Adozione a Distanza in Marocco

Adozione a distanza: Marocco

Il Marocco è uno stato del Nord Africa con una crescita economica costante. Nonostante i progressi raggiunti, il livello di povertà resta molto alto, con il 50% della popolazione che vive con meno di 100 euro al mese. In seguito alla ratifica della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia (CDE) nel 1993, sono stati realizzati importanti progressi nella tutela dei diritti dei minori, tuttavia, il 37% dei minori versa ancora in condizione di povertà e vulnerabilità e sono almeno 25.000 i minori che non hanno un domicilio fisso e accesso a beni e servizi essenziali. Non esistono dati governativi ufficiali sull’abbandono dei minori ma si stimano oltre 70.000 bambini e adolescenti in stato di abbandono ospiti in 816 istituti di protezione dell’infanzia. In tutto il Paese vengono abbandonati 24 bambini ogni giorno e 8000 ogni anno.

Ai.Bi. è presente in Marocco dal 1992 con progetti di cooperazione allo sviluppo e da 2006 con interventi di Adozione e Sostegno a Distanza per migliorare le condizioni di vita dei minori e adolescenti accolti in quattro istituti.

Cosa puoi fare in Marocco? Adottare a Distanza un bambino o Sostenere a Distanza un istituto

Adotta a Distanza un bambino in Marocco

Appelli Adozione a Distanza dal Marocco

Marocco. Abellatif abbandonato dalla mamma a 5 anni ha bisogno di qualcuno che creda in lui

Marocco. Abellatif abbandonato dalla mamma a 5 anni ha bisogno di qualcuno che creda in lui
Lasciare la tua casa, il tuo lettino, la tua famiglia per ritrovarti solo in istituto. Questo è accaduto ad Abellatif ...
Adotta a Distanza

Marocco. Anass, 8 anni, lontano dalla sua mamma ha bisogno del tuo aiuto

Marocco. Anass, 8 anni, lontano dalla sua mamma ha bisogno del tuo aiuto
Appello urgente per Anass. Rimasto improvvisamente solo, ha bisogno del tuo sostegno per poter continuare a crescere sereno. Puoi donarglielo ...
Adotta a Distanza

Gli interventi di Ai.Bi. in Marocco

Fondation Rita Zniber

La fondazione si prende cura dell’infanzia orfana e abbandonata dalla fine degli anni’80, quando la fondatrice, Rita Zniber, allestì un centro di accolglienza, Le Nids, all’interno dell’ospedale di Meknes. Nel 2007 nasce un secondo centro per minori fino ai 18 anni. Le due strutture accolgono oltre 280 bambini, 35 con disabilità. Grazie al Sostegno al Distanza, Ai.Bi. supporta la Fondazione contribuendo all’allestimento e funzionamento delle ludoteche, garantendo il diritto all’educazione e una formazione continua agli operatori. Un intervento specifico, CON TE SARÒ un GRANDE, supporta i careleaver, adolescenti in uscita dall’istituto, nel passaggio all’età adulta attraverso uno sportello di orientamento gestito dall’intermediario sociale: una guida nella vita oltre l’istituto, nella ricerca del lavoro e dell’alloggio.

News

Marocco. Una partita di football senza falli ? Regole di gioco per una regola di vita

Marocco. Una partita di football senza falli ? Regole di gioco  per una regola di vita
Per chi non ha una famiglia, imparare delle regole di comportamento non è sempre facile né immediato: grazie alle attività ... Leggi tutto

Marocco. I nostri careleaver: abbandonati alla nascita, ora lottano per l’ultima speranza. Tre storie di successo

Marocco. I nostri careleaver: abbandonati alla nascita, ora lottano per l’ultima speranza. Tre storie di successo
Rochdi Kamal, 20 anni, si prepara per lavorare in un grande hotel. Zouhair Bendany, 18 anni, studia per diventare ingegnere. Ashraf Et-Tahir, ... Leggi tutto

Marocco. Il dramma dell’abbandono: 28 anni sempre in istituto!

