Nel primo sabato del mese di febbraio 2022 si rinnova la preghiera del Santo Rosario dedicata ai bambini abbandonati di tutto il mondo e alle famiglie adottive e affidatarie. Commento e preghiere a cura di Vilma e Sergio Barel (Gruppo famiglie – Regione Friuli Venezia Giulia). Prega insieme a noi, sabato 1 gennaio alle ore 21.00 su Facebook e su YouTube

dal Vangelo secondo Marco (Mc 6,30-34)
In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Il commento di Vilma e Sergio

Gesù ci invita alla riflessione e ha compassione per noi che abbiamo bisogno di un pastore e delle sue parole. Nel nostro percorso adottivo così coinvolgente abbiamo spesso bisogno di riflettere e di cercare e trovare nelle parole di Gesù la guida e l’aiuto che le nostre famiglie richiedono.
Ed è proprio attorno alle parole di Gesù che le famiglie adottive si raccolgono nei loro momenti più difficili, trovando in esse lo spirito della salvezza nell’accoglienza dei più piccoli perché possano essere e sentirsi figli.

Preghiamo

Nel primo mistero della gioia ricordiamo l’annunciazione dell’Angelo a Maria Vergine
Preghiamo per i nostri figli che crescendo nella loro adolescenza faticano a trovare la loro strada nella società sempre più esigente e che non tiene conto della loro fragilità.

Nel secondo mistero della gioia ricordiamo la visita di Maria Santissima a Santa Elisabetta
Preghiamo per i nostri figli che sono nelle comunità alla ricerca di rimettere insieme le diverse parti della loro tormentata infanzia e adolescenza, perché possano trovare il senso della loro vita.

Nel terzo mistero della gioia si contempla la nascita di Gesù nella capanna di Betlemme
Preghiamo per i bambini bloccati negli istituti nei Paesi chiudi a causa della pandemia che non possono raggiungere le loro famiglie adottive, perché non perdano la speranza di diventare figli.

Nel quarto mistero della gioia ricordiamo Gesù che viene presentato al Tempio da Maria e Giuseppe
Preghiamo per le famiglie adottive, perché trovino nei momenti di riflessioni e nelle parole del vangelo la forza e lo spirito di continuare ad essere accoglienti e perseveranti.

Nel quinto mistero della gioia ricordiamo il ritrovamento di Gesù nel Tempio
Preghiamo per tutti noi, perché lo spirito dell’accoglienza cresca e si rafforzi come unica via per costruire una società più equa.

 

 

Tags: