Colombia: continuano le attività del progetto “Dalla violenza alla vita”

(Bogotà) “Dalla violenza alla vita” é il neme del progetto in corso all’istituto colombiano Ciudadela de la Niña che ospita 156 bambine e adolescenti, promosso dallla Fondazione Granahorrar, Creemos en Ti, SENA (Servizio Nazionale di Apprendimento), Ai. Bi. e lo staff dello stesso istituto Ciudadela de la Niña.

Martedí 10 luglio si é svolta una riunione con i partner ed anche con i responsabili di Ciudadela de la Niña e Amici dei Bambini per trovare una soluzione ai problemi di quattro bambine. Due bambine, anche se avevano la risoluzione di adottabilitá, sono rientrate con grande difficoltà enlla famiglia biologica; altre due bambine non vogliono partecipare alle attivitá perché soffrono troppo lontano dai genitori.

La Fondazione Granahorrar, rappresentata dalla psicologa Luzvi Molano, ha presentato la valutazione di 10 delle bambine beneficiarie delle attività. Il bilancio é negativo: quasi tutte hanno manifestato un senso di smarrimento rispetto alla possibilità di vivere fuori dall’istituto una volta compiuti 18 anni. Le adolescenti dicono di avere Hanno paura di uscire e di affrontare il mondo reale. La psicologa sta cercando ora di far capire loro quali sono le loro abilitá e le strade per affrontare la vita fuori dall´istituto.


Intano il SENA – Servizio Nazionale d´apprendimento, altro partner di progetto, ha già reso noto che inizierá la prima settimana d´agosto il corso d´informatica.

Per maggiori informazioni sui progetti di Ai.Bi. in Colombia clicca qui>>