Sostegno a Distanza

Storie di Sostegno a Distanza

AiBinews Sostegno a Distanza

Milano. China Award 2017. La casa ‘Vittorino Colombo’ di Ai.Bi. esempio virtuoso di accoglienza minori

La casa “Vittorino Colombo” di Ai.Bi a Xi’An è un esempio virtuoso di accoglienza per minori. Per questo Ai.Bi. sarà beneficiaria della cena di gala ‘Charity Dinner’ dei China Award che si svolgerà il prossimo 4 dicembre al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci” organizzati dalla Fondazione Italia Cina in collaborazione con Milano Finanza.

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina. Casa di Accoglienza “Vittorino Colombo” di Ai.Bi: laddove anche i bambini con gravi disabilità rinascono come figli

Ai.Bi., con il centro di accoglienza Xi’an Children Welfare Institute di Xi’An, nel 2013 ha aperto la prima Casa di Accoglienza “Vittorino Colombo” nell’ambito del Progetto Bambini Fuori “Lai YeYe”. Un modello di accoglienza “familiare” alternativo all’Istituto che ospita bambini affetti dalle più svariate patologie garantendo loro  una vita il più possibile normale e vicina alla realtà quotidiana dei loro coetanei. Finora ha accolto 24 bambini, 15 dei quali hanno potuto grazie alle cure ricevute incontrare una mamma e un papà adottivi e ritornare figli.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Dal “saper fare” al lavoro di domani: ecco come Ai.Bi insegna ai ragazzi ad essere autonomi

All’istituto di Shelter, i ragazzi, che non hanno una famiglia da cui tornare, trascorrono le loro giornate varie attività formative ed educative: ad ognuno viene dato un compito per imparare mestieri e acquisire competenze che gli torneranno utili. E così dalla realtà quotidiana imparano competenze che un domani li renderà autonomi: come coltivare e vendere al mercato le verdure, tecniche di catering, giardinaggio, allevamento di galline, lavaggio dei vestiti e delle case…

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina. Tutti a raccogliere i frutti dell’accoglienza…i bambini di Xi’An in campagna tra animali della fattoria e succosi melograni

Domenica mattina sveglia presto e gita in campagna, direzione fattoria: dove i bimbi hanno potuto guardare gli animali e raccogliere la frutta direttamente dagli alberi. Una giornata in allegria e spensieratezza per i piccoli ospiti della Casa di Accoglienza di Xi’An.  Attività rese possibili anche grazie al vostro supporto e aiuto: con il Sostegno a Distanza, infatti, è più facile per le tate coinvolgere i bambini in iniziative così da “ingannare” la lunga attesa nei centri prima di avere una famiglia tutta per loro.

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina “Un frutto di luffa scatena le risate dei bambini…E tu non vuoi strappare un sorriso a uno di loro?”

Venerdì scorso al rientro dall’asilo la tata e i bimbi hanno imboccato una via secondaria quando l’attenzione di An Ying Jie è stata rapita da un frutto di luffa che penzolava appeso ad un ramo.  E così i bambini hanno iniziato a toccare questo strano frutto, a ridere, scherzare e a farsi foto rapiti dalla novità. Dimostrazione che ai bambini serve poco per stare in  allegria. Immaginate quanto possa renderli felici un vostro regalo, una lettera magari per il giorno del loro compleanno o anche solo sapere che da qualche parte c’è un amico speciale che gli vuole bene?

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Il riscatto di Diana: nata sieropositiva, mentre tutti le voltavano le spalle, Ai.Bi ha creduto in lei e ora fa la sarta

Diana, 21 anni, a causa delle tante “porte chiuse in faccia”,  non crede in se stessa. Ai.Bi., invece, l’ha presa per mano e l’ha fatta partecipare alla formazione di “Life Skills” dove ragazzi come lei, con storie fragili e delicate, hanno l’opportunità’ di aprirsi, confidarsi, e scoprire che non sono soli. Ora è stata scelta da un’azienda locale dove farà la sarta. E così Diana comincia ad avere fiducia in se stessa e negli altri.

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina. La grande famiglia della Casa di Xi’An si allarga: arrivati 3 bambini che hanno bisogno della tua “presenza”

Da qualche giorno la ‘famiglia’ della Casa di Accoglienza si è allargata ed ha accolto 3 nuovi bimbi:  An Ying Jie, An Shao Guang e An Jia Hua. Dopo i primi moneti di “smarrimento” si sono messi subito a giocare con gli altri ospiti della Casa: ma come gli altri hanno bisogno di aiuto, sostegno, calore e cure che tu puoi garantire con il Sostegno a Distanza.

 

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Come si salva un Care-leaver dalla strada: la storia di James

James è nato in una famiglia povera di 6 fratelli. Abbandonato dai genitori ha trascorso la sua infanzia per strada “preda” della delinquenza locale. Fino a quando ha incontrato gli operatori del centro di Kwetu: qui James ha beneficiato del progetto di Ai.Bi. “Dalla dipendenza all’autonomia” ed e’ entrato a far parte dei 150 beneficiari delle formazioni di life skills e imprenditorialità. Tanto è bastato per dargli gli strumenti del riscatto: dopo uno stage con“Village Production”, è stato notato da alcune stazioni televisive come ACE TV, nonché dallo spettacolo televisivo keniano “Trinity Show”.

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. Ai.Bi. sostiene le mamme sole perché non siano costrette a dare in sposa le loro bambine

Sei anni di conflitto hanno peggiorato drasticamente la situazione delle donne, dando vita ad un dramma nel dramma: i matrimoni precoci delle bambine date in spose da famiglie disperate. In Siria oggi il 35% delle spose sono soltanto bambine. La campagna Emergenza Siria – Non Lasciamoli Soli sostiene le famiglie sfollate e madri sole affinché possano prendersi cura dei loro di figli e non siano costrette a dare in sposa le loro bambine.

AiBinews Dai Progetti Sostegno a Distanza

Marocco. La campagna Bin.Com promossa da Amici dei Bambini si fa sentire … in radio!

La scorsa settimana i membri di varie associazioni marocchine, tra cui l’assistente di progetto di Ai.Bi, hanno presentato la campagna Bin.Com, dall’arabo “sono tra voi”, ad un programma radiofonico della rete SNRT. La discussione, oltre ad affrontare i temi dell’abbandono minorile e delle madri nubili, è stata volta a sensibilizzare la popolazione di fronte ad un problema in costante crescita.

 

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. George “Compiuti 18 anni l’ istituto mi ha mandato via, ma per fortuna ‘fuori’ c’erano gli operatori di Ai.Bi”

George ha 24 anni ed è cresciuto in un centro per minori di Nairobi dopo essere stato abbandonato. Sin da piccolo ha dimostrato caparbia e desiderio di un futuro migliore. Dopo aver beneficiato delle formazioni di Ai.Bi. su “life skills” e imprenditorialità, sta facendo uno stage al “St Joseph Mukasa Hospital” dove lavora di giorno, mentre la sera frequenta l’università come studente part-time. Tutto ciò grazie al Sostegno a Distanza.

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. I veri progetti di “Aiutiamoli a casa loro”: 540 donne diventano mini imprenditrici grazie ai corsi professionali di Ai.Bi.

I corsi sono organizzati a livello di villaggio a gruppi di 25/30 persone. Ogni gruppo di donne segue lezioni di teoria e di pratica dedicati alla coltivazione all’interno delle serre e alla gestione del bestiame. Grazie a questo tipo di supporto, 540 donne siriane, acquisiranno competenze per far fronte ai bisogni base della propria famiglia. Bisogni, che dopo 6 anni di conflitto, sono sempre più difficile da soddisfare.

AiBinews Sostegno a Distanza

Repubblica Democratica del Congo. L’epidemia di colera rischia di andare fuori controllo: colpito anche il centro Fed di Goma

Stato di massima allerta a Goma, in Congo. L’ Epidemia di colera colpisce anche il centro di accoglienza FED e rischia di andare fuori controllo. I 3 casi di contagio diagnosticati a inizio settimana sono più che raddoppiati. Ai.Bi. ha già portato i primi aiuti: assistenza medica, soluzioni saline, zinco, antibiotici e vermifughi.  Ma non basta: e’ fondamentale arrestare il contagio intervenendo sulla prevenzione.

AIUTACI AD AIUTARE I BAMBINI DEL CENTRO FED

Adozioni a Distanza Realizzate Sostegno a Distanza

Ucraina. Quando la mamma non c’è e il papà è in prigione io non sono più figlio, racconta il piccolo Otto.

Lo sai perché sei qua? – chiede lo psicologo – “Perché la mamma beve. Beve vodka. E il papà? Il papà è in prigione.” risponde Otto seduto sulla poltrona, teso ,impaurito, testa bassa e mani tremolanti. Perché Otto, come tanti altri bambini del centro di “Dobre Vdoma”, in Ucraina, quando la mamma non c’è e il papa è in prigione smette di essere figlio.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. In vacanza nelle colonie estive nella foresta di Mamora: e i bambini diventano piccoli scout alla scoperta di se stessi

Per una settimana i bambini della Maison Al Fassia si trasformano in veri e propri scout. Lo spirito che viene trasmesso loro durante questa esperienza è ricerca, voglia di cooperare con gli altri, desiderio di progettare e costruire, impegno per risolvere i problemi. È andare a vedere cosa c’è oltre l’orizzonte, entusiasmo e intraprendenza. È sfidare se stessi per divenire persone responsabili, attive, competenti, autonome.

AiBinews Sostegno a Distanza

Bolivia. Quattro fratellini uniti dallo stesso destino: l’abbandono. Tu puoi donargli il sorriso

I quattro fratellini, il più grande ha solo 6 anni, sono stati abbandonati dai genitori. Vivono al Centro di Accoglienza Niño Jesus e qui seguono dei percorsi studiati per loro. Vederli sorridere ogni giorno riempie il cuore di chi li vede, li immagina, li ascolta. Ma per farli sorridere bisogna offrir loro la possibilità di sentirsi bambini e soprattutto figli. Il Sostegno a Distanza può donare quel sorriso, migliorando le loro condizioni di vita.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. E’ tempo di Eid al-Fitr: tra dolci, prelibatezze e vestitini di festa i bambini si preparano all’estate!

E’ iniziato l’ Eid al-Fitr una delle feste più importanti della religione islamica, che segna la fine del Ramadan. Anche i bambini dei centri vestiti con abiti nuovi hanno partecipato alla preghiera mattutina e trascorso la giornata a mangiare prelibatezze in buona compagnia. Tutto questo anche grazie al vostro aiuto: al Sostegno a Distanza. Per per loro inizia un’estate ricca di gioia e spensieratezza. O almeno ci si prova.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. Dalla foresta di Maamoura alla spiaggia di Ain Sbaa: il ftor è più buono con il Sostegno a Distanza

I bambini e i ragazzi dei centri di accoglienza marocchini hanno celebrato nei giorni scorsi la fine del Ramadan organizzando degli autentici Ftor, momenti di riunione e condivisione. Rispettando, così, le tradizioni: attività rese possibili anche grazie alle vostre donazioni aderendo alla campagna Adozione a Distanza Africa.

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina. Una giornata in campagna: tra pannocchie e corse dietro le oche, i bambini respirano la bellezza del Sostegno a Distanza

Approfittando di un improvviso ritorno della primavera, le tate, grazie al Sostegno a Distanza  hanno portato i bimbi in campagna.  Nella foto vediamo An XiLe che aiuta una delle tate a raccogliere le pannocchie, mentre gli altri bambini meno affascinati dal raccolto, rincorrevano le oche nell’aia e terrorizzavano gli altri animali.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Con il Sostegno a Distanza di Ai.Bi. arriva finalmente l’acqua ai bambini del centro Vijiji

Il centro Vijiji ha installato delle grandi taniche per la raccolta dell’acqua piovana. Due di queste taniche, grazie al Sostegno a Distanza Kenya, sono state donate da Ai.Bi., contribuendo cosi alla raccolta di 20,000 litri d’acqua. In questo modo si risparmia e si utilizzano le risorse per l’acquisto di cibo, medicine e abiti per i bambini ospiti del Centro.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. Il senso di abbandono? Con il Sostegno a Distanza, i bambini lo combattono andando al teatro

Quello appena trascorso è stato un weekend intenso e ricco di attività per bambini dei centri sostenuti da Ai.Bi. Marocco. Tante iniziative, rese possibili dal Sostegno a Distanza Marocco in virtù del quale centinaia di bambini hanno vissuto e provato emozioni uniche: come quella di andare per la prima volta a teatro o vincere una finale di calcio o ancora ridere giocare e correre a perdifiato nel principale parco cittadino.

AiBinews Sostegno a Distanza

La finale del Torneo Amici dei Bambini: “La Juventus vince ai rigori ma il gol più bello lo segnano i bambini della Siria”

Alla fine hanno vinto in due: la Juventus e i bambini siriani. Il torneo Amici dei Bambini, organizzato dall’Unione Sportiva Aldini Bariviera, si è concluso ieri, domenica 12 giugno, con una grande festa di sport e solidarietà. Ad alzare la coppa sono stati i piccoli campioni della squadra piemontese. Ma a sorridere sono anche i bambini e le mamme siriane che da quasi 7 anni vivono gli orrori di un paese in guerra. Sono loro i beneficiari dei fondi raccolti dall’Aldini e devoluti alla campagna “Non lasciamoli soli” di Ai.Bi.

AiBinews Sostegno a Distanza

Cina. Ma come fanno ad essere così belli e paffutelli i bambini del Centro di Xi’An? Grazie al sostegno a distanza di Ai.Bi.

Con il Sostegno a Distanza Cina i bambini ospiti del centro di Xi’An sono accuditi e coccolati 24 ore su 24. Le tate li accudiscono e si prendono cura di loro e così crescono in  salute, frequentano la scuola e i laboratori ludici. Ma tutto questo è possibile grazie al vostro aiuto, al Sostegno a Distanza Cina

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. Il teatro e il gioco per rompere l’assedio della paura: con Ai.Bi. i bambini si mettono alle spalle gli orrori della guerra e imparano la resilienza

Per fuggire dall’incubo di una vita sotto assedio, il teatro e il gioco sono un ‘ottimo’ rifugio per i bambini siriani per cercare di vivere una vita normale. Per questo l’ attività ludica e ricreativa è il focus degli interventi di Ai.Bi. in Siria che con il partner locale Ihsan RD ha predisposto unità mobili con cui gli operatori psicosociali portano preziose ore di svago a piccoli siriani che altrimenti rimarrebbero nascosti nei seminterrati delle loro abitazioni. Tutto grazie alle vostre donazioni libere per la campagna Bambini in Alto Mare o un versamento al conto corrente postale 3012 intestato ad Amici dei Bambini.

 

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

Giornata Internazionale dei bambini scomparsi. Un bilancio drammatico: 22 mila ogni giorno nel mondo, uno ogni due minuti in Europa

Dall’inizio di gennaio al 23 maggio, più di 45.000 rifugiati e migranti sono arrivati in Italia utilizzando la rotta del Mediterraneo, un incremento del 44% rispetto allo stesso periodo nel 2016. Per loro Ai.Bi porta avanti Bambini in Alto Mare la campagna per una giusta accoglienza dei migranti più fragili.

AiBinews Fotonotizia Sostegno a Distanza

Siria. E’ finita la scuola! Con Ai.Bi. e Saed anche i bambini sfollati fanno festa

E’ finita la scuola!!! E anche per i bambini siriani sfollati festa di fine anno con giochi,  spettacoli e premiazioni con articoli di cancelleria per i piccoli alunni della scuola di Al-Ba’rem. Questa è una fra le tante scuole supportate da Saed Charity Association, partner locale di Ai.Bi. ubicata nel centro città di Idleb in Siria. Molti di loro provengono da famiglie di sfollati interni costretti a lasciare le proprie case a causa del conflitto e a rifugiarsi nella città di Idleb. Grazie al Sostegno a Distanza destinato gli interventi di Ai.Bi. in Siria anche i bambini siriani hanno avuto la loro festa! Grazie

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. Il progetto Ai.Bi. e Regione Friuli: psicologi al fianco di 4500 genitori per superare i traumi da guerra dei bambini

Entrano nel vivo le attività di “Si.Ri.A. – Symptoms, Remedies, Action”, il progetto avviato da Amici dei Bambini, con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia,  per sostenere i genitori dei bambini siriani ad aiutare i loro figli a superare i traumi del conflitto. I beneficiari dell’iniziativa saranno 4.500 genitori, provenienti da circa 2.400 famiglie, che Ai.Bi. e Saed Charity aiuteranno a rafforzare la comprensione delle problematiche sociali e psicologiche che i conflitto provoca sui loro figli. Sostieni Ai.Bi. con una Donazione o attiva un Sostegno a Distanza.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. Al Dar Atfal Al Ouafae: con la magia dell’adozione a distanza tra giochi e musica i bambini scacciano l’abbandono

Domenica scorsa una nuova attività ha coinvolto i bambini ospitati nel centro Al Dar Atfal Al Ouafae. Un gruppo di studenti dell’Università marocchina, ha organizzato una giornata di animazione per i bambini. Una giornata speciale perché hanno goduto di ciò che per i bambini “più fortunati” è “normale”. Da qui l’importanza di attività come queste, rese possibili grazie alle donazioni libere e adozione a distanza

Adozioni a Distanza Realizzate AiBinews Sostegno a Distanza

Nepal. Per Sancha Maya il futuro è una ‘ricetta’ ben riuscita: grazie al sostegno a distanza ora può avviare un suo ‘fast food’

Sancha Maya vive a Ramecchap, nella parte orientale del Nepal. Da 4 anni è rimasta vedova e così cresce da sola a 5 figli: 3 di questi sono ospitati in centri e comunità del Paese. Il suo sogno è riunire la famiglia ma non ha un lavoro. Grazie ad Ai.Bi e al sostegno a distanza diventerà una cuoca e un’imprenditrice.

AiBinews Sostegno a Distanza

Un’ iniziativa esclusiva di Ai.Bi. Anna e Marco “Al battesimo di nostro figlio abbiamo invitato 48 bambini della Siria”

Anna e Marco hanno scelto di festeggiare il battesimo del loro figlio in maniera speciale: invitando anche 48 bambini siriani. Come?  Con un semplice ma prezioso puzzle solidale che sostiene i progetti di Sostegno a Distanza a favore dei bambini siriani che ogni giorno vivono gli orrori della guerra e di quel che resta delle loro famiglie.

Adozioni a Distanza Realizzate AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. Aasmae abbandonata alla nascita e sorda : ” Ora grazie alla adozione a distanza ho imparato a sentire l’affetto di chi mi vuole bene”

Aasmae ha 7 anni ed è sorda. Abbandonata alla nascita vive al Nido della Fondation Rita Zniber a Meknés. Qui segue dei percorsi studiati ad hoc per lei (visite specialistiche, sostegno scolastico e attività socio-educative e di animazione).  Ma quello che le da forza e coraggio è la sua “mamma a distanza” che con l’adozione a distanza la supporta economicamente e psicologicamente, alla quale scrive lettere e chiede consigli. Come questa.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Camminare per 5 chilometri di notte per andare a scuola. Grazie al sostegno a distanza ora arriva il pulmino di Ai.Bi.

I bambini del centro di Kwetu Home of Peace non avevano vita facile fino a pochi giorni fa. L’assenza di un mezzo di trasporto per andare a scuola, fare una visita medica, raccogliere le donazioni di cibo, avevano molte implicazioni sulla loro vita. Ma ora grazie ai vostri aiuti, Ai.Bi. ha potuto regalare al centro un pulmino. Ecco come piccole cose possono cambiare la vita di centinaia di bambini

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. Grazie ad Ai.Bi. garantiti aiuti a oltre 70 mila tra donne e bambini in soli 10 mesi: così si salva una generazione intera

Garantito supporto psicosociale a 3.051 bambini, grazie alle 10 unità mobili sono state realizzate attività ludiche e ricreative per 35.763 bambini, avviato iniziative di sensibilizzazione per 27.094 beneficiari. E ancora nei 4 centri sicuri per donne, le nostre operatrici hanno lavorato al fianco di 7.474 beneficiarie. Abbiamo acceso il sorriso sul viso di migliaia di donne e bambini: con il sostegno a distanza aiutaci a non farlo spegnere.

