Si può attivare un’Adozione a Distanza scegliendo la quota di 25 euro mensili invece di 50?

Gentili amici di Ai.Bi.,

mi chiamo Pasquale, ho dato uno sguardo ai vostri progetti di Adozione e di Sostegno a Distanza. Avrei il desiderio di avviare un contributo a favore di uno o più bambini abbandonati che vivono in istituto. Ho visto che, a seconda della forma di sostegno scelta, l’importo della quota da versare è diversa. Vorrei capire se si può comunque attivare un’Adozione a Distanza per un singolo bambino scegliendo la quota di 25 euro mensili e non di 50.

Mi piacerebbe tanto poter attivare un’adozione a distanza ma la donazione di 50 euro al mese è troppo alta per me.

Grazie per la preziosa informazione.

Pasquale


Gentile Pasquale,

innanzitutto apprezziamo tanto quello che lei ci scrive e il suo desiderio di adottare a distanza con il cuore perché dalle sue parole lo sentiamo battere anche noi.

Purtroppo al di sotto del valore di questa donazione non abbiamo un’Adozione a Distanza ma come avrà visto sul nostro sito c’è il Sostegno a Distanza comunitario. E vorremmo davvero che lei optasse per questa scelta che ha un gran valore: infatti la invitiamo a sostenere comunque, senza pensare ad un bambino nello specifico ma ad un gruppo di bambini; perché con questa tipologia di sostegno, infatti, si accolgono nel proprio cuore tutti i bambini abbandonati di un Paese che vivono nelle strutture seguite da Ai.Bi.

Riceverà gli aggiornamenti, che saranno comunitari, nel senso che si riferiranno a tutti i bambini del Paese: le arriverà una foto di gruppo, un disegno fatto dai bambini ogni volta diverso a Natale e a Pasqua e poi le storie a lieto fine di tutti quei bambini e quegli adolescenti che nel corso dell’anno sono riusciti a rientrare nella loro famiglia d’origine o che hanno ritrovato una mamma e un papà.

Inoltre potrà avere una comunicazione diretta con lo staff di Ai.Bi. in loco e insieme potrete organizzare un viaggio e partire nel Paese che hai scelto, visitando i progetti che sosterrà.

Ma non è tutto! In realtà la invitiamo anche a non abbandonare l’idea dell’Adozione a Distanza perché ci sono diversi modi per sostenere le donazioni di questa tipologia di sostegno personalizzato. Potrebbe infatti pensare di coinvolgere magari un parente, un amico, una compagna, qualcuno che insieme a lei avesse voglia di prendersi cura del futuro di un bambino abbandonato seguendolo nel suo percorso di vita. Potreste infatti dividere la donazione e vivere comunque l’emozione di aiutare, dall’altra parte del mondo, un bambino che ha solo voglia e diritto di sentirsi figlio.

Se dovesse optare per questa seconda scelta che le proponiamo non dovrà preoccuparsi per la parte gestionale del sostegno, penseremo a tutto noi.

In un modo o nell’altro ci contatti pure sia telefonicamente allo 02988221 tasto 3, che via mail a sad@aibi.it per parlare ancora, per ulteriori info e suggerimenti o anche solo per condividere la sua grande e generosa volontà di volere attivare un sostegno a distanza.

Nella speranza di sentirla presto e di averla nella nostra grande famiglia la salutiamo caramente

Grazie ancora per averci scritto

Staff Sostegno a Distanza – Ai.Bi. – Amici dei Bambini