Lettere al Direttore: Briyith, 19 anni: «In aula i ragazzi mi chiamano l’insegnante»

Grande forza di volontà e impegno: questo svelano le lettere di due giovani, indirizzate ad Amici dei Bambini, a testimonianza di come basti poco per attivare, attraverso la solidarietà, le migliori energie di ragazzi come Gustavo e Briyith, di 18 e 19 anni.
I due vivono entrambi in famiglie affidatarie. Purtroppo Gustavo ha subito negligenze da parte della famiglia di origine e Briyith non ha potuto seguire regolarmente la scuola. Sono piuttosto timidi, ma si definiscono persone attive e responsabili. Sono diventati beneficiari di una borsa di studio biennale – in corso fino al luglio 2012 – concordata tra Ai.Bi. Amici dei Bambini e l’ICBF, Istituto Colombiano per il Benestare Familiare, con lo scopo di aiutare i giovani senza famiglia a costruirsi un futuro.

«Cari padrini,

vorrei raccontarvi che adesso sto studiando come tecnico professionale per personal computer tutte le sere, e durante la mattina frequento il liceo.

Era da tanto che cercavo quest’opportunità, perché sono molto interessato a diventare un professionista e a riuscire a lavorare come una persona per bene.

Le materie che sto seguendo grazie al corso sono le seguenti: Risorse Finanziarie, Contabilità, Sistemi, Economia base, Inglese, Etica, infine Etica e Cultura. Le seguenti sono le materie che mi restano più difficili: Contabilità e Sistemi. Ringrazio di cuore l’appoggio saprò sfruttare la massimo questa possibilità per concludere in modo ottimo i miei studi.


Vi ricordo con affetto».

Gustavo

 

«Carissimi,

vi scrivo per informarvi sui corsi che sto frequentando e su come mi va accademicamente con Tecnica di Sistemi. Prima di tutto le aree che sto vedendo sono le seguenti: 

  1. assemblaggio e mantenimento computer livello 1a classe algoritmi
  2. introduzione all’ingegneria: tecnologia basica trasversale
  3. applicazione strumenti, video (il nome della materia è logica matematica)
  4. assemblaggio e manutenzione tecnica. 

Queste sono le quattro classi che frequento durante la settimana. finora me la cavo bene in tutte le aree, anche in aula i ragazzi mi chiamano “l’insegnante” perché delle tre ragazze che siamo io sono l’unica che capisce bene tutte le materie. Ma io non mi considero la più intelligente, semplicemente mi sforzo tanto, anche se mi è un po’ difficile l’area degli algoritmi, ma riesco a cavarmela bene, sono perseverante, ci riuscirò e sarò la migliore. Come ultima cosa vorrei ringraziarvi per l’appoggio che mi date… non vi deluderò. Porterò avanti la mia laurea tecnologica perché quello che mi piace di più sono i sistemi.

Non avendo altro per ora, vi auguro buona fortuna,

Un abbraccio forte

Vi ringrazio cordialmente».

Briyith