Mese: Novembre 2015

AiBinews Bambini in alto mare

Siria. Giacomo Argenton, cooperante Ai.Bi.: “I bambini siriani non vedono più un futuro. Ecco perché, a 26 anni, il mio posto è qui con loro”

Quello che mi fa arrabbiare e che mi fa vergognare, è che siamo talmente egoisti che pensiamo e parliamo troppo spesso dei problemi che queste persone possono causare e non quello da cui sono costretti a fuggire, a rinunciare e ad abbandonare”.  Dall’ “alto” dei suoi 26 anni e con all’attivo la sua prima esperienza da cooperante in Siria per conto di Ai.Bi., Giacomo Argenton ha le idee molto chiare e soprattutto è determinato ad andare avanti. Giacomo è tornato a Milano per qualche settimana, giusto il tempo necessario per mettere in ordine qualche documento e festeggiare per il nuovo, ambizioso intervento di emergenza di Amici dei Bambini nel nord della Siria, finanziato da UNOCHA, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari. Ed è tempo dei primi bilanci.

AiBinews

Mosca. Famiglia curda con 4 bambini intrappolata in aeroporto da 40 giorni

Intrappolati in aeroporto. Nell’area fumatori: senza la possibilità di varcare la soglia e chiedere lo stato di rifugiati in Russia, ne’ tantomeno di tornare indietro, in Siria: da dove sono scappati. Sotto certi aspetti, sembra la trama di ‘The Terminal’, il film di Steven Spielberg (2004), dove Tom Hanks vestiva i panni di Viktor Navorski, cittadino di una immaginaria nazione dell’Europa dell’est, costretto a restare nell’aeroporto di New York dopo che nel suo paese avviene un colpo di Stato.