AiBiNews

Nuova rubrica delle adozioni: é arrivata la cicogna

Una nuova rubrica per conoscere le storie delle famiglie che hanno adottato un bambino e seguire, di volta in volta, la cicogna che compare e “viaggia” sul sito di AiBi nel momento esatto in cui un figlio adottivo entra a far parte della sua famiglia. Anna è la prima bimba arrivata nel 2010; con i suoi genitori è da poco rientrata dalla Federazione Russa.

Haiti: il Paese in cui i bambini nascono già ultimi

Sono salvi i 600 bambini ospiti dell’unico orfanotrofio di Haiti, situato lontano dall’epicentro del sisma; lo riferiscono le fonti locali delle associazioni presenti nel Paese. Padre Rick Frechette, sacerdote e medico in prima linea, direttore di Nuestros Pequenes Hermanos Haiti sta coordinando i soccorsi con il suo staff locale per portare un aiuto ai bambini colpiti dal terremoto.

Nepal: CNFN risponde alla richiesta di maggiore trasparenza

Il Child NGO Federation Nepal (CNFN) – organismo per la protezione dell’infanzia nepalese composto da rappresentanti delle istituzioni, direttori degli orfanotrofi e delle ONG – ha risposto all’appello promosso dall’Ambasciata tedesca in Nepal insieme ad altri 12 rappresentanze occidentali – tra cui l’Italia – per fare chiarezza sui problemi dell’adozione internazionale.

Happy Mais è diventato il gioco della Befana

E’ stato l’Happy Mais il gioco più richiesto e regalato insieme alla calza della Befana. Un successo inaspettato per il prodotto solidale ed ecologico presentato nella vetrina del negozio online AiBiShop, pensato e realizzato appositamente per i bambini e le loro famiglie.

Treviso: bimba down insultata al ristorante

“Quando si hanno dei figli mongoli è meglio restarsene a casa” : è questa la frase con cui il cliente di una pizzeria di Treviso ha apostrofato i genitori di una bambina down. Un uomo seduto vicino al tavolo della bambina si è sentito infastidito dalla sua presenza ed ha esternato così la sua intolleranza con la frase razzista.

Fiocco azzurro per Yao Lei: un bambino davvero speciale

Enza e Paolo sono tornati dalla Cina da poco più di quindici giorni con il figlio adottivo, Yao Lei, nella loro casa in provincia di Pavia, ma sembra che vivano insieme da una vita. Yao Lei potrebbe essere uno dei 40 milioni di bambini abbandonati nelle campagne dai genitori ai nonni, trasferitisi a Pechino in cerca di un lavoro e una nuova, promettente, vita.

San Paolo, Brasile: quando nero è bello

Una lezione di accoglienza dallo stato brasiliano di San Paolo. Mentre in Italia esistono Tribunali per i minorenni che emettono ancora “decreti di idoneità razzisti” in cui le coppie possono scegliere il proprio figlio in base al colore della pelle, le coppie brasiliane non chiedono più l’adozione di bambini in base a caratteristiche somatiche.

Rapporto adozioni 2009: calano le idoneità

E’ stato pubblicato sul sito della Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) il Rapporto statistico contenente i dati relativi alle adozioni. Il 2009 si chiude con 3.964 bambini adottati, 13 in meno rispetto al 2008. Uno dei dati più significativi riguarda le domande di disponibilità all’adozione, rispetto alle quali la CAI ha confermato la notizia di un andamento decrescente delle domande presso i Tribunali per i minorenni italiani.

Accolto l’esposto di AiBi sui “decreti razzisti”

E’ stato accolto dalla Procura Generale della Repubblica l’esposto di AiBi contro i cosiddetti “decreti razzisti”. Tutto era nato da un decreto emesso il 12 giugno 2009 dal Tribunale per i Minorenni di Catania che aveva ritenuto idonea all’adozione una coppia, nonostante questa si fosse dichiarata non disponibile ad accogliere bambini “di pelle scura o diversa da quella tipica europea”.

Francia e Italia: calano le adozioni internazionali

Il sito del governo francese ha diffuso i dati delle adozioni internazionali concluse dalla Francia nel 2009. Sono stati 3.017 i bambini accolti (3.271 nel 2008, 3.166 nel 2007); la Francia si posiziona così tra i quattro principali Paesi di accoglienza di minori accolti all’estero dopo gli Stati Uniti, l’Italia e la Spagna.

Cambogia: si apre uno spiraglio

“Nulla è stato lasciato intentato per far presente alle autorità cambogiane le giuste attese delle coppie italiane”. Così ha dichiarato Daniela Bacchetta, vicepresidente della Commissione per le adozioni internazionali (CAI), per fare chiarezza sulla situazione delle aspiranti famiglie adottive in Cambogia.

Uruguay: sempre più difficile adottare

L’Uruguay ha approvato una nuova legge (n.18.590) per migliorare il sistema di cura dei minori allontanati dalla loro famiglia e di quelli abbandonati. L’adozione internazionale viene fortemente sacrificata in quanto si stabilisce che gli aspiranti genitori adottivi debbano risiedere per sei mesi in Uruguay per poter conoscere il bambino nel suo ambiente.

Ho tre pagine di compiti da fare! Mi aiuti?

“Caro sostenitore, a scuola la maestra continua a darmi un sacco di compiti con le operazioni di matematica. Per le vacanze di Natale mi ha dato tre pagine piene di calcoli da finire..mi puoi dare una mano a farli?” Sono queste le parole di Juan, un bambino boliviano di otto anni ospite di un istituto di La Paz.

La Cambogia traccia la strada per i “Paesi a rischio”

Trova spazio oggi nelle pagine del quotidiano “Avvenire” un ampio servizio sulle adozioni internazionali in Cambogia in cui è stata riportata la petizione rivolta al Presidente Giorgio Napolitano da un gruppo di aspiranti genitori adottivi; l’appello, riportato da AiBi News lo scorso 15 dicembre, ha già raggiunto più di 6mila adesioni.

Inchiesta sconvolgente della BBC sugli istituti rumeni

Un’inchiesta dell’emittente britannica BBC ha messo in luce le condizioni di estrema trascuratezza e abuso in cui vivono minori e giovani in alcuni istituti della Romania. A vent’anni dalla caduta del regime di Ceausescu la vita non è cambiata per centinaia di minori abbandonati negli orfanotrofi del Paese.

La crisi fa paura: crescono le rinunce alle adozioni

I riflessi della crisi si vedono anche nel mondo delle adozioni. Difficoltà economiche e precarietà del lavoro hanno spinto le coppie a mettere da parte il sogno di avere un figlio. Nel 2009 ha rinunciato il 2%-5% delle coppie già in possesso del decreto di idoneità per l’adozione

Un premio per l’iscritto 6mila al Forum di AiBi

Il 2010 si apre subito con un importante traguardo raggiunto: il primo dell’anno si è iscritto al Forum di Ai.Bi. il numero 6mila. Il Forum è diventato un vero e proprio punto di riferimento per gli utenti del Sito, un faro che fa luce sulle informazioni non sempre chiare del mondo delle adozioni internazionali.

130mila letterine per esaudire i sogni dei bambini abbandonati

Sarà disponibile ancora per tutte le festività natalizie la pubblicazione “Io ci credo che esisti”: una raccolta di oltre 130 mila letterine indirizzate a Babbo Natale dai bambini che credono nel loro eroe dalla barba bianca. Il libro permetterà di sostenere i progetti di Ai.Bi. a favore dell’infanzia abbandonata e in difficoltà familiare.

La campagna “Magia nera” a Canale 5

La conduttrice Federica Panicucci ha ospitato, mercoledì 9 dicembre, il presidente di Ai.Bi. Marco Griffini negli studi di Mattino5 per parlare del fenomeno dei bambini stregone e la campagna promossa dall’associazione per sostenerli.

L’accusa di stregoneria è la più grave violazione dei diritti

Dal 1990 ogni anno l’Unione internazionale degli avvocati si riunisce per denunciare un caso particolarmente grave di violazione dei diritti umani. L’accusa di stregoneria nei confronti di un bambino rappresenta una delle più pesanti forme di violazione dei suoi diritti. Ne parla l’avvocato Cherine Luzaisu, originario della Repubblica Democratica del […]

Bambini stregone, per saperne di più. Come salvarli

I piccoli dannati del Congo, un esercito di innocenti che ha il disperato bisogno di riappropriarsi dell’infanzia dopo aver subito l’allontanamento dalla famiglia, le persecuzioni dei predicatori-pastori, il disprezzo della comunità.
Cosa può salvarli? Cosa possiamo fare per aiutarli?

Ruby può sentire i suoni del mondo. Grazie ai sostenitori!

Ruby ha tagliato il suo traguardo più importante. E’ tornata a sentire dopo essersi sottoposta a un delicato intervento, reso possibile grazie alla generosità dei sostenitori di Ai.Bi. La bambina, nata con gravi problemi alla vista e all’udito, vive in un istituto dello Sri Lanka con cui collabora lo staff locale di AiBi, il “Village of hope” di Batticoloa.

Unione Europea: riconosciuto il diritto alla famiglia ai bambini abbandonati rumeni

Un primo ma importante passaggio per garantire una famiglia ai bambini abbandonati della Romania. Il Parlamento Europeo ha ritenuto ammissibile la petizione, presentata da AiBi lo scorso 30 luglio, con cui l’associazione aveva chiesto che il Parlamento stesso si attivasse con ogni strumento per spingere il governo di Bucarest a modificare la legge sull’adozione e riaprire così le adozioni internazionali.

Bambini stregone, per saperne di più. Ecco cosa provano

Cosa prova un bambino accusato di stregoneria? Quali sono le paure che gli trasmettono le persone, anche quelle più care, convinte di avere vicino un indemoniato? Abbandono, disprezzo, senso di colpa: sono questi i sentimenti che animano le giornate di un bambino allontanato dalla sua famiglia con l’accusa di attirare il malocchio sul tetto domestico.

Tagliare gli enti autorizzati: la strada indicata dalle famiglie

Le famiglie hanno indicato la strada da seguire per migliorare il sistema dell’accoglienza familiare e districarsi nel ginepraio di enti che operano nel campo delle adozioni internazionali: ridurre il numero degli enti autorizzati. E’ questo l’inatteso risultato del sondaggio pubblicato sul sito di AiBi il 9 dicembre 2009, in cui il 72% dei votanti si è detto favorevole alla proposta di ridurre il numero degli enti autorizzati.

130mila letterine per esaudire i sogni dei bambini abbandonati

Letterine a Babbo Natale, le ha “recapitate” Poste Italiane venerdì 18 dicembre all’ufficio postale di Piazza San Silvestro, dove sono arrivati i sogni di migliaia di bambini. Un cinghiale da mangiare il 25 dicembre, un premio milionario, una bicicletta, un cavallo. Si stima che arriveranno oltre 130 mila letterine.

L’Ungheria si allinea ai Paesi che favoriscono l’adozione di bambini con bisogni speciali

Anche l’Ungheria si allinea ai Paesi che scelgono di destinare all’adozione internazionali i bambini con più bisogno di aiuto, ovvero quelli che non riescono a trovare una famiglia nel loro Paese. Essendo ben consolidate le adozioni nazionali, in adozione internazionale andranno bambini con età superiore agli 8 anni, gruppi di fratelli, bambini con problemi fisici o psichici.

Bambini stregone, per saperne di più: l’accusa

“Mi rifugiai nell’angolo più lontano della capanna, l’angolo più nascosto, in ombra, perché nessuno potesse vedermi. Quel giorno avevo da poco compiuto otto anni, e non lo dimenticherò per tutta la vita. Fu il giorno in cui diventai un bambino stregone.”

La Francia rafforza il progetto volontari per l’adozione. L’Italia resta a guardare.

La Francia ha dato grande slancio al progetto dei volontari per l’adozione internazionale, un’originale iniziativa per dare linfa al sistema. Si tratta di giovani impegnati in interventi di solidarietà e missioni destinate a porre le condizioni per garantire una famiglia ai bambini abbandonati che vivono nei Paesi in via di sviluppo; in meno di un anno l’attività si è estesa in 8 Paesi.

Tanzania, adozioni: richiesti tre anni di residenza nel Paese per adottare

Il Parlamento della Tanzania ha approvato, lo scorso 6 novembre 2009, il Child Act, ovvero una legge che intende regolamentare le misure per far fronte alle situazioni di abuso vissute dall’infanzia nel Paese. Si tratta della prima legge che mira a definire un framework legale con tutte le misure di protezione dei minori, colmando così le lacune di una legislazione di settore ancora legata al periodo coloniale.