 

 

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Nell’istituto di Vijiji Home of Light grazie al sostegno a distanza di Ai.Bi. spunta un grazioso parco giochi per dimenticare l’abbandono

Il gioco, il tempo libero e il divertimento sono essenziali per lo sviluppo di un bambino, sia fisico che psico-sociale. A Vijiji Home of Light, istituto per l’infanzia in Kenya con cui Ai.Bi. collabora da tempo, i bambini ospiti hanno tra i 2 e i 10 anni. Per loro, grazie alle vostre donazioni e al sostegno a distanza, Ai.Bi. ha realizzato un piccolo parco giochi, dove i bambini tra un calcio al pallone e un “volo” sull’altalena dimenticano l’abbandono

AiBinews Sostegno a Distanza

L’adozione a distanza di Ai.Bi per i bambini abbandonati del Marocco. Una gita alla scoperta dei tesori nascosti di Meknès per ritrovare la felicità perduta

I minori in protezione ospiti negli istituti del Marocco secondo l’ultima stima che risale al 2010 sono circa 100 mila. Per questo Ai.Bi. sta collaborando con alcune organizzazioni locali in 5 istituti per tentare di dare loro condizioni di vita migliori, studiando piani personalizzati, elaborando per ognuno di esso un progetto di vita, garantendo visite specialistiche, sostegno scolastico e organizza attività socio-educative e di animazione. Cerchiamo di far loro vivere una vita più dignitosa, dando loro un po’ di quello che hanno  i nostri figli. Proprio quello che si è fatto con i bambini ospiti della Fondazione Rita Zniber che domenica scorsa sono andati in gita nella città imperiale di Meknès.

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

SIRIA. A Idlib per 540 famiglie un futuro è ancora possibile grazie al nuovo progetto di Ai.Bi. sulla sicurezza alimentare

Mentre continua a infuriare la guerra e gli attacchi sui civili, le famiglie e i bambini siriani, seppur stremati, continuano ad avere speranza e voglia di normalità. Sono loro i beneficiari del nuovo progetto di Ai.Bi. sulla sicurezza alimentare che coinvolgerà oltre 540 famiglie della provincia di Idlib.

AiBinews Sostegno a Distanza

Che cos’è l’adozione a distanza per Ai.Bi.? Kenya. James: “Ero rimasto solo al mondo: ma grazie al programma di inclusione sociale ora ho un lavoro e una casa tutta mia”

James, che ha partecipato al programma di inclusione sociale e del lavoro portato avanti da Ai.Bi. Kenya, ci racconta come sia cambiata la sua vita da quando, rimasto solo al mondo, è stato accolto in uno dei centri per bambini e adolescenti in difficoltà, e grazie all’aiuto dei sostenitori a distanza e dei progetti portati avanti da Ai.Bi, abbia potuto mangiare, studiare e trovare un lavoro.

AiBinews Sostegno a Distanza

Dalla Bosnia al Kenya. “Dai miei genitori ho imparato ad aiutare chi ha bisogno: ora voglio insegnarlo anche a mio figlio”

I genitori sono di esempio per i propri figli: sono quel punto di riferimento a cui guardano per capire cosa sia giusto e cosa sbagliato. I genitori di Chiara hanno sempre attivato dei sostegni a distanza perché “è giusto aiutare i bambini abbandonati o meno fortunati”. E così Chiara oggi, adulta, ha fatto un’adozione a distanza in Kenya. E spera anche il suo bambino un domani faccia lo stesso: nella scia della tradizione di famiglia.

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

Siria. Il nuovo anno inizia con un segnale di speranza: approvata dall’ ONU una tabella di marcia per la pace. Ai.Bi intensifica gli aiuti ai bambini siriani

L’Onu ha lanciato un appello per avere accesso alle popolazioni siriane che necessitano di aiuti umanitari, specie nelle aree assediate. Il Consiglio di Sicurezza ha programmato la votazione sulla risoluzione per approvare l’accordo di cessate il fuoco. Ma tanta gente ancora vive il dramma sulla sua pelle con la fame, la sete, il freddo e soffre per aver perduto tutto quello che aveva, per vivere senza un tetto.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Kwetu Home of peace. Mashudu: “Con i miei fratelli vivevo per strada e mangiavo dai cestini del rifiuti. Ai.Bi. mi ha restituito alla mia mamma e ora vado a scuola”

La strada era la mia casa: ho ricominciato a vivere quando ho iniziato il mio percorso di riabilitazione nel centro di Kwetu grazie ad Ai.Bi” racconta Mashudu, un ospite di Kwetu Home of peace, il Centro sostenuto da Amici dei Bambini, nato nel 1993 con l’obiettivo di reintegrare i minori che vivono in strada. “Sono scappato da casa quando ero ancora piccolo – continua Mashudu : mio papà non era in grado di prendersi cura di me soprattutto quando era sotto effetto di droghe e alcool”.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco. E la fiction diventa realtà: divi del cinema in carne ed ossa incontrano i bambini abbandonati

Questa settimana i bambini e ragazzi del centro Fassia di Fez hanno potuto usufruire di un appuntamento molto importante e stimolante: una giornata tutta dedicata al cinema, organizzata a Fez dal centro cinematografico marocchino. La giornata è stata speciale perché il programma ha visto anche la presenza di un attore marocchino molto conosciuto ed amato da tutti, Mohammed Khoyi.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. Cosi Dennis ha vinto il grande nemico: la sua autostima…e da allora la danza non si è più fermata

Dennis Mwendwa è in seconda media alla scuola Sancare Preparatory School. E’ un bambino beneficiario del sostegno a distanza. E’ un membro del programma di Educazione per la vita gestito da un’associazione della comunità per affrontare problematiche che coinvolgono i ragazzi nelle baraccopoli di Nairobi. L’obiettivo del programma è quello […]

AiBinews Sostegno a Distanza

Siria. Aleppo. Fare i conti con una cesta alimentare che deve durare un mese: la sfida di 542 famiglie sostenute da Ai.Bi.

L’inverno sta per abbattersi sulla popolazione stremata di Aleppo: le Nazioni Unite lanciano l’allarme, si rischia una pesante crisi umanitaria se non si sblocca l’assedio dei quartieri orientali della città siriana, dove quasi mezzo milione di civili sono bloccati nelle loro case, senza la possibilità di ricevere ulteriori aiuti. Ed […]

AiBinews Sostegno a Distanza

Nepal. Con il nuovo centro diurno finanziato da AiBi a Dukuchamp l’emarginazione sarà solo un lontano ricordo: assistenza, pasti gratuiti, istruzione e attività ricreative per i bambini più poveri

La comunità Danuwar è una delle più emarginate del Nepal, con alti livelli di disoccupazione e alcoolismo, a cui si sono aggiunti i danni causati dal terremoto del 2015. Per questo Ai.Bi. ha finanziato il progetto di un centro diurno nella località di Dukuchamp. Saranno forniti assistenza, pasti nutrienti, istruzione e attività ricreative ai bambini fino a 3 anni e sensibilizzerà le famiglie su temi come l’alimentazione e l’igiene, sostenendo anche economicamente 25 nuclei disagiati.

AiBinews Sostegno a Distanza

Marocco “Cosa voglio come regalo per il mio compleanno? Due giorni con la mia mamma del cuore”

Lo scorso week-end é stato davvero molto speciale per uno dei nostri cari ragazzi sostenuti con il Sostegno a distanza: Amine é diventato famoso con la sua storia particolare, insieme alla sua mamma italiana che tiene tanto a lui. Una donna che fa di tutto per far sentire la sua vicinanza e il suo amore al ragazzo, tanto da mettere anche da parte la salute e affrontare un viaggio difficile per raggiungerlo e riabbracciarlo

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

Siria, concluso il primo progetto Ai.Bi. di formazione psicosociale per gli operatori dell’infanzia: “Come reagiscono i bambini al dramma della guerra”

Si è concluso a inizio ottobre, dopo quasi un anno, il primo, importante progetto di “capacity building” di Amici dei Bambini in Siria; l’iniziativa, supportata dalle Nazioni Unite e implementata insieme al partner Shafak Organization, ha portato alla formazione di 126 operatori dell’infanzia fra le province di Idlib e Aleppo.Ne hanno beneficiato 4727 bambini.

AiBinews Sostegno a Distanza

Kenya. ‘Sorelle a distanza’: “Mi raccomando, appena arriva questa lettera rispondi subito così posso scriverti di nuovo!”

Da bambina a bambina ancora di più le distanze si annullano e l’Italia e il Kenya sono molto più simili tra di loro soprattutto se le due bambine…ballano la stessa danza e così tra coetanee scoprono di avere tante cose in comune. Vi riportiamo la lettera scritta di suo pugno da Giulia, 10 anni, che si presenta alla “sorella” keniota invitandola a risponderle al più presto.

AiBinews Sostegno a Distanza

Ucraina. Volodarka. Pizza…con orologio per segnare il tempo che passavamo insieme, anche se lontani

A Volodarka mandavo spesso vestiti, biscotti, cibo in scatola e bottiglie di Coca-Cola per tutti i bambini e ogni tanto qualche regalino unico per lui. L’idea della pizza mi è venuta in occasione del compleanno di Nikita: volevo fargli una sorpresa ma al tempo stesso dare l’opportunità a tutti di essere coinvolti nella festa. Immaginavo potesse essere divertente preparare insieme la pizza e poi fare merenda.

Sostegno a Distanza

Brasile. Violenza sulle donne: il 70% delle vittime ha meno di 13 anni

Sguardi e parole ambigue, passi incalzanti, parole che si fanno minacciose sono il preambolo di un incubo che vede coinvolte le donne. La violenza maschilista che “deturpa” il gentil sesso nella loro intimità, incombe ormai come una spada di Damocle. Il Paese più colpito da questo terribile fenomeno è il Brasile dove l’Istituto di ricerca economica applicata (IPEA) ha stimato che sono circa 527mila persone vittime di abuso  ogni anno.

Lettere al direttore Sostegno a Distanza

Sostegno a Distanza. Quanto dei soldi che verso viene effettivamente utilizzato?

Prima di avviare un sostegno, mi piacerebbe sapere a quanto corrisponde il contributo richiesto. Già da tempo volevo effettuare una donazione, ma spesso sono stata frenata dal fatto che non so effettivamente come vengono utilizzati i soldi per donazioni di questo tipo. Potreste darmi informazioni in merito? – Risponde Giuseppe Sollecito, Referente SaD di Ai.Bi.

Lettere al direttore Sostegno a Distanza

Come potrei fare a conoscere meglio il bambino che sostengo?

