Bologna. Per la prima volta in Italia una diocesi intera celebra il rito della “Benedizione delle Adozioni”

famiglia350La Diocesi di Bologna abbraccia le famiglie accoglienti e benedice le adozioni. Per la prima volta in Italia, infatti, la Benedizione delle Adozioni è promossa da un’intera Diocesi e non solo, come è accaduto fino a oggi, da singole parrocchie. È stato l’arcivescovo della città felsinea, cardinale Carlo Caffarra, a chiedere ad Amici dei Bambini di diffondere il rito a tutte le famiglie adottive della Diocesi del capoluogo emiliano. Un rito dedicato a quei genitori e figli che hanno vissuto l’esperienza dell’accoglienza e desiderano celebrarla comunitariamente davanti al Signore. Quella che si propone come una tradizione da ripetersi ogni anno rappresenta un’importante possibilità per tutte le famiglie di testimoniare la bellezza dell’esperienza adottiva davanti all’intera comunità cristiana.

La Benedizione delle Adozioni nasce dalla consapevolezza che l’accoglienza di un bambino abbandonato debba essere vissuta come “nascita adottiva”. E, in quanto tale, va benedetta cristianamente. Il rito si ripeterà domenica 21 settembre a Bologna per tutte le famiglie emiliane di Amici dei Bambini e della comunità “La Pietra Scartata”, in collaborazione con l’Ufficio Pastorale della Famiglia.

A celebrare la Santa Messa con il rito della Benedizione sarà monsignor Massimo Cassani. La parrocchia di San Giovanni Bosco, in via Bartolomeo dal Monte 11, ospiterà la celebrazione, che inizierà alle ore 18 di domenica. In precedenza, dalle ore 15 e 30, lo stesso monsignor Cassani e don Luigi Spada, parroco della comunità ospitante, incontreranno le famiglie che prenderanno parte al rito per un momento di preparazione spirituale e di catechesi. Dopo la celebrazione, invece, la serata si concluderà con una festa e una cena comunitaria per tutti i genitori e i figli adottivi.


A precedere la giornata del rito sarà, sabato 20 settembre alle ore 21, la rappresentazione della contemplazione “… ma Dio tace. Abbandono, speranza, adozione” scritta da Marco Griffini, presidente di Amici dei Bambini. Il testo, definibile come il punto di riferimento della spiritualità dell’adozione, sarà portato in scena dagli stessi genitori adottivi. Per loro l’arduo compito di diffondere, da un palcoscenico, il grido di aiuto di Gesù sulla croce: “Padre, perché mi hai abbandonato?”, che risuona senza risposta, proprio come quello di milioni di bambini abbandonati nel mondo.

Il week end bolognese, interamente dedicato al tema delle adozioni, rappresenta una sorta di prologo a quanto avverrà il fine settimana successivo, quello dell’Open Day 2014 di Amici dei Bambini. Sabato 27 e domenica 28 settembre, infatti, Ai.Bi. apre le sue sedi, punti informativi e spazi famiglia a tutti coloro vogliano avvicinarsi al mondo dell’adozione internazionale. La sede bolognese sarà naturalmente coinvolta in questa iniziativa: appuntamento a sabato 27, dalle ore 15 in via Del Monte, 5.

 

Scarica la locandina

 

Per informazioni:

Ai.Bi. Bologna

tel: 051 330639

e-mail: bologna@aibi.it