Kenya – La tormentata storia di James: l’abbandono, la vita di strada, poi la rinascita grazie al Sostegno a Distanza

James sta recuperando piano piano gli anni persi a scuola, ma è ben consapevole dello sforzo che deve fare dopo ciò che ha vissuto per strada, compresi gli innumerevoli abusi

James è un giovane ragazzo kenyota di 16 anni, con un passato pesante alle spalle. Ma sa che è inutile guardarsi indietro e piangere sulle cose perse o mai avute, James sa che è molto meglio guardare avanti, rimboccarsi le maniche e affrontare la strada che ci aspetta con determinazione e positività.

E’ coraggioso James, anche se la vita lo ha messo a dura prova: sua madre lo abbandonò quando aveva solo due anni. Il padre decise di risposarsi e di andare a vivere altrove lasciando il piccolino dalla nonna materna. La donna si prese cura di lui finché poté, ma la mancanza di un lavoro stabile ed altre bocche da sfamare spinsero James verso la strada dove mendicava qualcosa da mangiare. Ben presto imparò a cavarsela nella pericolosa vita di strada. Fu poi trovato dalla polizia e  portato dapprima al centro Familia Ya Ufariji, dove seguì un percorso di riabilitazione.

A circa un’ora e mezza da Nairobi sorge un centro dedicato ai minori più vulnerabili. Si tratta del centro Vijiji Home of Light col quale Ai.Bi. – Amici dei Bambini Kenya collabora da molti anni supportando i bambini nel loro percorso di protezione e nella loro istruzione. Dopo la riabilitazione James fu portato al Vijiji. Fu la sua fortuna, dopo poche settimane il nostro personale in loco creò la sua scheda e non fu difficile trovare un sostenitore che lo seguisse nella sua crescita per offrirgli una possibilità di vita differente. Dal 2015, quindi da ben 6 anni, James è sostenuto da Ai.Bi. attraverso il programma del Sostegno a Distanza. James sta recuperando piano piano gli anni persi a scuola, ma è ben consapevole dello sforzo che deve fare dopo ciò che ha vissuto per strada, compresi gli innumerevoli abusi.

A livello caratteriale è maturato molto anche grazie al supporto di una psicologa. Ama molto anche giocare a calcio e sogna un giorno di poter diventare un professore riconosciuto.

Oggi James ha una reale possibilità di inserirsi onestamente nella società grazie all’aiuto di AiBi e della sua sostenitrice.

James di questo ne è consapevole e si ritiene un ragazzo molto fortunato.

Ai.Bi. è presente in Kenya dal 2008 con sede a Nairobi. Le attività di Adozione e Sostegno a Distanza sono rivolte alla tutela e protezione dei bambini in grave difficoltà familiare, in particolare in 3 istituti e 2 scuole frequentate dai bambini delle baraccopoli di Nairobi e i minori delle comunità Masai.

Vijiji non è un centro molto grande, può ospitare fino a un massimo di 35-40 bambini, ma tende sempre a non superare i 30 per garantire ad ognuno di loro il miglior supporto possibile.

Diventa anche tu un sostenitore del centro Vijiji , puoi fare la differenza per questi ragazzi che non hanno una rete familiare in grado di sostenerli e proteggerli nel passaggio dall’infanzia all’età adulta.  Inoltre potrai seguire e accompagnare ogni giorno la vita, i progressi e le difficoltà dei 30 bambini ospiti; grazie a report mensili infatti sarai costantemente aggiornato sui progressi raggiunti e le difficoltà affrontate.

Attiva un Sostegno a Distanza, bastano 25 euro al mese.

Sostieni a distanza