BAMBINIxLAPACE. Moldova. Dopo la guerra… arriva l’ora delle favole

Grazie alla guida di animatori, i bambini moldavi e ucraini di Văsieni hanno potuto raccontare, attraverso il linguaggio dell’arte mimica e del gioco, le vicende di diversi personaggi, superando le barriere linguistiche tra i piccoli attori

Procede l’avventura dello storytelling nelle biblioteche del progetto #BAMBINIxLAPACE realizzato in Moldova da Ai.Bi. insieme all’Associazione dei Bibliotecari della Repubblica Moldova e con il finanziamento di PLAN International.
Tra i 7 villaggi visitati dallo staff di educatrici e psicologhe c’è quello di Vasieni, dove i piccoli lettori della comunità, insieme ai loro amici ucraini arrivati da poco in terra moldava, si sono goduti dei momenti di divertimento e condivisione, grazie al non semplice lavoro di animatori e bibliotecari, chiamati a una vera sfida di integrazione culturale e sociale.

Dalla lettura alla rappresentazione dei personaggi

Seguendo il detto di Marcel Proust, secondo il quale “i giorni più intensi vissuti nell’infanzia sono quelli trascorsi in compagnia dei libri preferiti”, l’attività con i bambini è stata chiamata “L’ora delle favole” e dedicata alla lettura si varie storie note in tutto il mondo, come quella di Cenerentola.
E siccome i bambini sono uguali in tutto il mondo, soprattutto quando si tratta di gioco e creatività, non c’è voluto molto per dar vita alla fantasia tramite il gioco “Indovina chi sono”. Grazie alla guida degli animatori e dei volontari, i bambini hanno potuto raccontare, attraverso il linguaggio dell’arte mimica e del gioco, le vicende di diversi personaggi, superando le barriere linguistiche tra i piccoli attori e mettendo in scena la rappresentazione di una vera e propria Cenerentola moderna. L’atmosfera è stata davvero fantastica per tutti i presenti.

Il Dado delle Emozioni. Uno strumento di debriefing e riconoscimento dei propri vissuti

L’ultima parte del giorno è stata dedicata alle discussioni comuni, sempre guidate dagli animatori, che hanno permesso ai bambini di spiegare il perché della scelta del loro personaggio e le emozioni provate durante l’atto artistico: è stato un momento molto utile per stimolare l’attenzione, la memoria, la sincerità e il sentirsi parte di una comunità. Inoltre, come riconosciuto dagli stessi genitori presenti come spettatori, è stato un esercizio molto utile anche per gli adulti.

Sostieni l’impegno di Ai.Bi. per i bambini dell’Ucraina

Dall’inizio della guerra, Ai.Bi. è impegnata in molteplici attività lanciate all’interno del progetto #BAMBINIxLAPACE, attivo in Ucraina, Moldova e Italia a favore dei bambini ucraini e delle loro famiglie. Chiunque può sostenerli con una donazione una tantum o con l’Adozione a Distanza. E se sei cliente Fineco, la banca raddoppia la tua donazione fino al 30 giugno. Ricordati che tutte le donazioni ad Ai.Bi. godono delle seguenti agevolazioni fiscali

EMERGENZA UCRAINADONA ORA