Emergenza Ucraina #BAMBINIXLAPACE

ENG version
Slide 1

Ai.Bi. è stata una delle prime organizzazioni italiane ad attivarsi per l’emergenza, grazie alla ventennale presenza sul campo sia in Ucraina che in Moldova.
La campagna “Bambini per la Pace” garantisce protezione, cura e sostegno ai bambini e alle famiglie colpite dalla guerra in Italia, Ucraina e Moldova.

Slide 1

Ai.Bi. è stata una delle prime organizzazioni italiane ad attivarsi per l’emergenza, grazie alla ventennale presenza sul campo sia in Ucraina che in Moldova.
La campagna “Bambini per la Pace” garantisce protezione, cura e sostegno ai bambini e alle famiglie colpite dalla guerra in Italia, Ucraina e Moldova.

Slide 1

Ai.Bi. è stata una delle prime organizzazioni italiane ad attivarsi per l’emergenza, grazie alla ventennale presenza sul campo sia in Ucraina che in Moldova.
La campagna “Bambini per la Pace” garantisce protezione, cura e sostegno ai bambini e alle famiglie colpite dalla guerra in Italia, Ucraina e Moldova.

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow

Emergenza Ucraina, la crisi più grave del nostro secolo.

I numeri di questo dramma sono spaventosi:

  • 27,4 milioni di persone necessitano di assistenza umanitaria
  • 7,2 milioni sono bambini sotto i 18 anni
  • 3,3 milioni di bambini si trovano all’interno dell’Ucraina sconvolta dalla guerra (dati UNICEF a Nov. 2022)

I bambini come sempre sono i più colpiti dalla guerra con traumi che li accompagneranno per sempre: la loro vita in pochi mesi è stata stravolta dai bombardamenti, dalla perdita dei propri cari, dall’abbandono della propria casa, dalla paura continua.

Come Ai.Bi. ci siamo attivati subito al fianco dei bambini e delle famiglie, ampliando il nostro intervento di settimana in settimana.

Garantire loro protezione, assistenza e restituire ai bambini e ragazzi un po’ della normalità perduta è il nostro obiettivo principale.

Abbiamo bisogno del TUO aiuto per poter continuare a farlo!

Dove operiamo

Ucraina: vicini ai bambini e alle loro famiglie

Ai.Bi. opera in Ucraina dal 1999, oggi gli interventi sono dislocati nelle seguenti località:

  • Obolon (Kiev) e Stepashky, villaggio a 300 km da Kiev: creazione di due “Punti Ai.Bi”, ovvero luoghi sereni, sicuri e colorati dove i bambini e ragazzi possono partecipare ad attività ludico-motorie e ritrovare un po’ di serenità. Un’equipe costituita da animatrici e psicologhe li segue per aiutarli a superare il trauma della guerra e fornisce assistenza alle mamme;
  • Volodarka, a 120 km da Kiev: sostegno domiciliare per circa 70 bambini e ragazzi ospiti di un Istituto, ora chiuso, attraverso il programma di Adozione a Distanza già attivo prima dello scoppio della guerra
  • Volodarka e Carapishy: distribuzione regolare di generi di prima necessità alle famiglie sfollate e più vulnerabili e attivazione del Ludobus della Pace, una ludoteca itinerante allestita a bordo di un pulmino per portare animazione ai bambini di vari villaggi.
  • Kiev: una linea telefonica di supporto psicologico per donne, bambini e famiglie.

Moldova: al fianco dei bambini profughi in fuga dalla guerra

In Moldova Ai.Bi. è attiva da oltre 20 anni.
Qui è impegnata con le seguenti attività per i profughi in fuga dall’Ucraina:

  • dogana di Palanca: prima accoglienza e distribuzione di generi alimentari
  • campo profughi Moldexpo a Chisinau: attività di animazione e supporto psicologico per i bambini
  • centro rifugiati di Carpineni: attività di animazione per bambini, distribuzione di cibo e supporto psico-sociale alle famiglie di profughi
  • varie località distretto rurale di Hincesti: distribuzione di generi di prima necessità e materiale scolastico per famiglie di profughi
  • help line: una linea telefonica di supporto psicologico per aiutare donne, bambini e famiglie
  • varie località: Ludobus della Pace, una ludoteca itinerante allestita a bordo di un pulmino con animatori che visitano 20 villaggi e 3 ludoteche a Cupcui, Carpineni e Edinet per riportare il sorriso ai bambini profughi e locali.

Italia: l’accoglienza per i profughi

Ai.Bi. si è impegnata da subito per l’accoglienza di profughi nel nostro Paese con l’apertura di due case denominate “Pan di Zucchero per la Pace” a Mulazzano (LO) e Agrate Brianza (MB), dove trovano ospitalità famiglie, mamme con bambini, case famiglia in fuga dalla guerra.

Durante la loro permanenza Ai.Bi. oltre all’alloggio offre anche cure, assistenza sanitaria, psicologica e supporto per l’inserimento all’interno della comunità ospitante.

Ai.Bi. è parte della rete di coordinamento per l’accoglienza diffusa della Protezione Civile.

Come puoi aiutarci:

Adotta a Distanza

Dona ORA

Ultimi aggiornamenti:

Italia. Accoglienza dei profughi ucraini: momenti di serenità per alimentare la speranza della fine della guerra. 

Italia. Accoglienza dei profughi ucraini: momenti di serenità per alimentare la speranza della fine della guerra. 
Nell’ambito del progetto #BAMBINIxLAPACE, lo staff di. Ai.Bi. si è impegnato nel corso dei mesi a ospitare nel nostro Paese i profughi che scappano dalla ...
leggi tutto...

Moldova. Storie di profughi : perdere il padre in guerra ma mantenere viva la speranza !

Moldova. Storie di profughi : perdere il padre in guerra ma mantenere viva la speranza !
Maya e Gleb sono due bambini scappati dall’Ucraina che hanno trovato rifugio e accoglienza in Moldova. Le loro sono due ...
leggi tutto...

Moldova. #BAMBINIxLAPACE. L’importanza della ludoteca per i bambini ucraini in fuga dalla guerra

Moldova. #BAMBINIxLAPACE. L’importanza della ludoteca per i bambini ucraini in fuga dalla guerra
Nell’ambito del progetto #BAMBINIxLAPACE, lo staff di Ai.Bi. continua a inaugurare nuove ludoteche, spazi allestiti fondamentali per lo sviluppo psico-emozionale ...
leggi tutto...