Bolivia. Benvenuto Defunto, puoi mangiare tutto quello che c’è in tavola, ma prima… devi disinfettarti le mani!

Grazie all’aiuto dell’Adozione a Distanza, anche questi piccoli, in attesa di incontrare due genitori amorevoli possono recuperare un pezzettino del calore della quotidianità familiare

La settimana a cavallo tra ottobre novembre sono state davvero molte le attività realizzate all’orfanotrofio Niño Jesús: prima si è festeggiato Halloween e poi si è celebrato Todos Santos (Ognissanti)

I bambini e le bambine dell’orfanotrofio, insieme all’équipe interdisciplinare e agli educatori, hanno celebrato la festività, realizzando diverse figure per accogliere tutti i Santi, rivalutando così usi e costumi tradizionali locali.

Hanno realizzato le t’antawawa, che rappresentano la forma fisica delle anime, le scale, dove scendono e salgono al cielo, il bicchiere con l’acqua (si dice che il defunto arrivi stanco, quindi questo elemento è essenziale) e anche i t’antatoritos (tori di pane), che permettono alle anime di trasportare il loro carico. Tutto è stato poi disposto sulla tavola, che non può essere sprovvista di candele perché, dicono, illuminano il loro cammino.

Bolivia. Un gioco per conoscere e imparare

Mentre i bambini realizzavano le forme di pasta, dalle figure sopra menzionate, le mamitas spiegavano loro cosa rappresentassero. I piccoli erano stupiti e facevano tante domande: “Come fanno a mangiare tutto questo i morti? Li vedete? Ci spaventano?” Domande alle volte, dalle risposte non semplici. Per cercare di far comprendere i bambini, le mamitas, allora, hanno raccontato loro diverse storie.

Al momento di realizzare ed imbandire la tavola per i defunti, uno dei bambini ha osservato: “Eh però dobbiamo mettere anche il disinfettante per il virus. Dobbiamo prenderci cura di noi stessi, non sappiamo dove abitano…” Così le mamitas divertite hanno dato loro ragione, “Metteremo anche il disinfettante!”.

A mezzogiorno del 1 di novembre tutti i piccoli ospiti del Niño Jesús si sono posizionati attorno alla mensa e hanno ricevuto i defunti, pregando il Padre Nostro e l’Ave Maria, tutti in coro, e hanno detto “Benvenuto Defunto, puoi mangiare tutto quello che c’è sulla tavola, ma devi disinfettare le mani prima.  Il giorno dopo, quando si salutano i defunti, anche i bambini hanno pregato e hanno chiesto alle mamitas perché non avessero mangiato niente. Le mamitas hanno fornito loro le giuste spiegazioni… 

Adotta a Distanza i 30 bambini dell’orfanotrofio Niño Jesús

Da questi racconti si respira l’atmosfera di una serena quotidianità “familiare”. I bambini dell’orfanotrofio hanno potuto celebrare le festività proprio come avrebbero fatto in famiglia. Certo, sappiamo bene che trascorrerlo con la propria mamma e il proprio papà a casa è tutta un’altra cosa. Ma grazie all’aiuto dell’Adozione a Distanza, anche questi piccoli, in attesa di incontrare due genitori amorevoli possono recuperare un pezzettino della loro infanzia perduta.

Adotta, anche tu a Distanza l’orfanotrofio Niño Jesús in Bolivia. Con 25 euro al mese, meno di un caffè al giorno potrai regalare a 30 bambini da 0 a 6 anni un dono davvero prezioso: la speranza.

Adotta un orfanotrofio a Distanza