Guatemala: il Consiglio nazionale per le Adozioni è sulla strada giusta

Il Consiglio Nazionale per le Adozioni (CNA), l’autorità centrale del Guatemala, aveva annunciato una nuova era delle adozioni internazionali. E così è stato, stando a quanto ha dichiarato Anna Marie Crine, rappresentante della Conferenza di Diritto internazionale de l‘Aja in visita a Città Guatemala per monitorare lo sviluppo del sistema adozioni.

Fiocco azzurro per Javier e Giovanni: i primi due figli dal Messico

Michelina e Franco Amati sono rimasti in Messico tre mesi e mezzo, come prevede l’iter adottivo del Paese, eppure nemmeno per un giorno della loro lunga permanenza a Guadalajara la coppia ha avuto il desiderio di tornare con Javier (10 anni) e Giovanni (9 anni) in Italia. “Stare con Javier e Giovanni nel loro Paese è stato importante.

Romania: Panait non si arrende e chiede la riapertura delle adozioni

A sei settimane dalla decisione del Governo rumeno di respingere il memorandum per la riapertura delle adozioni internazionali, il numero uno dell’Ufficio adozioni Panait ha presentato un nuovo disegno di legge per la modifica della normativa sulle adozioni. Panait ha parlato dell’esigenza di rivedere la legge 273, rendendo possibile l’adozione di un minore abbandonato rumeno per i cittadini rumeni residenti all’estero.

Bambini stregone, per saperne di più. La storia di Sunda

“Mi hanno buttato nell’acqua e mi tenevano sotto senza respirare, con la forza. Dopo poco sono svenuto e mi hanno tirato fuori. Quando mi sono svegliato hanno detto che non ero ancora pulito e hanno iniziato a picchiarmi. Dopo qualche girono mi si sono gonfiati i piedi e facevo fatica a camminare. Così hanno deciso di dondolarmi sul fuoco: mi sembrava di morire. Mi chiamo Sunda ma il mio appellativo è “Stregone”.

Dall’Albania fiocco azzurro per Elvin: i pionieri dell’adozione

Annamaria e Salvatore sono stati definiti i “pionieri delle adozioni” dall’Ambasciatore italiano in Albania perché sono stati i primi genitori ad accogliere un bambino nell’istituto per bambini e adolescenti di Scutari. “E come Elvin abbiamo conosciuto molti altri bambini, non più piccoli, che sognano ogni giorno di essere adottati da una mamma e un papà.”

Bambini stregone, per saperne di più. Come vivono.

Bambini stregone, Enfants sorcier, Shégués: accuse ignobili che possono segnare per sempre l’infanzia di un bambino nella Repubblica Democratica del Congo. Con i nostri progetti cercheremo di restituirgli un’infanzia serena, in attesa che vengano accolti da una famiglia. Attraverso il sostegno di educatori, medici, psicologi questi bambini potranno imparare a non sentirsi più rifiutati e ghettizzati.

Cambogia, nuova legge: tutto da rifare per i casi pendenti

Le autorità cambogiane hanno fatto sapere che i dossier non completati delle aspiranti famiglia adottive dovranno essere trattati secondo la nuova legge per le adozioni cambogiana. Per i dossier già completati, dovrà esserne valutata la conformità rispetto alla nuova legge, con un procedimento che durerà al massimo 60 giorni. Lo comunica il sito della Commissione per le Adozioni internazionali (CAI).

Silvio Orlando svela il paradosso dei “bambini stregone” in Congo

Silvio Orlando è il testimonial d’eccezione per il nuovo spot di Ai.Bi. a favore dei bambini del Congo accusati di stregoneria. Silvio Orlando gioca con il tema del malocchio nelle buffe vesti di un Pazzeriello ispirato al celebre Totò de “L’oro di Napoli” e ci mostra la parte più giocosa e popolare di ciò che per noi è la superstizione

In Burkina Faso si fa il punto sulle adozioni in Africa

Il primo incontro internazionale per fare il punto sul sistema adozioni africano si apre lunedì 7 dicembre a Ouagadougou, in Burkina Faso. Da lunedì 7 a mercoledì 9 si terrà il Forum internazionale sulla adozioni in Africa, promosso dal Governo del Burkina Faso in collaborazione con la Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI).

