Silvia e Stefano chiedono alle famiglie de “La Pietra Scartata”, di pregare, in questo giovedì 8 aprile, per tutti i bambini che ancora aspettano un papà e una mamma, soprattutto per tutti quei bambini che per poter vivere necessitano sia di “cure del cuore” che di “cure mediche”.  Questi bambini sono così fragili che spesso basta un ritardo per far sì che sia troppo tardi… O Signore, aiuta le coppie che intraprendono il percorso adottivo a correre veloci verso il loro bambino, a non esitare, a non lasciarsi scoraggiare da imperfezioni o patologie ma a fissare sempre e solo lo sguardo verso il loro piccolino che sta lottando, giorno dopo giorno, per riuscire ad aspettarli. 

 

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito santo. Amen.

 

Invocazione allo Spirito Santo

Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce.
Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto, ospite dolce dell’anima, dolcissimo sollievo.
Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto.

O luce beatissima, invadi nell’intimo il cuore dei tuoi fedeli.
Senza la tua forza, nulla è nell’uomo, nulla senza colpa.

Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina.
Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, raddrizza ciò che è sviato.

Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni.
Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna.

Amen

Preghiera per la famiglia


Signore, dona alla nostra famiglia

pace, gioia e benedizione.

Aiutaci a volerci bene,

ad essere generosi ed accoglienti,

a rispettarci ed aiutarci in ogni necessità,

a godere delle piccole cose,

ad essere laboriosi,

a perdonarci gli uni gli altri,

pronti ad ascoltarci reciprocamente,

attenti alla tua voce,

che ci chiama a crescere nell’amore

per rendere preziosa la nostra vita.

Amen.

Stralcio dall’Udienza Generale di Papa Francesco di Mercoledì 7 Aprile 2021: Catechesi sulla preghiera – 28. Pregare in comunione con i Santi.

“… quando preghiamo… siamo immersi in un fiume maestoso di invocazioni che ci precede e che prosegue dopo di noi… Le preghiere – quelle buone – sono “diffusive”, si propagano in continuazione, con o senza messaggi sui “social”: dalle corsie di ospedale, dai momenti di ritrovo festoso come da quelli in cui si soffre in silenzio… Il dolore di ciascuno è il dolore di tutti, e la felicità di qualcuno si travasa nell’animo di altri. Il dolore e la felicità, fanno parte dell’unica storia: sono storie che si fanno storia nella propria vita. Si rivive la storia con le proprie parole, ma l’esperienza è la stessa.

Le preghiere rinascono sempre: ogni volta che congiungiamo le mani e apriamo il cuore a Dio, ci ritroviamo in una compagnia di santi anonimi e di santi riconosciuti che con noi pregano, e che per noi intercedono, come fratelli e sorelle maggiori transitati per la nostra stessa avventura umana…

Pregare per gli altri è il primo modo di amarli e ci spinge alla vicinanza concreta. Anche nei momenti di conflitti, un modo di sciogliere il conflitto, di ammorbidirlo, è pregare per la persona con la quale io sono in conflitto. E qualcosa cambia con la preghiera. La prima cosa che cambia è il mio cuore, è il mio atteggiamento. Il Signore lo cambia per rendere possibile un incontro, un nuovo incontro ed evitare che il conflitto divenga una guerra senza fine… Se nella nostra vita le prove non hanno superato il colmo, se ancora siamo capaci di perseveranza, se malgrado tutto andiamo avanti con fiducia, forse tutto questo, più che ai nostri meriti, lo dobbiamo all’intercessione di tanti santi, alcuni in Cielo, altri pellegrini come noi sulla terra, che ci hanno protetto e accompagnato perché tutti sappiamo che qui sulla terra c’è gente santa, uomini e donne santi che vivono in santità. Loro non lo sanno, neppure noi lo sappiamo, ma ci sono dei santi, dei santi di tutti i giorni, dei santi nascosti o come mi piace dire i “santi della porta accanto”, quelli che convivono nella vita con noi, che lavorano con noi, e conducono una vita di santità…”.

Momento di silenzio (la durata è a discrezione di ciascuna famiglia)

 

 Le preghiere delle famiglie:    

Silvia e Stefano chiedono a tutti noi di pregare per tutti i bambini che ancora aspettano un papà e una mamma, soprattutto per tutti quei bambini che per poter vivere necessitano sia di “cure del cuore” che di “cure mediche”. Questi bambini sono così fragili che spesso basta un ritardo per far sì che sia troppo tardi… O Signore, aiuta le coppie che intraprendono il percorso adottivo a correre veloci verso il loro bambino, a non esitare, a non lasciarsi scoraggiare da imperfezioni o patologie ma a fissare sempre e solo lo sguardo verso il loro piccolino che sta lottando, giorno dopo giorno, per riuscire ad aspettarli.

Tutti noi insieme, chiediamo al Signore di custodire questi amici: Morgan e Samuele, Lucas e Samuel con Jesuane, Paul, Marta, Andrea, Esther, Stefania, Francesca e Veronica, Xiuxiào, Filippo e Annalia, Giacomo, Jussara, Rafael, Kamelia, Fabio, Giuly, Pasquale, Martin, Gabriele e Pietro, Antonella, Daniela, Julia e Marjana, Rayan, Ray, Cindy, Mery, Artur, Mariangela, Rabia, William, Ronny, Kasambi, Chenchèn, Giulia, Aurora, Kevin e Francesco, Rosa, John, Paulo e Kakà.

(Ciascuno aggiunga i propri cari e ce lo comunichi, così li inseriamo. Indicateci anche le situazioni risolte, potremo così condividere con gioia gli effetti della nostra fiduciosa preghiera).   

 

Padre nostro…

 

Pensiero del giorno:

Non preoccuparti di numeri.

Aiuta una persona alla volta

e inizia sempre con la persona

più vicina a te”

(Madre Teresa di Calcutta)

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.

Amen.

 Si consiglia di avere un simbolo, un oggetto o altro che ci permetta di fare un po’ di “deserto” intorno a noi (una Bibbia, o un crocefisso, o altro). Si consiglia inoltre che la preghiera sia recitata dalla coppia. Per coloro che recitano la Liturgia delle Ore potrebbe precederla o seguirla. Giorno previsto: il giovedì alle ore 21,00 (secondo le possibilità di ciascuna famiglia).

 Coloro che volessero inviarci le proprie preghiere o volessero chiedere di pregare per una persona a loro cara possono contattarci all’indirizzo: ilfilodellapreghiera@aibi.it.

 

 

Tags: