Cina. Griffini (Ai.Bi.) ai China Awards: “Adozione, officina dei miracoli”

Charity dinner dedicata alla Casa di Accoglienza Vittorino Colombo di Xi’an, in Cina

Ai.Bi. – Amici dei Bambini (con la sua casa di accoglienza intitolata a Vittorino Colombo) è tra le due realtà che hanno beneficiato della charity dinner organizzata da Fondazione Italia Cina e Milano Finanza in occasione della premiazione per i China Awards 2018. La cerimonia si è svolta il 5 dicembre nella strepitosa cornice del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. I premi erano destinati, come di consueto, a personalità e aziende che si sono contraddistinte per la costruzione di rapporti positivi tra l’Italia e la Repubblica Popolare Cinese.

Ai.Bi. è presente in Cina da dieci anni e da cinque, insieme al centro di accoglienza Xi’an Children Welfare Institute della città di Xi’An e all’Associazione OVCI – La Nostra Famiglia, è nata la prima Casa di Accoglienza intitolata a Vittorino Colombo, più volte Ministro della Repubblica Italiana, ma soprattutto fautore della vera apertura dei rapporti diplomatici, culturali e commerciali tra l’Italia e la Cina. La storia della Casa di Accoglienza ha numeri che meritano di essere raccontati.

Il calore di una famiglia – ha spiegato dal palco il presidente di Ai.Bi. – Amici dei Bambini, Marco Griffini – rappresenta l’unica possibilità di riscatto per ogni minore abbandonato e questa necessità si rivela ancora più impellente nel caso di bambini con problemi anche gravi di salute. E’ questa la consapevolezza che nel 2013 ci ha portati fino a Xi’An, dove è stata aperta la prima casa di Accoglienza intitolata a Vittorino Colombo. E’ proprio grazie alla feconda testimonianza di Vittorino Colombo, grande personaggio politico e il primo ad aprire le porte della Cina all’Italia, che Amici dei Bambini è arrivata là, in Cina, a Xi’An. E qui che da madri e padri adottivi abbiamo visto negli occhi dei bambini ospiti degli istituti in Cina i volti dei nostri figli. E subito è fiorita la speranza: molti di loro possono essere recuperati, per molti di loro possiamo – dobbiamo – trovare una nuova famiglia adottiva. E così è stato. In 5 anni di attività la Casa di Accoglienza “Vittorino Colombo” ha accolto più di 30 bambini con paralisi cerebrale e altre disabilità e 15, grazie alle cure ricevute, hanno potuto incontrare una mamma e un papà adottivi e ritornare figli”.


Molti altri, però – ha aggiunto Griffini – non sono ancora figli e attendono l’incontro con mamma e papà. Noi saremo lì ad accompagnarli certi di poter contare sull’aiuto di alleati preziosi come la Fondazione Italia Cina e gli amici presenti questa sera, cui voglio rivolgere una domanda sconvolgente: che valore ha una vita umana? Insieme possiamo dare a questi bimbi un immenso dono d’amore per fare sì che l’adozione continui ad essere quello che è: una vera e propria ‘officina dei miracoli’”.

Se sei interessato a sostenere a distanza le attività di Ai.Bi. nella Repubblica Popolare Cinese clicca qui. Se invece sei interessato a un’adozione segui questo link.