I desideri dei bambini abbandonati si realizzano con “Io ci credo che esisti”

“Io ci credo che esisti”: è questo il titolo del colorato libro in vendita, a partire dal 4 dicembre 2009, in tutti i Poste Shop di Poste Italiane a favore dei progetti di Ai.Bi. L’operazione sarà destinata a sostenere gli interventi di Ai.Bi. per l’infanzia abbandonata e quindi a realizzare i desideri di quei bambini che non chiedono giochi, ma una mamma e un papà che si prenda cura di loro.

Ucraina, portare via un bambino dall’istituto

“Seguire l’ultima fase dell’iter adottivo e’ stato istruttivo, seppur molto difficile.” Inizia così la riflessione di Silvana Raimondi, volontaria espatriata di Ai.Bi. in Ucraina, a seguito dell’adozione del piccolo Ivan. “E’ stato duro l’incontro in istituto, quando siamo andati a prendere Ivan per portarlo alla sua famiglia adottiva”.

Stati Generali del Terzo Settore: ma il volontariato non ha più la sua casa!

Alla vigilia dell’incontro nazionale delle principale sigle del Terzo Settore, Ai.Bi. apre una riflessione sull’identità e sul ruolo delle associazioni di volontariato. Il Terzo Settore è diventato un universo che raggruppa realtà troppo differenti tra loro (Fondazioni bancarie, cooperative, ONG, associazioni), in cui i movimenti e le associazioni familiari stentano a riconoscersi.

Adozioni internazionali: Romania e Bulgaria, due Paesi a confronto

“La Bulgaria ha dimostrato che è possibile combattere il mercato dei minori senza chiudere le adozioni internazionali” ha detto Krassimira Natan, Avvocato e referente dello staff di Ai.Bi. in Bulgaria, intervenendo nel corso della Conferenza “Challenges in adoption procedures in Europe” tenutasi martedì 1 dicembre al Palais de l’Europe di Strasburgo.

Una camminata per promuovere l’adozione in Kenya

Oltre 400 persone si sono date appuntamento, sabato 28 novembre, all’Uhuru Park di Nairobi per partecipare alla camminata “Adoption awareness walk” promossa dal National Adoption Committe per sostenere il diritto di ogni bambino ad una famiglia, in particolar modo con l’adozione.

Bielorussia: da Lukashenko rassicurazioni sulle adozioni internazionali

“Ringrazio il Presidente Lukashenko per le assicurazioni avute sul tema delle adozioni di bambini bielorussi da parte di famiglie italiane e sulla possibilità di lavorare insieme su questo tema.” ha dichiarato il Premier Silvio Berlusconi in occasione della conferenza stampa congiunta con il Presidente Alexander Lukashenko tenutasi durante la visita in Bielorussia lo scorso 30 novembre.

Mcarthurglen designer outlet sostiene Ai.Bi.

Dal 1° al 24 dicembre 2009 a Barberino Designer Outlet, Castel Romano Designer Outlet, Serravalle Designer Outlet e Veneto Designer Outlet, verrà organizzata una raccolta fondi che rientra nelle iniziative de “Il Bello che fa Bene”, l’evento benefico natalizio promosso da Ai.Bi. e giunto alla sua ottava edizione.

Fiocco azzurro per Nicolai: un bambino speciale dalla Bulgaria

“Lista speciale: una parola che può fa paura ma che spesso riguarda casi di bambini con problemi che possono essere risolti tranquillamente con terapie o interventi.” Sono queste le parole di Annamaria, mamma adottiva di Nicolai: un bambino bulgaro di quattro anni che non riusciva a trovare una famiglia disposta ad adottarlo nel suo Paese.

Ecco perché abbiamo adottato tre fratelli

Daniela Dosi se potesse gridare al mondo intero la gioia che si prova a diventare genitori di tre fratelli non avrebbe nessun indugio: “l’avventura della nostra famiglia è iniziata nel momento in cui sono arrivati Pablo, Josè e Viviana. Per Daniela e Daniele Dosi non c’è stato alcun dubbio quando la proposta di abbinamento è stata quella di tre fratelli, di cui la più grande aveva quasi 14 anni.

A Strasburgo si fa il punto sulle adozioni in Europa

“Adozioni internazionali in Europa: sfide per garantire gli interessi del bambino”. È questo il titolo del primo Convegno organizzato dall’Unione Europea sul tema adozioni che si svolgerà a Strasburgo il 30 novembre e il 1° dicembre 2009. La due giorni di studio sarà l’occasione per fare il punto della situazione sul sistema di protezione dell’infanzia in Europa.

