Il venerdì della accoglienza. Juan Pablo è emozionato all’idea di conoscere dei nuovi genitori

Scheda inserita il: 05/06/2020

Anno di nascita: 2009

Provenienza: Sud America

Richiedi informazioni su questo bambino

Per il venerdì della accoglienza raccontiamo la storia di Juan Pablo: un dolce ragazzino sudamericano di 10 anni e mezzo, entrato in istituto solo lo scorso anno.

Ha vissuto fino ad allora con la mamma e la nonna materna, le uniche persone adulte di riferimento con le quali ha potuto relazionarsi. Entrambe presentano disturbi bipolari, quindi Juan Pablo ha vissuto in condizioni di estrema negligenza rispetto ai suoi bisogni, non tanto materiali, quanto emotivi e sociali. Gli sono mancate figure protettive, affettive e normative come dovrebbero essere le figure genitoriali, per favorire il sano ed armonioso sviluppo di un figlio: la madre è infatti inadeguata a ricoprire il ruolo materno, anaffettiva e con pochi strumenti educativi.

Il nucleo familiare viene preso in carico dai servizi sociali e anche Juan Pablo inizia, fin dai 3 anni, un accompagnamento psicologico. Purtroppo non si ottengono i risultati previsti e la mamma non mostra interesse ad acquisire maggiori strumenti per la gestione del figlio, essendo maggiormente concentrata sulla propria salute e quella della madre, oltre ad avere problemi economici e lavorativi; decide quindi di firmare il consenso all’adozione del figlio.

Juan Pablo, nonostante la giovane età, di fronte al trasferimento in istituto e alla possibilità dell’adozione, ha mostrato da subito un atteggiamento positivo.

In istituto è stato necessario un lavoro di stabilizzazione del bambino e di regolazione delle sue emozioni, oggi Juan Pablo presenta un buon comportamento e rispetta le regole, dice chiaramente di “sentirsi più tranquillo che a casa”.

A scuola, dove frequenta la quinta elementare, partecipa alle attività proposte ed esegue i suoi compiti; malgrado le deprivazioni e l’ambiente poco stimolante in cui ha vissuto dal punto di vista educativo, mostra un buon livello di attenzione, parla in modo coerente e fluido, si adatta ai vari contesti ed è collaborativo.

Rispetto alla possibile adozione e all’accoglienza da parte di un nuovo nucleo famigliare riferisce di essere pronto, perché sa che starà meglio con un’altra famiglia, sarà più tranquillo e felice; si sente emozionato all’idea di conoscere i nuovi genitori ed è in trepidante attesa.

In associazione sono disponibili foto del bambino.

Siete in possesso dell’idoneità di adozione e siete interessati a questo caso? Compilate il modulo richiesta di informazioni e in breve tempo sarete contattati dai nostri operatori.
Richiedi informazioni su questo bambino