Storie di Adozione Internazionale

“Non lo sanno quei signori che non è bello stare negli istituti?”: parola di bambino abbandonato

Spiegare ad bambino adottato la chiusura delle adozioni internazionali in un Paese è complesso; le lucide e logiche domande dei bambini che hanno vissuto l’abbandono spiazzano i genitori a cui vengono rivolte e sono, al contempo, spunto di riflessione per un’Italia che vede la disponibilità delle famiglie diminuire sempre di più con il passare degli anni…

“Il bambino promesso”: un padre adottivo alle prese con la scrittura per raccontare la meraviglia dell’adozione.  

Un padre che adotta racconta la sua crisi con humour e sincerità. “Mi sedetti di fronte a lui. Non ero sicuro che mi piacesse. Ed ero quasi certo di non piacergli. Gli sorrisi in modo meccanico, provando a farlo sorridere. Sorrise, aveva quattro denti. Capelli cortissimi e guance enormi. Mi prese un dito e se lo mise in bocca…”
L’articolo dal Venerdì di Repubblica a cura di Antonella Barina per la rubrica “Noi e gli altri”  

“Sei mio figlio! Sei mia figlia..!” : la commovente e dolcissima lettera di Luciana Littizzetto a tutti i figli adottivi!

 L’ uragano di comicità Luciana Littizzetto spiazza il pubblico di “Stasera CasaMika” (Rai2) recitando una lettera scritta di suo pugno a tutti i figli adottivi o affidatari, facendosi portavoce di tutti i genitori “di cuore” che hanno scoperto la meraviglia dell’adozione e dell’affido. “Perché i figli nati solo dal cuore, sono più […]

vita in diretta adozione dopo figlio con epilessia

Adozione internazionale. I coniugi Peloso raccontano alla Vita in Diretta (RaiUno) la loro storia di discriminazione

Nel corso delle procedure per poter procedere all’adozione di un figlio, dopo aver avuto Nicolò, il Tribunale per i Minorenni di Milano stoppa tutto perchè il primo figlio è epilettico “Questa battaglia, senza alcun dubbio, sia io che mia moglie la rifaremmo subito“: è lapidario il commento di Patrick Peloso, […]

figlia adottiva

Sri Lanka. Adozione internazionale: diario del viaggio di una famiglia, tra ricordi del passato e certezza del presente di una figlia adottiva

Il resoconto scritto dal papà: 18 giorni trascorsi, su richiesta della figlia, nel Paese e presso gli istituti che l’avevano ospitata prima dell’incontro con la sua famiglia adottiva. Un flusso di immagini, eventi ed emozioni che hanno ripercorso  a ritroso i momenti dell’infanzia della giovane, che ha vissuto ogni giornata con la volontà di tornare a respirare l’aria di luoghi in qualche modo familiari. Ma pur sempre con la consapevolezza forte di quanto è bello essere stata protagonista del dono reciproco reso possibile dall’adozione internazionale. Che oggi è la sua vita

Leggi il diario

Adozione internazionale. Francesca, figlia adottiva,svela i 7 ‘segreti’ per diventare mamma e papà adottivi ‘top’

“Cari mamma e papà, ecco come vi immagino” è il titolo della lettera che la ragazza, 20 anni, scrive per cercare di aiutare le coppie che sognano il dono dell’adozione. Perchè Francesca (nome di fantasia), originaria del Brasile, nonostante un fallimento adottivo alle spalle continua a credere fermamente nella bellezza dell’adozione. Tanto da desiderare, già ora, di adottare un bambino quando sarà più grande.

Colombia.”Le abbiamo conosciute nella sede dell’ICBF: eravamo senza fiato, il momento è impossibile da descrivere….poi ci sono subito saltate in braccio”

“Sapevamo di accogliere bambini con un passato doloroso alle spalle: tuttavia quando abbiamo letto la storia di Diana, 9 anni e Sandra, quasi 13 all’abbinamento, siamo rimasti colpiti e abbiamo subito detto sì.”Carla e Sabino, raccontano per #iosonoundono la loro storia di adozione. “Il profilo caratteriale di Sandra denotava una situazione più delicata, per le esperienze vissute. Era una storia sì, travagliata, ma al tempo stesso eravamo tranquilli di poterla gestire”.

Nove mesi in Kenya per adottare Tommy…

Adozione Internazionale.Nove mesi in Kenya per adottare Tommy con la paura di sfasciare la nostra famiglia Sembrerebbe un romanzo, ma è una storia vera. L’opera prima di Massimo Bavastro intitolata “Il bambino promesso” è il racconto di un uomo e della sua famiglia nell’impatto con quello che nella mente è sempre stato […]