Lasciti. Posso fare testamento online?

Cara Ai.Bi.

Fra le tante cose che non ho ancora fatto nella vita (ma, del resto, quando si sta bene non ci si pensa…) mi sono accorta che non ho fatto ancora un testamento. Ora, non potendo uscire di casa e non si sa fino a quando… e avendo già, diciamo, una certa età, vorrei rimediare. Ma come faccio? I notai possono accettare un testamento online?

Giulia

Gentilissima Giulia,

è opportuno premettere che ad oggi, a causa dell’epidemia del Covid-19, l’esigenza da lei espressa, quella di fare testamento, è sentita da una gran parte della popolazione. Come riferisce anche il Consiglio Nazionale del Notariato “in genere il 15-20% degli italiani fanno testamento. In questi giorni però stanno arrivando numerose richieste di informazioni per capire come fare, quali strumenti utilizzare e quali decisioni prendere” (“Del doman non v’è certezza“, Flavia Amabile per “La Stampa”).


“Sono situazioni – si prosegue – molto difficili da gestire, sono necessarie precauzioni molto rigorose per effettuare l’atto in sicurezza. Ma l’atto viene effettuato: i notai fanno parte delle categorie professionali che continuano ad operare”. Per la redazione dell’atto però il notaio deve accertare l’identità del dichiarante, per cui non è possibile procedere se non ci si presenta personalmente nello studio notarile.

Per evitarlo si può invece chiedere una consulenza telefonica al notaio di propria fiducia e poi redigere un testamento olografo scritto tutto di proprio pugno con firma e data sempre a mano. Il testamento olografo ha lo stesso valore di quello pubblico, deve però essere conservato bene, preferibilmente affidato ad una persona di fiducia.

Se chiede una consulenza per il suo contenuto, per non commettere errori, nulla cambia.

L’unica differenza – in verità trascurabile nella maggior parte dei casi – sta nella possibilità di impugnazione: il testamento olografo può essere impugnato più facilmente rispetto a quello notarile.

Cordiali saluti

Ufficio Diritti Ai.Bi.