Cina. Che esperienza, il concerto! Tanti strumenti che suonano, gli applausi e i piatti che rimbombano…che ‘fifa’ per Shi Shi!

In attesa di incontrare una famiglia tutta per lei, la piccola ospite della Casa di Accoglienza ‘Vittorino Colombo’ di Xi’An ha assistito per la prima volta, con gli altri ‘fratellini’, ad un’esibizione musicale organizzata dalla parrocchia

Ma la reazione dei bambini più piccoli al termine della performance concertistica è stata quella di stringere forte le tate non essendo abituati a quei suoni ‘inediti’

i piatti e gli applausi, che paura!Suoni e rumori ‘inediti’ possono scatenare le reazioni più impreviste in un bambino piccolo che li ascolta per la prima volta: possono persino fargli venire la ‘fifa’!! E’ stata proprio questa l’esperienza che ha vissuto Shi Shi, bimba ospite della Casa di Accoglienza ‘Vittorino Colombo’ di Xi’An, in Cina.

Qualche giorno fa, la parrocchia frequentata da lei e dagli altri bimbi ha organizzato un concerto, con tanto di orchestra e strumenti. Mentre i bambini più grandi si sono seduti nelle prime file con gli amichetti, i più piccoli sono rimasti dietro con le tate e non erano molto interessati. Addirittura, quando alla fine del concerto sono suonati i piatti e le persone hanno applaudito, la piccola Shi Shi è scoppiata a piangere spaventata. Nel vedere lei che piangeva, anche An Ying Jie si è quasi paralizzato e ha smesso di sorridere.

D’altronde, Tata Liu racconta che Shi Shi è veramente una fifona: vuole stare solo in braccio a lei e spesso questo crea qualche piccola ‘difficoltà’ con gli altri bimbi, che esigono di avere lo stesso trattamento. Auguriamo di cuore a Shi Shi di avere presto una famiglia tutta sua, da non dividere con nessuno!

Per aiutare i bambini ospiti della Casa di Accoglienza di Xi’An, fondata da Ai.Bi nel 2012 allo scopo di dare un aiuto concreto ed efficace a minori affetti da disabilità provenienti dall’Istituto di Assistenza all’Infanzia della città, basta attivare un sostegno a distanza. Sono tanti i bambini che, grazie alla Casa ‘Vittorino Colombo’, hanno potuto crescere godendo di un clima più familiare, seguiti da esperti che verificano periodicamente le loro condizioni modificando e se necessario integrando ogni volta la loro fisioterapia. Ma ancora molto si può fare, in attesa dell’arrivo di una famiglia che scelga di abbracciarli e riempirli di amore, trasformandoli in figli propri!