Sostegno a Distanza in Italia

Fame di Mamma

Sostegno a Distanza “Fame di Mamma”: Italia

Casa, cura, protezione, ascolto, comprensione, supporto, fiducia: di questo hanno bisogno gli adolescenti fuori famiglia e le mamme che, rese fragili da maltrattamenti, malattie, povertà, rischiano di abbandonare i loro figli.

E questo è quello che assicuriamo aprendo le nostre braccia 24 ore su 24.

Fame di Mamma è la campagna di Ai.Bi. e della Cooperativa AIBC per dire basta all’abbandono in Italia: i bisogni vitali di un bambino, specie se abbandonato, mettono in risalto la necessità di un nutrimento non soltanto fisico, bensì interiore e affettivo, una vera e propria “Fame di Mamma”.

La Campagna sostiene tutte le Comunità d’accoglienza e i Centri Servizi alla Famiglia (PDZ) attivi sul territorio Italiano.

Cosa puoi fare in Italia? Attiva un Sostegno a Distanza e sostieni il progetto”Fame di Mamma”.

Attiva un Sostegno a Distanza in Italia

Le case di accoglienza e i servizi in Italia

“Family House” – Clinica per la cura dell’abbandono 

La prima struttura in Italia ad alta specializzazione in grado di fornire servizi a 360° sull’abbandono e sull’accoglienza. Un luogo che mette al centro la salute del cuore e dell’anima del bambino e della famiglia in difficoltà e dove mamme e bambini vulnerabili trovano una casa, ascolto e protezione. La struttura ospita:

1 Culla per la Vita “La Chioccia“/ 2 Comunità Mamma – Bambino “Casa Irene” e “Casa Caterina” / 2 Appartamento di Semi Autonomia “Casa Angela” e “Casa Aurora”/ 1 Appartamento di Alta Autonomia “Casa Gioia”/ 1 Spazio Neutro “Beniamino”/ 1 Centro Servizi per le Famiglie Pan di Zucchero / 1 Centro Europeo di Formazione per Famiglie Accoglienti e Minori “CEFAM

La Tua Casa

Da bene confiscato alla ‘ndrangheta a sistema integrato di accoglienza che accompagna le madri in difficoltà ad acquisire e rafforzare le competenze genitoriali e la propria sicurezza per essere donne e madri più consapevoli, forti e autonome, per sé e per i propri figli. La Tua Casa, ospita al suo interno una comunità mamma-bambino, Casa Tina, che accoglie fino a 5 mamme in situazione di rischio insieme ai propri figlie, e due appartamenti di alta autonomia, Casa Giuditta e Casa Maria, che accolgono 3 mamme con bambini pronte ad intraprendere la strada per  l’autonomia.

Il Bocciolo

C’è uno spazio in cui ogni donna può rifiorire come donna e come madre: è Il Bocciolo. Un luogo sicuro per tutte le donne che hanno subito abusi e/o violenza  e che hanno bisogno di essere sostenute per “ripartire” con più energia e autonomia. Un appartamento ad alta autonomia che accoglie fino a 3 mamme con bambini con l’obiettivo di prevenire l’abbandono e sostenere la maternità attraverso il mantenimento ed il sostegno della relazione mamma-bambino.

Villa Capitanio 

Uno spazio di co-housing in cui giovani studentesse convivono con mamme in uscita da percorsi comunitari o di fragilità insieme ai loro figli. Tre i nuclei mamma-bambino accolti in tre diversi appartamenti di alta autonomia, Casa Alba, Casa Gemma e Casa Perla, e quattro le studentesse ospitate. Un luogo di cura e reciprocità secondo una logica di welfare comunitario per cui famiglie e volontari del posto supportano l’educatore di riferimento nell’accompagnamento delle mamme e dei loro figli verso la completa indipendenza.

 

Casa Pinocchio

Fragilità. È questo l’elemento che accomuna tutti gli adolescenti e giovani, privi della sicurezza e dell’amore che solo una famiglia può assicurare. Ispirata al mondo delle favole e al burattino nato dalla penna di Collodi, Casa Pinocchio è un luogo di passaggio per 8 ragazzi fuori famiglia, italiani e stranieri non accompagnati, che hanno bisogno di un breve periodo di tempo per sedimentare il loro vissuto, per poi passare ad essere accolti in una famiglia che temporaneamente possa prendersi cura di loro e accompagnarli all’età adulta.

Casa Francesco

Dedicata ai giovani neo maggiorenni che vivono fuori dalle loro famiglie di origine (Careleaver), Casa Francesco è un appartamento tutelato dove intraprendere un percorso di progressiva indipendenza e passaggio all’età adulta. Un servizio dove poter vivere un’esperienza educativa che permette loro di imparare a gestire una casa, organizzare il proprio tempo, in funzione del lavoro o dello studio, e gestire le proprie risorse economiche, sotto la supervisione di una figura educativa di riferimento.

Centri Servizi alla Famiglia “Pan di Zucchero”

Presenti in tutta Italia, i Centri Servizi alla Famiglia “Pan Di Zucchero” sono luoghi di accoglienza e cittadinanza attiva, dove professionisti e volontari offrono gratuitamente spazi di socializzazione, supporto psicologico, educativo e aiuto computi ai minori ed adolescenti che, già vulnerabili, rischiano di rimanere indietro rispetto ai loro coetanei. Qui le famiglie più fragili del territorio trovano un servizio di supporto e accompagnamento alla genitorialità e l’ascolto e il sostegno della rete di famiglie volontarie.

News

Sai cos’è la “Fame di Mamma”? In Italia ci sono bimbi che la “sentono” ogni giorno

Sai cos'è la “Fame di Mamma”? In Italia ci sono bimbi che la "sentono" ogni giorno
Il calore di una casa, cura, protezione, affetto... in una sola parola: una mamma! È il tremendo bisogno di tutti ...
Leggi tutto

Bolzano. Ci sono anch’io!

Bolzano. Ci sono anch’io!
La tenerezza di una promozione – l’accoglienza non si ferma Continua il progetto di sostegno scolastico gestito dalla sede di Bolzano ...
Leggi tutto

Monghidoro. Partito il Centro Estivo di Ai.Bi. perché #accoglienzanonsiferma

Monghidoro. Partito il Centro Estivo di Ai.Bi. perché #accoglienzanonsiferma
I campi estivi sono iniziati il 29 giugno e proseguiranno fino a settembre. Amici dei Bambini non si ferma mai ...
Leggi tutto
Loading...