SaD News

  Il Giornale del Sostegno a Distanza
 
 
 
 
 
Italia
 

Milano: Famiglia costretta a vivere in un furgone dopo lo sfratto… poi qualcuno chiama “pronto Ai.Bi.?”

Per tre che ne salvi, altri quattro restano all’addiaccio. Sempre più spesso i bambini bisognosi abitano in città. Milano, mentre si prepara all’Expo, registra un giorno sì e l’altro pure storie di sfratti, di famiglie senza casa, di madri disperate e bambini che i genitori ce l’ hanno, ma non basta per salvarli.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
XVI Forum Nazionale del SaD
 

Il sostegno a distanza si avvicina: ora aiutiamo i bambini italiani

Il sostegno accorcia le distanze. Oltre alle tante iniziative che i numerosi enti del Terzo Settore portano avanti per aiutare i bambini dei Paesi più poveri del mondo, negli ultimi anni si sta diffondendo una nuova modalità di supporto diretta a minori e famiglie che, in Italia, si trovano costretti ad affrontare una fase di grave crisi.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
 
Al collasso le strutture d’accoglienza
 

Immigrati: nei primi due mesi del 2015 sbarcati in Italia quasi 8mila persone. Il 43% in più dell’anno scorso

L’esodo dei migranti è da record. Il 2015 registra nel primo bimestre una crescita del 43% rispetto all’anno precedente. Sonno infatti 7.882 i migranti sbarcati sulle coste italiane, mentre nello stesso periodo del 2014 ne arrivarono ‘solo’ 5.506.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
Gente
 

Vuol restare in Siria. Aiutamolo a farlo

Dovrebbero  giocare a pallone,  nelle strade dei loro villaggi. Rincorrersi e ridere. Ecco perché Ai.Bi, Amici dei Bambini, ha lanciato la campagna “Io non voglio andare via” per garantire alle famiglie la possibilità di non abbandonare il Paese. Ne parla in questo speciale, che riportiamo in versione integrale, Federica Capozzi sul numero di Gente in questi giorni in edicola dal titolo “Vuol restare in Siria. Aiutamolo a farlo”.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
Volodarka
 

Ucraina. La gioia “proibita” delle cose semplici per i bambini vittime della guerra

La situazione di guerra in Ucraina si riflette anche nelle zone dove non ci sono le battaglie con le armi pesanti. I bambini,  ospiti dell’istituto di Volodarka stanno soffrendo già per la mancanza della famiglia, ma adesso stanno proprio perdendo la serenità, sentendo nell’aria la tristezza, obbligati a lasciare le case e scappare dal pericolo senza avere tante speranze di tornare. Lo fanno proprio perché questo sentimento è molto noto a ciascuno di loro.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
 
 
 
Kenya
 

A scuola e nell’orto per diventare contadini: il sogno di due amici

La mattina a scuola, il pomeriggio nell’orto. Succede nel centro Saint Paul a molti dei sessanta bambini accolti, entusiasti di vedere crescere giorno dopo giorno gli ortaggi che insieme agli educatori piantano nel terreno, pregustando pietanze prelibate. E’ un lusso in Africa mangiare ortaggi freschi, perché l’acqua scarseggia anche nelle città.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
Mamme al lavoro, figli al sicuro
 

In Perù la storia vera dei ‘mille e uno’ abbandoni ha i giorni contati

Una telefonata è bastata per donare un po’ di felicità a dieci bambini del Posada de Belén: finalmente  hanno trovato un sostenitore! Fernando, il direttore della struttura, aspettava con ansia questa bella notizia, perché i bambini coinvolti non risiedono nell’istituto, ma il Posada de Belén accompagna e assiste questi minori che vivono con i loro genitori nel quartiere.

Vai all'archivio news paese >>
 
 
 
 
 
Al via i corsi professionali a Lar Fabriano
 

Basta un paio di forbici per tagliare via l’abbandono o il superfluo…

Un paio di forbici e il peggio dell’abbandono va via, portandosi dietro il rischio di una vita adulta randagia e perduta. E’ con questa certezza che ripartono in Brasile i corsi professionali per ragazzi che vivono nell’istituto Lar Fabiano, o provenienti da famiglie segnalate dai servizi sociali per la loro fragilità sociale.

Vai all'archivio news paese >>
 
 

 

 
  Lettere al Direttore
 
 
Lettera al Direttore

Posso attivare un Sostegno a Distanza a favore di un neonato?

Sono una giovane neomamma che due mesi fa ha dato alla luce un bellissimo bambino. Un evento che, come potete facilmente immaginare, ha riempito me e mio marito di un’estrema gioia. So bene, però, che purtroppo molte altre mamme, a differenza mia, non vivono la maternità come un sogno che si realizza, ma come l’inizio di un periodo pieno di difficoltà. Esiste un progetto di Sostegno a Distanza che permetta di aiutare bambini piccoli come il mio? Risponde Valentina Bresciani Settore Affido di Ai.Bi.

Leggi >>

Vai all'archivio delle Lettere al Direttore >>
 

 

 
 

ATTIVA UN SOSTEGNO

 
 

MATERIALE INFORMATIVO

 

Vuoi avere maggiori informazioni sul Sostegno a Distanza di Ai.Bi.?
Compila il modulo per richiedere il materiale informativo >>

Telefono: 02.988.221 tasto 3
email: sad@aibi.it

 

SCOPRI DI PIÙ

 

Sostegno a Distanza Italia
Con un impegno di 10 euro al mese, aiuterai mamme e bambini ad avere una vita migliore. Grazie al tuo prezioso sostegno, contribuiremo ad assicurare ai bambini in Italia la giusta accoglienza all'interno di Case Famiglia, Comunità Mamma – Bambino e Appartamenti ad Alta Autonomia.Scopri di più >>

Sostegno a Distanza Comunità
Con un impegno di 25 euro al mese, potrai sostenere le attività progettuali di un paese e accogliere nel tuo cuore i minori ospitati in un’intera comunità di accoglienza.Scopri di più >>

Sostegno a Distanza Bambino
Con un impegno di 50 euro al mese, attiverai un Sostegno a Distanza, e accoglierai nel tuo cuore la storia di un bambino abbandonato, cambiando il suo destino.Scopri di più >>

 
 
foto header
 
Bambini che aspettano il tuo sostegno. Un numero in meno, un sorriso in più!
Continente Numero
Africa 37
Sud America 31
Asia 26
foto header
 
Family House
 
Lasciti testamentari
 
rinnova ora
 
testimonial Anna falchi
 
Forum SaD
 
Leggi le FaQ
 
Hai mai provato la sensazione di essere abbandonato?