Sostegno a distanza: posso visitare uno dei centri di accoglienza in Marocco?

Cara Ai.Bi.,

ho visitato il vostro sito e oltre a farvi i complimenti per le notizie di attualità che pubblicate ogni giorno, volevo chiedervi delle informazioni riguardo la realtà presente in Marocco. Ho attivato tempo fa un sostegno a distanza in Marocco e mi piacerebbe tanto, durante le mie due settimane di ferie estive, andare a  visitare uno dei centri di accoglienza beneficiari dei vostri progetti, per stare vicino e aiutare i bambini che vivono li.  E’ una cosa possibile? Mi fareste davvero felice!

Grazie

Caterina

marocco. Ai.Bi. porta avanti un grande progetto di sostegno a distanzaCarissima Caterina,

Il Marocco è una realtà che conosciamo bene visto che ci lavoriamo da tantissimi anni. Gli istituti con cui collaboriamo sono addirittura cinque e la realtà marocchina è veramente particolare. Difficile spiegare a parole quello che è visibile solo con i propri occhi.

Ritornando alla sua domanda, certo che il sostenitore può visitare il paese, la Casa Famiglia, il Centro o il bambino che sostiene. Anzi noi consigliamo a tutti quelli che ce lo chiedono di fare questa esperienza particolare.

È un viaggio per immergersi nella realtà che non si conosce mai fino in fondo e tutti i nostri sostenitori che riescono a vivere questo momento della vita tornano a casa contenti ma soprattutto più “ricchi” con una valigia piena di sorrisi, volti, pensieri che li accompagnano poi per tantissimo tempo.

Con una visita ai nostri progetti si può toccare con mano le realtà e i bambini che si sostengono, capire meglio quello che Amici dei Bambini, grazie a voi e al vostro aiuto, riesce a fare e vedere e comprendere cosa è un istituto e cosa significa vivere li ogni giorno.

Quindi se è decisa a partire basta contattarci con largo anticipo e comunicarci le date in cui vorrebbe recarsi in Marocco.

Insieme al nostro volontario espatriato presente il loco organizzeremo al meglio la sua visita. Ci permetta solo di ricordarle che tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio  sono a carico suo.

Caterina, si prepari a donare e a donarsi un’ esperienza che lascerà il segno. Importante per Lei ma anche per tutti i nostri bambini.

Grazie e a presto

 

Staff Sostegno a distanza