Marocco. Sara e Rim: addormentarsi, sognando di tornare a vivere con la mamma …

Nell’orfanotrofio APA vivono 160 bambini dai 6 anni in su. Grazie al programma di Ai.Bi. “Adotta a Distanza i minori di un orfanotrofio in Marocco”, ne stiamo aiutando tanti, come Sara e  Rim. Ma quanti ancora hanno bisogno dell’aiuto di nuovi sostenitori!

In Marocco Ai.Bi. sostiene i minori soli, abbandonati o in difficoltà familiare ospiti di due orfanotrofi. Uno di questi si trova nella città di Salé, si tratta dell’orfanotrofio APA (Associazione Protezione ed Assistenza).

All’interno di questa struttura vivono ben 160 minori tra i 6 e i 17 anni, orfani o provenienti da situazioni familiari complesse.

Il personale dell’orfanotrofio APA, grazie al prezioso aiuto del progetto “Adotta a Distanza i minori di un orfanotrofio” di Ai.Bi. si prende cura di loro, provvedendo a soddisfare i bisogni dei bambini e contribuendo a mantenere viva la relazione con la propria famiglia di origine, ove possibile, scongiurando il pericolo dell’abbandono e lavorando per il reintegro del minore in famiglia.

Marocco. Sara e Rim: storie di “quotidiana” accoglienza

Tra le piccole ospiti dell’orfanotrofio APA, ci sono anche Sara e Rim, due bambine di 9 anni, entrambe entrate a far parte della struttura nel 2021, a pochi giorni di distanza l’una dall’altra.

Le bambine provengono da una situazione familiare precaria, non di certo carente d’amore, ma di mezzi di sostentamento economici.

Sara

La madre di Sara, dopo il divorzio dal marito, con il solo lavoro di addetta alle pulizie, non riesce a mantenere da sola la famiglia, composta da Sara e da un altro fratello, per questo, per garantire ai bambini una vita dignitosa, ha deciso di chiedere aiuto all’APA.

Rim

Le condizioni economiche della famiglia di Rim, invece, sono peggiorate a causa del covid. Anche Rim è figlia di genitori divorziati. Viveva in campagna con la mamma, il fratello e un’altra sorella, ma la loro casa è stata demolita e la famiglia è rimasta senza un tetto, fino a quando, non sono riusciti a trovare un’altra collocazione, grazie alla generosità di alcuni donatori che si sono occupati di pagare parte dell’affitto. Anche la mamma di Rim lavora come donna delle pulizie e con il poco che guadagna, provvedere a tutti i bisogni della famiglia per lei non è semplice, per questo ha chiesto aiuto all’APA.

Aiutare una mamma e i suoi bambini attraverso l’Adozione a Distanza

Così, da settembre dello scorso anno, le due bambine sono entrate a far parte dell’APA e del programma di Ai.Bi. “Adotta a Distanza i minori di un orfanotrofio in Marocco”, grazie al quale le bambine e i loro compagni possono ricevere maggiori cure e maggiore sostegno per proseguire nel cammino della loro infanzia.

Dopo l’arrivo al centro, Sara non è riuscita a integrarsi facilmente, ma il personale della struttura ha fatto del suo meglio per aiutarla ad ambientarsi poco a poco. Oggi la bambina frequenta il secondo anno della scuola primaria e il suo livello scolastico è buono. È una bambina simpatica, laboriosa e amata da tutti.

Rim, invece, si è ambientata subito nella struttura. Frequenta la terza elementare e si impegna molto nello studio. È timida e sorridente ed è sempre di buon umore.

Un’Adozione a Distanza per i minori dell’orfanotrofio Apa

Cibo, cure, scuola e opportunità… questo e tanto altro è possibile realizzare aderendo al progetto “Adotta a Distanza i bambini di un orfanotrofio in Marocco”, in attesa che giunga per queste piccole la possibilità di tornare vivere in famiglia.

Con 0,83 centesimi al giorno, potrai scongiurare per tanti minori la piaga dell’abbandono e regalare loro opportunità preziose, di studio e di vita che li accompagneranno nel loro cammino futuro.

Aiutaci anche tu. Adotta a distanza