Emergenza Siria

#NonLasciamoliSoli

Nel nord ovest della Siria è in corso una delle peggiori crisi umanitarie dall’inizio della guerra. A pagare il prezzo più alto sono i più deboli: donne e bambini.

Nell’area compresa tra Idlib e Al Dana si sta consumando l’ultima battaglia di un conflitto che va avanti da nove lunghi anni: bombe, morti, feriti e 186 mila famiglie sfollate in 603 campi profughi, molti spontanei. 974 mila persone che hanno perso tutto. Di questi più del 60% sono bambini e neonati: mezzo milione di bambini sfollati, costretti a sopravvivere all’addiaccio, in tende e ripari di fortuna.

Unici tra le organizzazioni italiane presenti nella provincia di Idlib, insieme al nostro partner locale Kids Paradise, stiamo portando avanti un progetto di sicurezza alimentare: un forno fisso e uno mobile che garantiscono il pane quotidiano a più di 30mila persone, tra cui 18mila sfollati interni, e danno lavoro e reddito a 17 panettieri. Il primo forno, attivato nel 2015 ancora nei dintorni di Idlib, era stato colpito e distrutto da un missile nel 2016.

La situazione a Idlib è critica, ma non abbiamo interrotto la produzione del nostro forno, la nostra gente ha bisogno di ciboLa possibilità di alleviare le loro sofferenze è legata al nostro forno dal report di Hussein, coordinatore del progetto.

Dinanzi al dramma di una guerra che non da tregua alla popolazione civile, Amici dei Bambini, vuole continuare a stare a fianco dei più deboli. #Nonlasciamolisoli

Abbiamo bisogno di aiuto per garantire:

  • beni di prima necessità per i bambini, come coperte, vestiario, scarpe, alimenti per neonati, presidi medico-sanitari;
  • spazi protetti di sollievo e di gioco (ludoteche) per i bambini che vivono nei campi profughi e non frequentano più la scuola;
  • interventi di PSS (Psychological support) per minori e famiglie;
  • pane quotidiano alla popolazione di idlib e alle famiglie sfollate;

In cinque anni abbiamo raggiunto oltre 60mila bambini insieme a quel che resta delle loro famiglie attraverso interventi di prima e seconda emergenza nelle aree di Idlib, Aleppo e Homs, ma c’è ancora tanto da fare.

I bambini e le famiglie siriane hanno bisogno anche di Te. Aiutaci con una donazione.

#NONLASCIAMOLISOLI

Grazie alla tua donazione:

Con 25 euro

assicuriamo coperte, vestiti, alimenti ai bambini e neonati che vivono nei campi profughi

Con 50 euro

assicuriamo il pane giornaliero a 200 famiglie siriane

Con 70 euro

garantiamo sostegno psicologico ai bambini e spazi dove poter giocare al sicuro dalle bombe

Con 100 euro

contribuiamo al reddito mensile delle famiglie che producono il pane

COME DONARE

In posta: c/c postale 3012 intestato ad Amici dei Bambini
IBAN IT 89 R 07601 01600 000000003012
In banca: con bonifico c/o INTESA SAN PAOLO su c/c intestato a Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini IBAN IT40 Z030 6909 6061 0000 0122 477

Ultimi Aggiornamenti dalla Siria

Coronavirus in Siria. L’ONU: “Fermiamo la guerra nel mondo”. #Nonlasciamolisoli

Coronavirus in Siria. L'ONU: “Fermiamo la guerra nel mondo”. #Nonlasciamolisoli
Con Ai.Bi. - Amici dei Bambini è possibile sostenere una campagna di prevenzione per gli sfollati di Idlib Salgono a ...
Adotta a Distanza

Siria. Tra gli sfollati di Idlib: “Questo è tutto ciò che ci è rimasto in questa vita”. #Nonlasciamolisoli

Siria. Tra gli sfollati di Idlib: "Questo è tutto ciò che ci è rimasto in questa vita". #Nonlasciamolisoli
Abu Ibrahim ha più di 60 anni e ha perso i suoi tre figli. Ora vive in una tenda, unico ...
Adotta a Distanza

Siria. Dopo la guerra anche il Coronavirus. Registrato il primo caso. #Nonlasciamolisoli

Siria. Dopo la guerra anche il Coronavirus. Registrato il primo caso. #Nonlasciamolisoli
Si tratterebbe di un ventenne arrivato dall'estero. A Idlib, tra gli sfollati, la paura di una nuova minaccia. Con Ai.Bi ...
Adotta a Distanza