Una T-shirt che fa bene

Studio Pilates, realtà conosciuta per aver diffuso in Italia il metodo CovaTech Pilates, festeggia quest’anno 20 anni di attività. Per questa importante occasione è stata realizzata da Deha una T-shirt celebrativa il cui ricavato sarà devoluto ai progetti di Ai.Bi.

La nuova era delle adozioni internazionali in Guatemala

In Guatemala la macchina delle adozioni internazionali si sta rimettendo in moto. Il Consiglio Nazionale per le Adozioni (CNA) – ovvero l’autorità centrale che sovraintende alle adozioni – ha comunicato che presto darà avvio a un progetto pilota per lavorare con le Autorità Centrali di alcuni Paesi di accoglienza.

Kenya: l’adozione internazionale avrà un futuro?

Cresce il numero di bambini negli istituti di assistenza all’infanzia in Kenya. Ancora non è decollata l’adozione nazionale: appena 781 bambini sono stati accolti dal 2003 al 2008; il percorso per garantire una famiglia con l’adozione internazionale è ancora pieno di ostacoli. Si deve puntare sull’adozione per garantire loro un futuro. Questo il punto di partenza della prima Conferenza nazionale dal titolo “Promoting the right of every child to a family” (30 novembre – 2 dicembre 2009).

Mongolia: prorogata la quarantena negli istituti per l’influenza A

Dopo l’Ucraina anche il Governo della Mongolia ha approvato una serie di misure per limitare i casi di contagio da influenza suina. Il governo ha decretato l’estensione dello stato di emergenza fino a venerdì 4 dicembre. Anche una provincia della Federazione Russa, quella di Vladimir, ha stabilito l’interruzione delle visite dei cittadini stranieri negli istituti.

Il Sostegno a distanza ha finalmente le sue Linee guida

Il sostegno a distanza ha le sue Linee Guida. L’Agenzia per le Onlus ha presentato ieri a Palazzo Chigi questo nuovo strumento per tentare di regolamentare la variegata galassia del sostegno a distanza e garantirne la massima trasparenza. Una sorta di “codice di autodisciplina”, come lo ha definito il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta.

Cambogia: approvata dal Senato la legge sulle adozioni

Dopo l’approvazione della nuova legge cambogiana sulle adozioni internazionali da parte dell’Assemblea nazionale lo scorso venerdì 23 ottobre 2009, anche il Senato ha approvato ieri la legge. Lo riporta oggi il quotidiano locale “The Cambodia Daily”. Cosa succederà alla coppie con i dossiers attualmente pendenti ancora non è stato definito.

AiBi a “G!come Giocare”: una fiera interamente dedicata ai bambini

Si apre oggi a Milano “G!come Giocare”: l’innovativa manifestazione interamente dedicata ai bambini presso la FieraMilanoCity. Da venerdì 20 a domenica 22 novembre, dalle ore 10 alle ore 20, saranno presentati spettacoli, giochi e attività per i bambini tra 0 e 14 anni. Ai.Bi. avrà uno stand all’interno del Padiglione3 (A35) con due laboratori creativi.

I diritti dei bambini compiono 20 anni, ma nell’indifferenza

Un anniversario con poche luci e ancora molte ombre quello odierno per i Venti Anni dalla firma della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia di New York. Il diritto all’educazione, all’identità, alla partecipazione, a vivere con una famiglia ed essere accudito dai genitori. Tutti principi inviolabili sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite che ad oggi non trovano ancora piena applicazione. Ancora da portare a termine progetti annunciati da anni come l’Avvocato del minore e la Banca dati.

Affido sine die: polemiche fra Occhiogrosso e Anfaa

Garantire ai minori la temporaneità dell’affido familiare per una relazione affettiva stabile o dare priorità alla capacità di recupero dei genitori? Posizioni opposte che hanno diviso Franco Occhiogrosso, già presidente del Tribunale per i minorenni di Bari e presidente del Centro nazionale di documentazione per l’infanzia e Frida Tonizzo, assistente sociale e consigliere dell’associazione ANFAA.

