Mese: Giugno 2015

AiBinews

Roma. Dalle relazioni affettive ai problemi fiscali, con “E… state in famiglia” genitori e figli si confrontano a 360 gradi

È una scuola insostituibile di umanità e relazionalità, cellula di coesione sociale e motore per il buon funzionamento di tutte le istituzioni sociali, politiche, economiche ed educative. Stiamo parlando della famiglia, esperienza centrale nella vita di tutti, a cui sono dedicati 4 giorni di festa a Roma in occasione della terza edizione di “E… state in famiglia”.

AiBinews

Genitori, figli e nonni: così la vacanza può ‘guarire’ la famiglia

Estate tempo di vacanze e di relax, ma anche tempo per ritrovarsi e ritrovare il piacere di stare insieme in famiglia. Durante la permanenza nel luogo di villeggiatura la gestione dei tempi è più libera e senza regole, diversamente da come avviene d’inverno in città dove ci sono orari imposti dalla scuola e dalle attività lavorative. Inoltre, l’organizzazione della giornata con i figli potrebbe essere agevolata anche dai nonni, che spesso si aggregano. Riportiamo la versione originale dell’articolo pubblicato oggi (30 giugno) su Libero, “Genitori, figli e nonni: così la vacanza può «guarire» la famiglia”  a firma di Luca Bernardo.

AiBinews

Brasile. Belem: lo Stato del Parà ritorna a credere nell’adozione internazionale

Amici dei Bambini, da sempre in prima linea quando si tratta di trovare una casa accogliente ai bambini abbandonati, torna ad adottare nello Stato di Parà nell’area nord-orientale del Paese con l’abbinamento di una bambina che ha tutti gli elementi per convincere, anche i più scettici e diffidenti, del potere salvifico e “riunificante” delle adozioni internazionali.

Sostegno a Distanza

Italia. “Sta per nascere il mio bimbo: nella mia valigia tanta curiosità, molte paure e immensa gioia”

Riportiamo la lettera scritta da un’educatrice di una Comunità mamma bambino che racconta i momenti e le emozioni che una giovane ragazza sta provando nei momenti immediatamente precedenti la nascita del suo bambino. Momenti delicatissimi, in cui una mamma in condizioni fragili, ha bisogno di tutto il supporto e la vicinanza che le operatrici della struttura sono in grado di dare. Attività di sostegno rese possibili anche grazie al vostro aiuto. Scopri come: visita l’home page dedicata alla nostra campagna “Fame di mamma”

Dal Forum

Come scegliere l’ente giusto che fa per te?

Noi siamo apertissimi a tutto, non abbiamo al momento nessun tipo di preferenza sul paese. L’assistente sociale che ci ha seguiti durante l’iter ci ha consigliato di scegliere un ente non troppo lontano dalla nostra città, perché fare viaggi lunghi nel post adozione potrebbe essere un po’ pesante per il bambino.

AiBinews

Marocco. Visita l’istituto in cui è stato lasciato 20 anni fa. “Sono uno dei pochi fortunati ad aver trovato una famiglia: perché? ”

La consapevolezza di essere un fortunato, di essere un miracolato: di quanto una “scelta” possa cambiarti la vita per sempre. Ecco perché Francesco Saber, 20 anni dopo essere stato adottato, decide di tornare laddove ha vissuto i primi  mesi della sua vita: nel Centro Lalla Meriem a Rabat, in Marocco. Vuole vedere con i suoi occhi chi si è preso cura di lui (gli operatori del Centro) e soprattutto incoraggiare gli altri bambini che come lui 20 anni fa, ora sono in attesa di qualcuno che li “scelga”.  Con l’amara consapevolezza che non tutti avranno questa fortuna.