Siria. Ciò che non è stato fatto in Italia, Ai.Bi. lo ha fatto tra le tende dei campi degli sfollati a Idlib

Per il secondo mese di fila distribuiti kit igienici alle famiglie ospitate nei campi informali. L’#Accoglienzanonsiferma

Sabato 20 giugno si è celebrata, purtroppo nella quasi totale indifferenza della politica e dei media, la Giornata mondiale del rifugiato. Un’occasione che, il giorno seguente, ha voluto ricordare anche il Santo Padre, Francesco I, che, nel corso dell’Angelus domenicale, ha detto che “la crisi provocata dal Coronavirus ha messo in luce l’esigenza di assicurare la necessaria protezione anche alle persone rifugiate, per garantire la loro dignità e sicurezza”. “Vi invito ad unirvi alla mia preghiera per un rinnovato ed efficace impegno di tutti a favore della effettiva protezione di ogni essere umano, in particolare di quanti sono stati costretti a fuggire per situazioni di grave pericolo per loro o per le loro famiglie”, ha poi aggiunto il papa.

Siria. Ai.Bi. al lavoro con Kids Paradise nei campi per sfollati di Idlib

Tra i rifugiati del mondo, una menzione speciale va sicuramente ai siriani. La Siria, dopo nove lunghi anni di guerra, ancora non ha trovato una vera pacificazione e, soprattutto nella zona nord-occidentale del Paese, ancora vede il ripetersi di scontri e violenze. Proprio nel Nord-Ovest della Siria si ammassano, ormai dalla fine del 2019, circa un milione di nuovi rifugiati interni, in larga parte minori (si stima che siano mezzo milione), costretti a vivere nei campi informali, nell’assenza delle più basilari condizioni igienico-sanitarie. Ai.Bi. – Amici dei Bambini è, con il partner locale Kids Paradise, l’unica realtà umanitaria attiva in quest’area.

Per il secondo mese di fila Ai.Bi., grazie al supporto proprio del partner locale Kids Paradise, ha acquistato e distribuito 150 kit igienici ad altrettante famiglie bisognose in Siria, nei campi di sfollati nei distretti di Ma’arat Misrin e Harim, il tutto seguendo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. I kit sono sufficienti a coprire i bisogni igienici minimi di una famiglia di sei persone per un mese. Contestualmente al kit stanno venendo distribuiti anche acqua potabile e materiale informativo ad ogni famiglia relativo ai temi della prevenzione della diffusione virale, per mezzo del distanziamento sociale e dell’igiene quotidiana.


Siria: nei campi sfollati di Idlib distribuiti per il secondo mese kit igienici di prevenzione

I kit igienici che vengono distribuiti sono composti da sapone, shampoo, dentifricio, igienizzante mani, guanti monouso, disinfettante per superfici, detergente per indumenti, carta igienica, pannolini, sacchi per rifiuti oltre a taniche per acqua potabile e termometri. Quello che non è stato fatto in Italia, la distribuzione di kit di prevenzione, grazie ad Ai.Bi. è stato fatto nei campi di sfollati, tra le tende in Siria, contando solo sul supporto dei donatori che hanno sostenuto la campagna “Emergenza Coronavirus. L’#Accoglienzanonsiferma”.

Anche tu puoi anche continuare a sostenere la campagna, anche nei momenti di festa, in occasione di qualche lieta ricorrenza, con la bomboniera solidale “kit igienico famiglia”. Per maggiori informazioni: https://www.aibi.it/bomboniere-solidali/bomboniera/siria-kit-igienico-famiglia/