Marocco. Rim, Mohamed Rayan, Qualid: tre bambini che chiedono aiuto per non essere abbandonati dalle loro madri

Aderendo al progetto “Adotta a Distanza un orfanotrofio in Marocco”  potrai regalare a tanti minori, come Rim, Mohamed Rayan e Oualid, cure, sostegno e possibilità, a cui altrimenti non potrebbero accedere

Aderendo al progetto “Adotta a Distanza i bambini di un orfanotrofio in Marocco”, con 0,83 centesimi al giorno, potrete scongiurare per tanti bambini la piaga dell’abbandono e regalare loro opportunità preziose che li accompagneranno nel cammino della vita.

Così è accaduto ad esempio a Rim, 8 anni, Mohamed Rayan, 12 e Oualid, 9 anni, bimbi in difficoltà familiare ospiti dell’orfanotrofio Akkari, istituto marocchino sostenuto da Ai.Bi. attraverso il progetto: “Adotta a Distanza i bambini di un orfanotrofio in Marocco”.

Sconfiggere la piaga dell’abbandono con l’Adozione a Distanza

Rim è una bambina marocchina di 8 anni, figlia di genitori divorziati, la cui madre si è risposata e lavora come donna delle pulizie.

Il marito della mamma di Rim, purtroppo, è stato licenziato e i soldi che la donna guadagna non sono sufficienti a mantenere l’intera famiglia. Per questo ha deciso di chiedere aiuto all’orfanotrofio Akkari, partner di Ai.Bi. in Marocco. Qui Rim, anche grazie al prezioso sostegno del progetto “Adotta a Distanza i minori di un orfanotrofio in Marocco”, può mangiare, regolarmente, studiare e avere accesso a tante opportunità che altrimenti non potrebbe avere.

Da quando Rim si trova al centro Akkari, è molto felice, specie quando trascorre il tempo con le sue amiche, giocando alle bambole, correndo nel cortile della struttura e giocando a nascondino. La sua serenità si riflette nei suoi risultati e nei buoni voti a scuola.

Nell’orfanotrofio Akkari, assieme a Rim, ci sono tanti altri minori soli, abbandonati o in difficoltà familiare. Tra loro anche un bambino di 12 anni, Mohamed Rayan calmo, gentile e sorridente e Oualid, che di anni ne ha 9 ed è un bimbo simpatico e tranquillo.

Mohamed e Oualid: all’Akkari con il sogno di un futuro migliore

Mohamed Rayan non sa chi sia suo padre. Sua madre che si prende cura di lui non riesce a trovare un lavoro per mantenerlo. Per questo motivo ha deciso di iscriverlo all’orfanotrofio Akkari, per farlo studiare e vivere in condizioni migliori.

Da quando Mohamed Rayan frequenta l’Akkari, il suo livello scolastico è migliorato. Quest’anno è iscritto al primo anno della scuola secondaria. Le sue attività preferite sono i laboratori di musica e lo sport. Tutte attività che arricchiranno il suo bagaglio di vita e che, senza l’aiuto del progetto di Adozione a Distanza di Ai.Bi. non avrebbe potuto frequentare.

Oualid vive nell’orfanotrofio Akkari dal 2018, anche nel suo caso la mamma e il papà sono divorziati e la mamma che si occupa di lui e dei suoi fratelli non riesce da sola a provvedere ai bisogni di tutti i suoi bambini. Così ha chiesto aiuto all’orfanotrofio Akkari. Da quando Oualid frequenta il centro, studia con profitto, frequenta la quarta elementare e il suo livello scolastico è abbastanza buono.

Oualid partecipa a tutte le attività del centro, come i laboratori di pittura, decoupage e arte, ma la sua attività preferita rimane quella di giocare a calcio e guardare i cartoni animati!

Un’Adozione a Distanza per i minori ospiti all’orfanotrofio Akkari

Aderendo al progetto “Adotta a Distanza un orfanotrofio in Marocco” potrai aiutarci a regalare a tanti minori, come Rim, Mohamed Rayan e Oualid, cure, sostegno e possibilità, a cui altrimenti non potrebbero accedere, realizzando il sogno delle loro mamme: vederli felici e sereni. Pensaci, con 0,83 euro al giorno puoi farlo!

Adotta a distanza