Giovanardi: evitare l’aborto dando il figlio in adozione

Informare le donne sulla possibilità di evitare l’aborto e dare in adozione il proprio figlio nel nostro Paese. E’ la “terza via” indicata dal Sottosegretario Carlo Giovanardi che, nel corso della Conferenza nazionale sull’infanzia, ha annunciato il finanziamento di un milione di euro destinato a un consorzio di tre associazioni tra cui compare AiBi.

Angelina Jolie vuole adottare un bambino siriano

Angelina Jolie è pronta ad adottare il settimo figlio adottivo. L’idea, probabilmente, le è venuta lo scorso mese, quando la star hollywoodiana aveva visitato un campo di profughi iracheni in Siria. A dare l’annuncio della notizia è stato il tabloid britannico “The Daily Mail”.

Conferenza infanzia: i bambini devono fare i bambini

Il primo e fondamentale diritto di ogni bambino è quello di essere tutelato da una famiglia. Un diritto sancito anche dalle Convenzioni che riconoscono nella famiglia il più importante luogo di cura e tutela per ogni minore. Eppure sembra che questo fondamentale riconoscimento sia passato in secondo piano, in quanto è il diritto alla partecipazione a fare da protagonista nel documento presentato da diverse associazioni in occasione della Conferenza nazionale dell’infanzia.

BIC: Baronissi per i bambini abbandonati ucraini di Bucha

Sabato 21 novembre, alle ore 17, si terrà una Conferenza presso l’Aula Consiliare del Comune di Baronissi (Salerno) per presentare il progetto promosso da Ai.Bi. “Bambini in comune” a cui ha aderito anche Baronissi. Grazie al progetto i bambini abbandonati che vivono nell’istituto di Bucha potranno essere in contatto con gli abitanti del Comune di Baronissi.

Una nuova “scatola dei desideri” per i bambini in difficoltà familiare

La bontà dei prodotti Pan di Stelle sosterrà il progetto di Ai.Bi. “La Carezza della Famiglia” facendo brillare i desideri di tutti i bambini affinché i loro sogni diventino realtà. Una nuova edizione speciale di “scatole dei desideri” contenenti i biscotti Pan di Stelle sarà disponibili per due mesi – a partire dal 17 novembre 2009 fino all’11 gennaio 2010.

Il Bello che fa Bene: shopping solidale in Montenapoleone

“Il Bello che fa Bene”, l’ormai celebre evento natalizio dell’associazione Ai.Bi. – Amici dei Bambini, giunge all’Ottava Edizione e coinvolge anche quest’anno le più rappresentative aziende del lusso italiano e internazionale che doneranno per l’occasione i loro articoli più prestigiosi. Dal 12 al 20 dicembre, dalle 10.30 alle 19, sarà possibile fare shopping solidale in Via Montenapoleone 6/A a condizioni molto vantaggiose.

Affido familiare, Campania in forte ritardo

In Campania su 2820 minori che vivono “fuori famiglia”, soltanto 296 hanno trovato accoglienza presso una famiglia affidataria. Poco è stato fatto sul versante della prevenzione di situazioni problematiche che spesso terminano con l’allontanamento del minore dalla famiglia di origine. Un dato preoccupante che emerge dal libro “Dove va l’accoglienza dei minori”, curato da Marco Giordano.

Adozioni: un Fondo regionale per le famiglie toscane

Le famiglie toscane potranno beneficiare di un Fondo regionale a sostegno delle spese sostenute per l’adozione internazionale. Nella seduta di mercoledì 4 novembre il Consiglio regionale ha approvato la proposta di legge per la costituzione di un Fondo destinato alle aspiranti coppie adottive che abbiano ottenuto, secondo quando previsto dalla legge 184/1983, il decreto di idoneità e che abbiano già conferito l’incarico a un ente autorizzato.

Chicco e Ai.Bi. uniti ad Onna. L’Aquila: nasce il punto famiglia per un sostegno concreto al territorio

Si inaugura oggi, alla presenza di autorità, istituzioni e di esperti medici e psicologi, il Punto Famiglia Chicco – Ai.Bi., con l’obiettivo di offrire un sostegno concreto alla popolazione colpita dal sisma. Il Punto Famiglia avrà sede presso la Scuola Materna di Onna (Aq), il comune più colpito dal sisma per numero di vittime rispetto agli abitanti, da sempre considerata punto di riferimento per il territorio.