Progetto BIC: concesso il patrocinio del Ministero delle Pari Opportunità

Il progetto BICBambini in Comune, sviluppato in partnership da Ai.Bi. e AICEM – Associazione Italiana Cooperazione Italiana Mondo, ha ricevuto il patrocinio del Ministero delle Pari Opportunità.

L’iniziativa Bambini in Comune si propone di promuovere soluzioni alternative agli istituti per l’infanzia, fondate quindi sull’accoglienza familiare. Il progetto ha come obiettivo una presa di coscienza della collettività e dei singoli nel farsi carico di una situazione che può diventare causa di emarginazione sociale e povertà. Diverse, infatti, sono le iniziative che il singolo può realizzare: da un impegno di sostegno a distanza alla disponibilità per un’adozione internazionale, da una partecipazione ad un’iniziativa di raccolta fondi ad un servizio di volontariato, dalla condivisione di riflessioni al mettersi in gioco in prima persona.

Il BIC si basa in particolar modo sull’iniziativa di “gemellaggio” tra istituto per l’infanzia ed una realtà comunale italiana, attorno alla quale ruotano tutte le iniziative di educazione allo sviluppo che vengono poi realizzate con il supporto del Comune italiano di riferimento. Chi meglio del Comune ha la possibilità di diffondere fra i cittadini l’emergenza abbandono?


In particolare, la realizzazione di Bambini in Comune si articola in tre fasi: la prima, rivolta alla comunità, prevede attività di sensibilizzazione come seminari e tavole rotonde, la seconda la realizzazione di programmi di formazione dei giovani volontari, la terza, eventi per la raccolta di fondi a sostegno del progetto PAN DI ZUCCHERO in Kosovo.