Sostegno a Distanza

Storie di Sostegno a Distanza

Sostegno a Distanza

Pablito, 16 anni: “Non sono stato adottato… che ne sarà di me?”

Pablito è un ragazzo di 16 anni. È stato accolto nella Casa d’accoglienza di Campo Formoso, insieme alle sue due sorelle, in conseguenza di una sentenza perché vittime della negligenza della madre, la quale è dipendente dall’alcool e ha perso la patria potestà. Pablito non ha mai frequentato la scuola, a causa del suo grave stato di salute. Soffre molto sin da quando è nato, tuttavia è molto forte e desidera vivere. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

Moldova: «…quando la nonna alzò il bastone contro l’orfanotrofio!»

È inverno a Chisinau, in Moldova. L’alluvione dell’estate 2009 è ancora stampata sulle pareti delle case, ma c’è una donna che ha tutt’altra preoccupazione. Entra ed esce dalla porta risistemata di recente grazie all’aiuto dei volontari dell’Istituto N° 3 e del Centro Servizi Sociali. È una delle più anziane del villaggio. Entra ed esce da quella porta, con un solo pensiero al centro della fronte. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

«Perché non venite in istituto a festeggiare il compleanno con i miei genitori?»

Stefania e Andrea, coppia di sostenitori a distanza (i nomi sono fittizi), iniziano una maratona solidale. Faranno a gara per rendere felici i bambini e le bambine di un istituto in Ucraina: infatti il compleanno della bimba da loro sostenuta, Monia (ancora un nome di fantasia), sarà il pretesto per partire e festeggiare il compleanno di altri 120 piccoli ospiti. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

«Questo bambino non lo vogliamo». E Julio fu mandato in Istituto

Questa è la storia di un ragazzo nato in Brasile, nell’area di Bahia, da una madre giovanissima. Fu sottratto al seno materno quando ne era appena uscito. Lo chiameremo Julio, usando un nome di fantasia. La famiglia della madre non ha voluto che Julio stesse con loro e lo ha affidato ad altri, dicendo alla mamma che l’ospedale si sarebbe preso cura di lui. In realtà la famiglia, in segreto, lo aveva dato a un antico Istituto della città. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

Aleksej, 9 anni, «Non voglio ritornare in istituto, lasciatemi a casa mia, ma… non solo a Natale»

Siamo fuori Chisinau, in un piccolo villaggio della Moldova, dalle case vecchie quasi interamente coperte dalla neve. In questo paesaggio dipinto di bianco sembra tutto addormentato. Piano piano ci avviciniamo alla casa della famiglia G., che riconosciamo a fatica. Dalla finestra ci dà il benvenuto un ragazzino che sembra un piccolo Babbo Natale. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

Klaus: «A 10 anni mi hanno cacciato dalla mia famiglia»

Vive in un Istituto a Plovdiv in Bulgaria. Ci è entrato perché con la famiglia non andava per niente bene. A casa gli hanno inculcato un’educazione sbagliata e un’immagine distorta di se stesso. Se oggi si chiede a Klaus di descrivere le sue capacità intellettive, si scopre un ragazzo che si rimira in uno specchio deformante. Si considera una sorta di ritardato mentale e pensa di non potercela fare più di tanto a scuola. LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

«Pavel, sei il più grande dei tuoi fratelli: devi andare in Istituto»

C’è neve in Moldova. È un biancore universale disteso sulla contrada, che restituisce alle città una ritrovata innocenza. Un ragazzo fra tutti procede in quel bagliore. Forse fantastica di dare battaglia a esseri immaginari. Forse è stanco per via delle lunghe lezioni. Forse gli manca qualcuno. Si chiama Pavel e la sua storia è quella che scegliamo oggi, tra migliaia e migliaia di altre. È del fiocco di neve che si posa su di lui che vogliamo raccontarvi… LEGGI TUTTO…

Sostegno a Distanza

«Quando sarai più grande, verrò a prenderti e ti porterò a Venezia!»

Anche il Sostegno a Distanza crea un rapporto fra un adulto e un bambino in difficoltà: ce lo dice Chiara in questa lettera. “Mi racconti qualcosa di Kabila e Lumumba? Sarebbe davvero bellissimo per me portarti a Venezia, magari quando sarai un po’ più grande, chissà…  ce la faremo. Ci proviamo, ok? Un abbraccio, Chiara. P.S. Spero che a breve tu possa ricevere un regalino di Natale… anche se in ritardo!”. LEGGI TUTTO…