Sono un vostro sostenitore a distanza da circa un anno. Per la precisione, ho un sostegno a distanza personalizzato per un bambino del Kenya. Al di là della quota mensile del sostegno a distanza, vorremmo avere con lui un contatto più diretto, per conoscerlo meglio, per scambiarci qualche pensiero, per dargli la dimostrazione che noi esistiamo davvero.  – Risponde Giuseppe Sollecito (nel ritratto)

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

Siria. Fuggire o restare: il dramma di chi vive ad Aleppo

Più di 330 civili, tra cui 74 minori, sono morti nella città di Aleppo, in Siria, negli ultimi 30 giorni. A denunciarlo è l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Sabato scorso un missile lanciato dai jihadisti ha colpito anche il Collegio di Terra Santa dei francescani, uccidendo una donna e ferendone altre due. Parla Omar, uno dei beneficiari della campagna “Non lasciamoli soli” di Ai.Bi.

AiBinews Bambini in alto mare Sostegno a Distanza

Siria. Amid: “Se lascio la mia terra come gli altri, chi rimarrà qui per ricostruirla? Ma abbiamo bisogno di tutto, soprattutto per i nostri bambini”

Se Ai.Bi smetterà di aiutare noi e gli altri come possiamo vivere? Abbiamo bisogno di tutto: cibo, kit per l’igiene, utensili da cucina, materassi e coperte. Abbiamo bisogno di tutto per vivere, perché siamo venuti con nulla”. A parlare è Amid uno degli oltre 13 mila beneficiari della campagna “Non lasciamoli soli” che Ai.Bi. ha lanciato per aiutare le famiglie di sfollati, di mamme e bambini siriani che hanno perso tutto a causa della guerra. Amid è uno dei 5,6 milioni che hanno perso tutto: una parte dei 13,5 milioni di persone che vivono oggi all’interno del Paese in stato di estrema necessità.

AiBinews Sostegno a Distanza

Sostegno a distanza Kenya. “Cosa posso fare nel 2016?” Accompagnare un bambino verso la sua nuova famiglia

Dopo tanto tempo, il desiderio di Jedidah è diventato realtà:  è stata adottata da una famiglia amorevole e serena. Ma se Jedidah fa le valigie per andare incontro alla sua nuova famiglia, tanti altri bambini continuano a vivere nei centri gestiti dal 2008 Ai.Bi  in Kenya. Come per Jedidah con un sostegno a distanza puoi accompagnare un bambino verso la sua nuova famiglia.

AiBinews Sostegno a Distanza

Repubblica democratica del Congo. Per Martin la felicità è una bicicletta per andare a scuola

Non un tablet, l’ultima versione di iphone o le modernissime sneakers (scarpe da tennis ndr). Niente di tutto quello che potrebbe desiderare un ragazzino di 11 “benestante”, ma “semplicemente” una biciclettaPer andare a scuola e “macinare” così quei chilometri più velocemente. Questa la richiesta che Martin (nome di fantasia) affida ad una letterina inviata, qualche mese fa, al suo sostenitore a distanza

Sostegno a Distanza

Un’ estate “principesca” per i nostri bambini

Durante i mesi di giugno e luglio i bambini del Centro Lalla Meriem trascorrono 2 settimane di vacanze nella villa al mare affittata dalla direzione appositamente per loro in una località balneare poco fuori Rabat. La villa ha una “particolarità”: si trova all’estremità di una scogliera a picco sul mare e soprattutto a poche centinaia di metri dal palazzo della principessa Lalla Zineb.

Sostegno a Distanza

Un compleanno speciale per Amine. “La mia mamma di ‘cuore’ ha superato ogni distanza per festeggiare con me”

Amine non stava nella pelle, durante tutto il viaggio in treno con Alaa era molto emozionato e non vedeva l’ora di arrivare per riabbracciare la sua mamma, nonostante il gran caldo e la fatica del Ramadan. All’arrivo in stazione a Marrakech c’era Anna ad aspettarli e ovviamente l’incontro è stato come sempre denso di emozione, di sorrisi, di occhi lucidi di felicità.

Sostegno a Distanza

Perù. Harold: “Ho sognato che un giorno andrò in Italia e aiuterò i bambini che come me hanno bisogno di aiuto”

Harold era molto contento al telefono, quasi urlava!  “Ho sognato con voi, che siete sempre presenti nelle nostre vite…Ho sognato che un giorno andrò in Italia e aiuterò i bambini italiani che come me hanno bisogno d’aiuto…Ho sognato che dovevo darvi un ringraziamento personale perché anche quest’anno siete accanto a noi”.

Sostegno a Distanza

Il cambiamento è inevitabile: per i bambini di Kwetu vuol dire non tornare in strada

Il cambiamento a volte avviene a “suon” di sfide. A volte per affrontarlo gli uomini tendono a usare molti modi e in questo caso i bambini non sono eccezionali. La maggior parte dei bambini che arrivano dalle strade sono portati nei centri di riabilitazione per essere aiutati a cambiare il loro comportamento. Quando arrivano al centro, alcuni sembrano decisi a voler cambiare, altri un po’ meno e per loro la tentazione di tornare per strada è forte.

Sostegno a Distanza

Bolivia. La storia di Ramon: in istituto per sfuggire alla violenza, la speranza di una famiglia per tornare a sentirsi figlio

Per Ramon, il collocamento presso l’istituto Virgen de Fátima in Bolivia, sostenuto da Amici dei Bambini, è stata una salvezza. Prima di allora, infatti, il ragazzino aveva vissuto con i suoi genitori che facevano uso di bevande alcoliche in modo frequente, lasciandosi andare spesso a momenti di violenza familiare.

