Il Natale delle aziende? Con Ai.Bi. diventa solidale!

Idee regalo per i doni aziendali in vista delle festività natalizie. Prodotti made in Italy, di qualità e che fanno del bene, sostenendo i progetti dell’organizzazione a supporto dell’infanzia abbandonata in Italia e 31 Paesi del mondo

I regali di Natale aziendali? Con Ai.Bi. – Amici dei Bambini diventano solidali. In vista delle festività natalizie, Amici dei Bambini offre infatti alle aziende un’ampia gamma di proposte: doni che, grazie ai partner dell’associazione, nata da un movimento di famiglie adottive e affidatarie e impegnata da oltre trent’anni nella tutela dell’infanzia abbandonata in Italia e in 31 Paesi del mondo, renderanno solidali i tuoi omaggi natalizi senza rinunciare a prestigio e qualità.

Grazie alla partnership con quattro grandi brand di eccellenza del made in Italy, Amici dei Bambini offre un’ampia gamma di proposte di qualità che hanno un valore aggiunto: donano un aiuto concreto ai bambini che vivono in gravi difficoltà familiari.

Sarà possibile scegliere tra: panettoni, vini e confezioni alimentari di alta qualità Longo; agende personalizzate o totalmente realizzate su misura del Gruppo BOOST; zaini porta pc, borse e cartelle da lavoro, accessori dall’inconfondibile design Piquadro; oggetti originali e icone del design di Alessi.


Con Ai.Bi., però, anche dei semplici auguri possono fare del bene: con un biglietto di auguri solidale si potrà infatti dare un valore speciale agli auguri natalizi della propria azienda e sostenere, nel contempo, i progetti di Amici dei Bambini a favore dell’infanzia abbandonata. Tutti i biglietti sono personalizzabili con frase augurale e logo dell’azienda.

Per chi invece volesse optare per un Natale interamente solidale, si potrà scegliere di di sostituire la più classica regalistica aziendale con una donazione libera a supporto di uno dei progetti di Ai.Bi. in Italia e nel mondo. A testimonianza della donazione sarà inviato un attestato.

Con Amici dei Bambini a Natale ogni azienda può scegliere di regalare speranza. E questa è davvero la più grande impresa.