Cooperazione. Kenya: ONG locali, Governo e Ai.Bi. insieme contro l’istituzionalizzazione dei minori abbandonati

Nasce per contrastare l’affidamento dei minori agli orfanotrofi l’ “Association for alternative family care for children” che, racchiudendo in sé ONG locali e Governo keniota, vede nuovamente Amici dei Bambini tra i primi partner nella lotta all’abbandono.

Una cura familiare alternativa per i bambini: è su questa base che viene lanciata l’ “Association for alternative family care for children”, associazione composta da ONG locali e internazionali, dall’ufficio minori keniota, dalla commissione adozioni e, ovviamente, e in prima linea, da Amici dei Bambini.

L’obiettivo è proprio quello di stimolare e incoraggiare alternative strategie di protezione dell’infanzia che possano contrastare l’istituzionalizzazione e l’affidamento dei minori in orfanotrofi.
Per il raggiungimento di questi obiettivi, è necessario implementare le norme già esistenti con precise linee guida, gestire campagne di sensibilizzazione e  collaborare strettamente con il Governo; l’associazione, inoltre, funge da forum di discussione e confronto per tutti gli stakeholders impegnati sulle tematiche di protezione dell’infanzia, ai fini di una migliore collaborazione e coordinamento e ai fini delle creazione di una piattaforma attiva per lo studio e l’implementazione di iniziative condivise.

L’“Association for alternative family care for children” ha già tutti i requisiti per lottare in favore dei minori abbandonati, che trascorrono la maggior parte della loro vita in istituto; la cooperazione e la stretta collaborazione tra Ai.Bi., organizzazioni non governative e governo keniota sarà sicuramente fruttuosa e permetterà a moltissimi bambini di sentirsi, finalmente, a casa.