Bambini in alto mare

AiBinews Bambini in alto mare

Messina: accordo fra Ai.Bi. e Comune per l’accoglienza in famiglie affidatarie

Un’altra piccola, grande conquista, in tema di accoglienza dei migranti e gestione dell’emergenza sbarchi in Sicilia. Il comune di Messina si è impegnato a collaborare con Amici dei Bambini per l’utilizzo di strutture adeguate a garantire un’accoglienza dignitosa ai minori stranieri non accompagnati e ai nuclei monoparentali in attesa di collocamento.

AiBinews Bambini in alto mare

La crisi dell’affido: meno 700 famiglie in due anni. Conoscere le cause per rilanciare l’accoglienza familiare temporanea

È da diversi anni che Ai.Bi. denuncia una crisi nel settore dell’affido. Ora, a questa voce unica e inascoltata, si è aggiunta anche quella delle istituzioni. Nel corso della Giornata Nazionale Mondiale dei diritti dell’infanzia, la Presidente della Commissione Bicamerale dell’Infanzia e dell’Adolescenza Michela Vittoria Brambilla, nel discorso di apertura del convegno “Il diritto di bambini e ragazzi alla famiglia: come rilanciare adozioni e affidi”, ha toccato le problematiche relative al tema dell’accoglienza temporanea.

Bambini in alto mare

L’emergenza profughi e il balletto delle responsabilità: perché non si procede con gli affidi dei MISNA?

A Lampedusa e dintorni, le strutture a disposizione per dare degna accoglienza ai minori stranieri non accompagnati ci sono. Le famiglie affidatarie pure: solo con il progetto “Bambini in Alto Mare”, Amici dei Bambini ha raccolto l’adesione di 830 coppie in tutta Italia, alcune delle quali sono già in fase di formazione. Lo stato dell’arte non fa più notizia, dunque. Quello che non manca di destare sgomento è il quotidiano teatro dell’assurdo che va in scena fra Sicilia e Roma.

AiBinews Bambini in alto mare

Primo corso di formazione all’affido per le famiglie di Lampedusa

Continua senza sosta l’impegno di Ai.Bi., Associazione Amici dei Bambini, verso i minori stranieri non accompagnati, attualmente accolti in condizioni disperate nel Centro di prima accoglienza di Lampedusa. Grazie all‘accordo stipulato tra il Comune dell’isola e Ai.Bi. si terrà il primo corso di formazione ai lampedusani, disposti ad aprire le loro case ai bimbi profughi.

AiBinews Bambini in alto mare

Interni ridipinti dal personale di Leroy Merlin: la casa di accoglienza di Messina è pronta, mancano solo i minori.

Sulla scia dell’entusiasmo suscitato qualche tempo fa dall’iniziativa “Volontari per un Giorno” (grazie al quale fu possibile risistemare la Casa famiglia di Ai.Bi. a Cesano Boscone), Leroy Merlin si è mobilitata nuovamente per sostenere il progetto “Bambini in Alto Mare”, attivando il personale del punto vendita di Catania per rifinire gli interni del nuovo centro di accoglienza di Ai.Bi..

AiBinews Bambini in alto mare

“Perché teniamo minori e donne in condizioni disumane, quando ci sono strutture pronte ad accoglierli?” Una domanda a cui nessuno finora ha risposto

All’indomani della tragedia del naufragio di Lampedusa, Laura Boldrini aveva dichiarato: “Nulla dovrà più essere come prima!”. Purtroppo tutto è ancora come prima. La domanda che le rivolgiamo è: fino a quando? Ci appelliamo al presidente della Camera: i tanti anni di attività come portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) la renderanno più sensibile ai temi drammatici dell’emergenza Misna?

AiBinews Bambini in alto mare

Patriarca (PD): «Noi parlamentari andremo al centro di accoglienza di Lampedusa per tirare fuori i bambini da lì!»

Non basta indignarsi di fronte alle morti annunciate dei profughi che- in fuga da guerre, sofferenze, persecuzioni- continuano a sbarcare sulle nostre coste. Occorre trasformare i facili sentimenti di commozione in azioni concrete. Ne è convinto il deputato Edoardo Patriarca (PD), che sottolinea la necessità di un confronto nazionale sul tema dell’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.

AiBinews Bambini in alto mare

Per terra, su materassi sporchi e senza coperte: così vivono i bambini nel Centro di Primo Soccorso a Lampedusa

Costretti a dormire su materassi sporchi, senza lenzuola né coperte, nel freddo della notte, senza il rispetto delle più elementari norme igieniche. Ospitati per terra, come animali. E’ la condizione di oltre 200 bambini (e 600 adulti), denunciata dagli operatori di Terre des Hommes. Vivono in questo modo disumano nel Centro di Primo Soccorso di Lampedusa: uno spazio che può ospitare fino a 250 persone e oggi ne accoglie 800, fra cui anche dei neonati.

