Irlanda: apertura alle adozioni verso gli Usa

L’Autorità Irlandese per l’Adozione (AAI), la scorsa settimana, ha inviato una delegazione negli Stati Uniti per discutere di adozioni internazionali con i funzionari del Dipartimento di Stato Americano, l’autorità centrale per le adozioni degli Usa. Agli incontri hanno partecipato anche un esperto di diritto minorile americano e due rappresentanti di agenzie per l’adozione impegnate nelle adozioni internazionali.

La delegazione irlandese era guidata dal suo presidente, Geoffrey Shannon che ha dichiarato:  “E’ appurato che vi sia un interesse crescente delle coppie Irlandesi sulle adozioni dagli Stati Uniti.”

Questa visita segna il passo verso la realizzazione di accordi bilaterali tra i due paesi ed è seguente alla recente ratifica della Convenzione de L’Aja del 1996, il principale strumento per il miglioramento della cooperazione tra Stati in materia di protezione per l’infanzia, siglata dall’Irlanda lo scorso novembre. La ratifica della Convenzione dell’Aja ha dato il via anche all’emanazione da parte del governo irlandese di una nuova legge sulle adozioni “Legge sull’Adozione 2010”.


Secondo i delegati dell’Autorità per l’Adozione Irlandese, le questioni discusse durante la visita negli Stati Uniti hanno preso in esame il principio di sussidiarietà in materia di adozioni, nel senso che l’adozione all’estero è identificata come una terza opzione per i bambini al di fuori delle loro famiglie di nascita; è stato esaminato il processo di accreditamento degli organismi coinvolti nell’adozione e l’iter procedurale per la gestione dei casi riguardanti le adozioni in uscita ai sensi della Convenzione dell’Aja.

L’autorità irlandese, inoltre, ha fatto sapere che a breve visiterà la Bulgaria per esaminare il quadro di riferimento che regolamenta l’adozione all’estero da quel paese al fine di stabilire accordi bilaterali.