Cina. Così si preparano “i pop corn” seconda la tradizione cinese…e anche i “nostri” bambini ne vanno pazzi

La felicità dei bambini ospiti della casa Vittorino Colombo durante una gita in campagna. Grazie all’amore e alla dedizione delle loro tate e al supporto del Sostegno a Distanza.

In un anno complicatissimo in cui la Cina per prima ha conosciuto l’incubo della pandemia da Covid-19 e del lockdown, le tate e l’infermiera che vivono con i bambini in un grande appartamento nel cuore della città, hanno dato l’ennesima prova di quanto siano disposte a sacrificarsi per questi bambini che altrimenti non avrebbero nessuno che lotta per loro.

Nei primi mesi del 2020, con gli asili chiusi e gli assembramenti vietati, i bambini hanno passato la maggior parte del loro tempo libero giocando nella terrazza della casa, nella quale hanno anche allevato due conigli e curato delle piantine.

Quando la Cina ha rilassato le restrizioni agli spostamenti, le tate hanno ricominciato a portar fuori i bambini, e anzi hanno cercato in tutti i modi di recuperare il tempo perduto organizzando quante più uscite possibili. E cosa c’è di meglio di un fine settimana in campagna all’aperto? Lo scorso weekend le tate hanno portato i bimbi in una zona fuori Xi’an per due giorni, nel paese natale di Tata Liu. Questa volta i bambini, oltre ai soliti giochi e alle passeggiate nei campi, hanno assistito ad una cosa che li ha divertiti molto, ovvero la preparazione dei pop corn, uno dei loro snack preferiti.

I bimbi, abituati a mangiare i pop corn che le tate fanno di solito al microonde, erano sbigottiti nel vedere il contadino inserire il granoturco in questo strano macchinario che vedete nella foto e scoprire che    dall’altro lato ne uscivano dei gustosissimi pop corn caldi, ancora più buoni di quelli che mangiano sempre.

Nella foto possiamo vedere alcuni dei piccoli assistere al processo di preparazione. Tata Liu ci ha raccontato che avrebbero voluto infilare il granoturco dentro da soli, ma il contadino ha preferito che non si avvicinassero troppo.

La Casa di Accoglienza di Xi’An è stata fondata da Ai.Bi nel 2012 allo scopo di dare un aiuto concreto ed efficace ai bambini affetti da disabilità provenienti dall’Istituto di Assistenza all’Infanzia della città di Xi’An.

Anche nel 2020, nonostante tutto, il Centro di Accoglienza Vittorino Colombo di Xi’an è stato in grado di dare una casa a sette bambini senza famiglia che sarebbero altrimenti destinati all’istituzionalizzazione.
Nella Casa questi bambini non solo possono godere di un clima più familiare, ma possono anche essere seguiti da esperti che verificano periodicamente le loro condizioni modificando, e se necessario integrando, ogni volta la loro fisioterapia.

Questa attività così come tante altre aiutano i nostri bimbi a non sentirsi “in difetto” rispetto ai pari età con i quali socializzano all’asilo, ed è anche di grande aiuto nel recupero del tempo perso nei loro primi anni di vita passati in Istituto.

Il poter seguire questi bambini con cura, con le tante altre belle iniziative che ogni settimana fanno parte della vita di questi bambini, sono possibili grazie al contributo dei sostenitori di Ai.Bi. che finanziano questo progetto.

Diventa anche tu un sostenitore del centro di accoglienza Vittorino Colombo, puoi fare la differenza per questi bambini, potrai seguire e accompagnare ogni giorno la vita, i progressi, le difficoltà e le gioie dei sette piccoli accolti, e soprattutto la loro gioia al momento dell’inserimento in una famiglia adottiva. Grazie a report mensili infatti, sarai costantemente aggiornato sui bambini del tuo Centro, il Vittorino Colombo di Xi’An.

Per te un caffè in meno al giorno, per loro la speranza per una vita in famiglia.

Attiva un Sostegno a Distanza bastano 25 euro al mese.

Sostieni a distanza