AiBinews Bambini in alto mare

Emergenza sbarchi: firmato accordo fra Comune di Lampedusa e Ai.Bi. per l’accoglienza familiare dei minori stranieri non accompagnati

Solo nella notte tra il 24 e il 25 ottobre sono stati 800 i migranti soccorsi nel Canale di Sicilia in diverse operazioni. Che vanno ad aggravare una situazione già critica. I centri di accoglienza scoppiano: da Lampedusa a Porto Empedocle, da Salina Grande al centro di Milo a Trapani, il copione non cambia. Centinaia i migranti che dormono a cielo aperto. Tanto che il Viminale ha chiesto al prefetto di Agrigento di cercare case dei privati da adibire a centri di accoglienza.

AiBinews Bambini in alto mare

Canale di Sicilia: soccorsi altri 800 migranti nella notte. Il Governo cerca case dai privati

Continuano incessanti gli sbarchi nel Canale di Sicilia. Quattro interventi di soccorso nella notte, tratte in salvo centinaia di persone. Ieri altri 127 eritrei arrivati a Lampedusa, dove la tensione è altissima e i superstiti dei naufragi attendono di essere trasferiti da oltre venti giorni. I centri di accoglienza sono al collasso in tutta la Sicilia.

AiBinews Bambini in alto mare

Il Vescovo di Noto alla sua comunità: “I profughi sono nostri fratelli. Accogliamoli ”

Forte, chiaro e senza mezzi termini. È l’appello che il Vescovo di Noto, Antonio Staglianò, rivolge ai preti della sua diocesi: tradurre nella pratica l’invito di Papa Francesco ad aprire “con coraggio i conventi chiusi alla solidarietà”, per accogliere i fratelli profughi che sono sbarcati in queste ultime settimane sulle nostre coste.

AiBinews Bambini in alto mare

Emergenza profughi: sbarcano sempre più bambini, ma le famiglie affidatarie restano in lista di attesa. Uno spreco di tempo e di risorse sulla pelle dei più piccoli

Da una parte aumenta il numero di minori sbarcati sulle coste italiane. Dall’altra cresce il numero di famiglie disponibili ad accoglierli. Eppure non si riesce a toglierli immediatamente da strutture provvisorie, centri di prima accoglienza e comunità educative. L’ emergenza richiedeva la creazione di una cabina di regia che ancora non c’è. 

AiBinews Bambini in alto mare

Kyenge: “Il tavolo di coordinamento c’è e ha sempre lavorato”. Griffini (Ai.Bi.): “Allora perché ci sono così tanti minori soli nei centri di accoglienza?”

“Ci stiamo lavorando”. Così il ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge risponde alla richiesta di Amici dei Bambini della istituzione di una immediata “cabina di regia” per coordinare le attività nell’emergenza Lampedusa. Per capire come lavora, se e che cosa sta facendo – concretamente e in questa specifica emergenza – questo tavolo, Ai.Bi. ha chiesto un confronto con la ministra. Attendiamo con pazienza una risposta…

AiBinews Bambini in alto mare

Porto Empedocle: “Su quella barca c’erano mia mamma e mio fratello. Adesso io che faccio?”

Il progetto “Bambini in alto mare” è in piena operatività. Ai.Bi. ha attivato una task force sul posto, per rispondere all’emergenza, accogliere i minori stranieri non accompagnati in famiglia e offrire subito spazi e ospitalità alle mamme sole.  Domenica 13 ottobre eravamo tra i pochi a rendere omaggio ai morti: 150 bare, arrivate da Lampedusa a Porto Empedocle, a bordo della nave Cassiopea. Era nostro dovere essere presenti.

AiBinews Bambini in alto mare

Basta con la somma dei morti: perché non contare i minori salvati e accolti in una famiglia?

La prima telefonata è arrivata un’ora esatta dopo che sul sito era comparsa la news del progetto Bambini in alto mare. “Noi viviamo a Pistoia. Siamo disponibili ad accogliere subito!”. E’ solo la prima di diverse famiglie che già si sono messe a disposizione del piano di emergenza Ai.BiIl tam tam della solidarietà è appena cominciato. Telefonate e mail continuano ad arrivare. Una task force di operatori e volontari è attiva 24 ore su 24, la nostra missione su Lampedusa è in partenza.

AiBinews Bambini in alto mare

Bambini in alto mare: la risposta di Ai.Bi. all’emergenza

Agire subito. Anziché parlare o discutere, scendere in campo immediatamente per alleviare il dolore dei sopravvissuti al naufragio avvenuto al largo di Lampedusa e soprattutto per affrontare l’emergenza migranti. Superano 300 i morti recuperati, è ignoto il numero dei dispersi e i sommozzatori fra le lacrime raccontano immagini terribili di mamme abbracciate ai loro figli di pochi anni, annegati insieme.

AiBinews Bambini in alto mare

“Bambini in alto mare”: un progetto di accoglienza per le mamme sole e i minori non accompagnati. Le famiglie italiane possono fare molto

E’ ancora negli occhi di tutti la sequenza sterminata di bare nell’hangar di Lampedusa, mentre il mare restituisce di ora in ora nuovi corpi, 149 cadaveri accertati, centinaia di dispersi. “Mi viene la parola vergogna: è una vergogna” ha detto il Papa, rivolgendo un appello accorato a unire gli sforzi perché non si ripetano mai più simili tragedie.