Sostegno a Distanza

Dona un po’ d’amore a Carolina e il suo sorriso sarà salvo…

“Carolina è piccola e carina. Ti vede e ti chiede come ti chiami, poi se ti dimostri cortese con lei non ti lascia più, ti segue e ti offre uno dei suoi giocatoli…”. In questo modo Francisco, descrive Carolina, una bambina di 5 anni ospite del centro…La domanda che però dobbiamo porci è per quanto tempo Carolina sorriderà senza che l’ombra del dolore possa rovinare questa felicità

Sostegno a Distanza

Italia. “Sta per nascere il mio bimbo: nella mia valigia tanta curiosità, molte paure e immensa gioia”

Riportiamo la lettera scritta da un’educatrice di una Comunità mamma bambino che racconta i momenti e le emozioni che una giovane ragazza sta provando nei momenti immediatamente precedenti la nascita del suo bambino. Momenti delicatissimi, in cui una mamma in condizioni fragili, ha bisogno di tutto il supporto e la vicinanza che le operatrici della struttura sono in grado di dare. Attività di sostegno rese possibili anche grazie al vostro aiuto. Scopri come: visita l’home page dedicata alla nostra campagna “Fame di mamma”

Sostegno a Distanza

An Linqing “Vedi Tata, sono forte: ce l’ho fatta!” Dopo ogni caduta, i nostri bambini imparano a rialzarsi

An Linqing, il bambino più grande della Casa Famiglia di Xi’An, è un simpatico tenerone. Da quando è entrato nella casa, circa un anno fa ormai, ha già conquistato tutte le tate con il suo dolce sorriso. Ma oltre alla dolcezza e alla simpatia, questo bambino è dotato di un’altra importantissima qualità: la determinazione.

Sostegno a Distanza

L’abbandono va…in fumo. I ragazzi del Sidi sanno che una sigaretta può uccidere l’anima…

Il weekend scorso i ragazzi del nostro centro partner Sidi Bernoussi di Casablanca hanno partecipato ad un incontro sui pericoli del fumo organizzato da un’associazione che si chiama Sihhati, che significa “La Mia Salute”. Il tema trattato erano appunto le sigarette e lo slogan scelto era “una sigaretta può uccidere l’anima”. I ragazzi si sono mostrati molto interessati e attenti alle spiegazioni della presidentessa dell’associazione, nonostante i più grandi tra loro sappiano già perfettamente cosa sia un sigaretta!!!

Sostegno a Distanza

Aiutare il bambino sostenendo tutta la famiglia: solidarietà a 360 gradi

Nella Creche Irmã Margarida, Ai.Bi Brasil riteniamo fondamentale lavorare con tutta la famiglia del minore accolto come un’unica entità, coinvolgendo tutto il nucleo familiare nelle attività promosse dal centro perché crediamo nell’utilità e funzionalità del supporto a 360 gradi. Aiutando anche la famiglia, si aiuta realmente il minore a un suo reinserimento in casa. É, perciò, nel seno della famiglia, che un bambino ottiene la sua base emozionale/educazionale che lo accompagnerà per tutta la sua vita.

Sostegno a Distanza

Le promesse vanno mantenute!!!

Hicham, Reda, Amine, Mohammed, sono solo alcuni dei ragazzi che vivono al Nido della FRZ di Meknes. Nonostante siano degli adolescenti continuano a vivere al Nido perché soffrono di disabilità più o meno gravi. Questo pero’ non vuol dire che non abbiano delle speranze o dei desideri… tutto il contrario!!!

Sostegno a Distanza

Daniel. “Sorridere è sempre una soluzione per lottare contro la tristezza”

Se vieni da una famiglia povera, dove tua madre e tuo padre pur lavorando 15 ore tutti i giorni, non riescono a guadagnare a sufficienza per consentirti un’infanzia felice e spensierata come  quella che meritano tutti i bambini,  e se le tue giornate le passi in un istituto, con altri bambini nella tua stessa condizione, se non peggiore, sorridere non è facile. Tutt’altro. Ma Daniel trova la forza e l’entusiasmo di sorridere sempre e comunque. Questo anche grazie agli operatori del centro e dei suoi sostenitori a distanza.

Sostegno a Distanza

Sonia, mamma a distanza “Caro mio Zouhir, sei parte della nostra famiglia”

Sonia, mamma a distanza, manda una lettera a  Zouhir, per il suo compleanno. Sono auguri speciali. “Che grande piacere ed emozione ricevere le tue foto recenti durante l’incontro con Daniela che ti ha portato il nostro regalo e che bello vedere che subito l’hai messo al polso! Spero ti piaccia e che ti dia la forza ogni giorno per lottare e sorridere sapendo che noi siamo sempre con te anche se lontano e che per ogni cosa puoi contare sempre su di noi!

Sostegno a Distanza

“Tutte le sere sogno la stessa mamma, per questo riesco a disegnarla così bene!”

Nella casa famiglia gestita da Amici dei Bambini a Xi’an, in Cina, sono rimasti solo quattro bimbi. Gli altri per fortuna sono stati adottati, ma per i piccoli ospiti la nostalgia dei loro amichetti è più forte della gioia di poter essere coccolati un po’ di più dalle tate. Così l’educatrice Liu ha organizzato una gita fuori porta, accompagnando i bimbi nella parrocchia del quartiere (per quanto poco numerosi, anche in Cina esistono i cattolici).