Marocco. La nostra lotta contro il “male oscuro” dell’abbandono: urgono più psicologi negli orfanotrofi

L’accompagnamento psicologico dei bambini istituzionalizzati è un servizio fondamentale per la loro salute mentale, ma i professionisti sono troppi pochi. Aiutaci, partecipando al progetto “Adotta a distanza i bambini di un orfanotrofio” 

Spesso, i bambini e i ragazzi che si trovano negli Istituti di Protezione sociale perché abbandonati o provenienti da famiglie che riversano in situazioni difficili, manifestano diversi disturbi psicologici dovuti alla loro situazione di vulnerabilità. Per alcuni di loro si tratta di gravi situazioni di difficoltà che potrebbero condurre ad altrettante gravi ripercussioni sulla loro salute mentale.

Gli operatori delle strutture, a volte non sono sufficientemente formati per identificare questi disturbi e per agire tempestivamente, non disponendo delle conoscenze e dei mezzi necessari per supportare i minori.

Marocco. I servizi di accompagnamento psicologico di Ai.Bi.

Per questo Ai.Bi. Marocco interviene all’interno degli orfanotrofi che accolgono bambini soli, abbandonati o in difficoltà familiare nelle regioni di Fez-Meknes e Orientale con servizi di accompagnamento psicologico svolti da esperti. 

Alcuni minori necessitano di un accompagnamento più frequente ed individuale, per altri è sufficiente partecipare ad incontri di gruppo, altri ancora beneficiano di entrambe le modalità di supporto.

In queste settimane a Meknes, ad esempio, la nostra psicologa ha invitato i minori ad un incontro collettivo. Al contrario di quanto gli educatori temevano inizialmente, i bambini si sono dimostrati da subito molto contenti di poter condividere i propri disagi con i loro compagni, senza giudizi, in un’atmosfera di solidarietà.

Ciò è stato reso possibile grazie alla grande professionalità della psicologa che ha avuto cura di conoscerli per prima cosa, uno ad uno individualmente, approfondendone i caratteri, la personalità e le difficoltà di ognuno, per poi formare un gruppo che avesse gli elementi necessari per creare uno spazio aperto al dialogo e alla condivisione.

Se le prime volte che i ragazzi vedevano la psicologa arrivare in orfanotrofio si chiedevano che ci facesse lì, adesso le chiedono quando la rivedranno e quando potranno seguire altri incontri di gruppo.

Gli operatori sociali stessi quando si confrontano con la psicologa affermano di notare già dei miglioramenti sulla salute mentale dei bambini e ragazzi seguiti.  È proprio questo tipo di cambiamento positivo che Ai.Bi. Marocco e i suoi partner sperano di poter generare attraverso la messa a disposizione di questo tipo di servizi, ancora troppo poco presenti nel Paese.

Gli psicologi che seguono i bambini e ragazzi ospiti delle strutture delle regioni di Fez-Meknes e Orientale intervengono nell’ambito del progetto “Insieme per l’infanzia”, condotto da Ai.BI. Marocco in partenariato con la Fondazione Rita Zniber e Pionniers du Changement du Dévéloppement et la Culture, cofinanziato dall’Unione europea.

Un’Adozione a Distanza per i minori ospiti degli orfanotrofi partner di Ai.Bi. in Marocco

L’accompagnamento psicologico dei bambini istituzionalizzati è un servizio fondamentale per la loro salute mentale, ma i professionisti presenti all’interno degli orfanotrofi, ad oggi sono troppi pochi.

Sostenendo il progetto di Ai.Bi. “Adotta a Distanza i bambini di un orfanotrofio in Marocco”, potrai aiutarci a regalare a tanti minori, soli, abbandonati o in difficoltà familiare cure, sostegno psicologico e possibilità, a cui altrimenti non potrebbero accedere, nell’attesa che si realizzi per loro il sogno più grande: crescere serenamente in una famiglia che li ami. Pensaci, con 0,83 euro al giorno puoi farlo!

Adotta a distanza