Marocco. Il dramma dell’abbandono: 28 anni sempre in istituto!
Adil, abbandonato alla nascita, è cresciuto senza poter mai chiamare nessuno mamma e papà ma grazie al programma per i ... Leggi tutto

Maison d’enfants Akkari

Creata nel 1927 per garantire ai bambini orfani e abbandonati di Rabat l’accesso all’educazione di base, la Casa oggi accoglie oltre 250 minori tra i 5 e i 18 anni, assicurando loro un’alimentazione adeguata, vestiario, istruzione, laboratori ludico-ricreativi e, agli adolescenti, laboratori di formazione professionale. Grazie al Sostegno a Distanza, Ai.Bi. garantisce sostegno materiale, educativo e psicosociale a tutti i minori accolti. Per i careleavers, adolescenti e ragazzi prossimi ai 18 anni, è attivo un intervento specifico, CON TE SARÒ un GRANDE, di accompagnamento alla vita adulta, grazie ad un uno sportello di orientamento e all’impegno di un intermediario sociale che li sostiene nella ricerca del lavoro e di un alloggio.

News

Marocco. E come in un rullino, restano impressi i momenti vissuti nei Centri di Accoglienza

Marocco. E come in un rullino, restano impressi i momenti vissuti nei Centri di Accoglienza
Grazie al Sostegno a Distanza, un giorno come tanti si trasforma in un momento di serenità e spensieratezza per i ... Leggi tutto

Vivere come figli: una sessione di surf per i bimbi del centro Akkari

marocco. la gita al mare dei bimbi ospiti del Centro Akkari
Con il progetto di Sostegno a Distanza "L'altro mio figlio" si garantiscono anche attività che donano ai bambini abbandonati momenti ... Leggi tutto

Dar Al Atfal Al Ouafae

Fondato nel 2007 nella città di Fez il centro accoglie 147 minori, tutti maschi. Grazie al Sostegno a Distanza, Ai.Bi. migliora le condizioni di vita nel centro garantendo controlli medici periodici, l’accesso all’istruzione e alle attività ludico-ricreative, e supportando gli operatori sociali nella realizzazione di progetti di vita personalizzati. Per i careleavers, adolescenti e ragazzi prossimi ai 18 anni che si trovano ad affrontare il delicato passaggio dall’infanzia all’età adulta senza una rete familiare in grado di sostenerli e proteggerli, è attivo un intervento specifico: “CON TE SARÒ un GRANDE”.  Attraverso uno sportello di orientamento e il lavoro di un intermediario sociale i ragazzi del centro vengono accompagnati nel loro percorso di formazione, nella ricerca di un lavoro e un alloggio che li renda indipendenti.

News

Marocco. I nostri careleaver: abbandonati alla nascita, ora lottano per l’ultima speranza. Tre storie di successo

Marocco. I nostri careleaver: abbandonati alla nascita, ora lottano per l’ultima speranza. Tre storie di successo
Rochdi Kamal, 20 anni, si prepara per lavorare in un grande hotel. Zouhair Bendany, 18 anni, studia per diventare ingegnere. Ashraf Et-Tahir, ... Leggi tutto

Marocco. Le nostre sfide: non far abbandonare gli studi

Marocco. Le nostre sfide: non far abbandonare gli studi
Abdelaziz yasyn, 17 anni, vorrebbe diventare poliziotto. Aiuta Ai.Bi a realizzare il suo sogno e quello degli altri care leavers ... Leggi tutto

Dar Al Atfal Sidi Bernoussi

Creato nel 1986 dall’omonima associazione, il centro ospita fino a 450 minori dai 4 ai 18 anni orfani o in stato di abbandono familiare, accompagnandoli nella crescita, garantendo loro il diritto all’istruzione e percorsi di formazione professionale ai più grandi. Grazie al Sostegno a Distanza, dal 2006 Ai.Bi. garantisce migliori condizioni di vita dei minori accolti e promuove, quando possibile, il reinserimento in famiglia d’origine o allargata. Negli anni è stata creata una ludoteca, un campo da calcio, un laboratorio per la formazione come elettricisti e una panetteria che, oltre a formare i ragazzi alla professione, rifornisce il centro e contribuisce a sostenere le spese delle centro attraverso la vendita dei prodotti.

News

Marocco. E come in un rullino, restano impressi i momenti vissuti nei Centri di Accoglienza

Marocco. E come in un rullino, restano impressi i momenti vissuti nei Centri di Accoglienza
Grazie al Sostegno a Distanza, un giorno come tanti si trasforma in un momento di serenità e spensieratezza per i ... Leggi tutto

Marocco. La musica ci insegna a rendere più bella la nostra vita

Marocco. La musica ci insegna a rendere più bella la nostra vita
Un pomeriggio musicale per i nostri ragazzi al Centro DAO – Dar Al Atfal Al Ouafae di Fez realizzato grazie al ... Leggi tutto
Attiva un Sostegno a Distanza in Marocco