolge i dipendenti, che ne comprendono l’importanza e i benefici anche a livello di immagine. Alla domanda se la responsabilità sociale rafforzi il rapporto con i dipendenti il 45% risponde “abbastanza” e il 22% risponde “molto”.
(Dati, relativi all’anno 2011, condotto da SWG per l’Osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione su un campione di 823 aziende con più di 100 dipendenti.)

La case history di successo: Cartasi, una mano per la vita >>