Eredità: in presenza di due diversi testamenti rivolti a due differenti beneficiari… quale prevale?

Spettabile redazione,

purtroppo poche settimane fa è venuta a mancare la mia cara sorella, donna molto attiva nel mondo del volontariato. Dopo la sua morte, abbiamo rinvenuto nella sua camera due testamenti differenti. Un primo, redatto lo scorso anno, in cui indicava me, come beneficiaria delle sue sostanze ed un secondo, redatto pochi mesi fa, nel quale segnalava l’intenzione di donare i suoi beni ad una nota associazione. Ora ci troviamo un po’ interdetti e non sappiamo quale dei due debba prevalere sull’altro.

Potete aiutarci?

Grazie per la vostra disponibilità

Marcella


Carissima Marcella,

il testamento è l’atto in cui il testatore esprimere liberamente le sue ultime volontà. Proprio per questo il nostro ordinamento lo tutela, permettendo di modificare in ogni momento le sue disposizioni, nel limite del rispetto della quota riservata dalla legge al coniuge e ai figli, qualora presenti.

Detto ciò, qualora il testamento cronologicamente successivo, indichi esclusivamente un differente beneficiario, questo prevarrà su quanto disposto nel documento redatto antecedentemente.

Qualora invece, nel testamento più recente il testatore abbia specificato che, ad integrazione del precedente atto sarà beneficiaria anche l’associazione, allora sia lei che l’associazione sarete considerati beneficiari.

Ma attenzione!

In entrambi i casi il testamento di una persona che desideri lasciare i propri beni alla sorella ed alla associazione o a uno dei due, sarà valido solo a condizione che questa non sia sposata e non abbia figli, perché in caso di coniuge o di figli questi hanno diritto ad una quota di eredità per legge e di conseguenza, la parte di cui il testatore potrà disporre liberamente si andrà a ridurre.

Cara Marcella, sperando di esserle stata utile, le ricordiamo di avvalersi sempre del supporto di un notaio di fiducia.

Ufficio diritti Ai.Bi.